Un sostegno per la competitività del settore vinicolo

A disposizione 3,4 milioni di euro per modernizzare impianti e commercializzazione. Dallo scorso bando arrivarono 279mila euro per 8 aziende di Forlì-Cesena.

Making wineI vini italiani hanno compiuto passi da gigante negli ultimi 25 anni e, con essi, quelli romagnoli. Un tempo esclusi dalla scena enologica mondiale, i vini del Belpaese ormai sono divenuti un’eccellenza del made in Italy, componente importante dell’export italiano.

Non ci si può però sedere sugli allori, per questo la Regione Emilia-Romagna ha stanziato 3,4 milioni di euro per modernizzare gli impianti di trasformazione del vino e le attività di commercializzazione, al fine di rendere più competitive le imprese regionali.

Si tratta di un bando per contributi a fondo perduto, per i quali si potrà far domanda online fino al 10 gennaio 2013 utilizzando il Sistema operativo pratiche di Agrea (http://agrea.regione.emilia-romagna.it). Il bando è rivolto sia alle imprese agroindustriali (produttori e/o commerciali) che alle imprese agricole di base che effettuano la trasformazione della materia prima e la successiva commercializzazione.

I contributi potranno essere usati per finanziare l’acquisto di nuovi macchinari, impianti e attrezzature. Oppure, sul fronte della commercializzazione e gestione dei processi, per la creazione di siti Internet o l’implementazione di prodotti software. In ogni caso ci sarà un tetto al finanziamento, pari al 40 per cento sull’importo totale per le piccole imprese, mentre per le medie imprese il limite è fissato al 20 per cento.

“Lo scorso bando – commenta il Consigliere regionale Damiano Zoffoli – ha visto vincitrici, tra le altre, otto imprese agricole della provincia di Forlì-Cesena, finanziate con 279mila euro di contributi complessivi sul totale di 745mila euro di interventi. Per il 2013 poi la Regione, in aggiunta ai 3,4 milioni di questo bando, ha in previsione lo stanziamento di altre risorse per circa 19 milioni di euro.  Un sostegno convinto alla produzione agricola locale che, come sappiamo bene, costituisce un indispensabile presidio sul territorio”.

Nel definire la graduatoria del bando saranno premiate le imprese con la maggiore percentuale di produzioni biologiche e di qualità (come Docg, Doc, Igt), quelle con certificazioni di qualità (tipo Ohsas 18001, Uni En ISO 22000/2005, Uni En Iso 22005/2008, Standard Brc e Standard Ifs), e quelle che con i loro interventi possano assicurare vantaggi per l’occupazione.

L’esito del bando sarà noto entro la fine di marzo 2013 e tutti gli interventi dovranno essere conclusi entro il 30 luglio. A quel punto la Regione erogherà i fondi entro il 30 ottobre.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.