Ridimensionato il taglio delle Poste

Evitata la chiusura di 6 uffici postali in provincia di Forlì-Cesena.

Sono salvi e resteranno aperti 104 dei 139 uffici postali che, secondo il piano prospettato da Poste Italiane all’Agcom non più tardi di qualche mese fa, avrebbero dovuto chiudere le serrande per sempre in Emilia-Romagna. Nessun esubero di personale, e una particolare attenzione ai territori più fragili, come la montagna e le zone colpite dal terremoto. È questo l’accordo sostanziale tra Poste Italiane e le organizzazioni sindacali Cgil, Cisl, Uil, raggiunto grazie alla collaborazione della Regione, delle Province e dei Comuni interessati.

In provincia di Forlì-Cesena resteranno aperti gli uffici di Calisese, Gattolino, Predappio Alta, San Benedetto in Alpe, Selvapiana e Tontola.

“Con la risoluzione presentata lo scorso luglio in Assemblea legislativa – spiega il Consigliere regionale Damiano Zoffoli, tra i firmatari del testo – avevamo chiesto alle Poste di riconsiderare il proprio piano, anche per non aggravare i problemi delle persone che vivono nelle zone terremotate, e che già devono fare i conti con una situazione difficile. Lo stesso dicasi per chi abita in montagna, una delle zone più fragili del nostro territorio che merita, dunque, particolare attenzione e cura”.

Grazie all’impegno comune delle Istituzioni (Regione, Province e Comuni) e delle forze sindacali è stato raggiunto un risultato soddisfacente per il nostro territorio, che tutela cittadini, lavoratori e aziende. Il buon esito della vicenda è il segnale che la concertazione virtuosa può portare a risultati importanti per la salvaguardia dei servizi essenziali, come gli uffici postali, che sono un presidio importante per mantenere vivi i territori più isolati e disagiati” conclude Zoffoli.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.