Non basta vincere, Adesso! bisogna cambiare

Matteo Renzi a Cesena“È stato un privilegio per me accompagnare la vostra speranza, fare questo tratto di strada insieme. Non siamo riusciti a cambiare la politica. Adesso sarà meraviglioso dimostrare che la politica non riuscirà a cambiare noi. Abbiamo dalla nostra parte l’entusiasmo, il tempo e la libertà. Ho ricevuto più di quanto ho dato. Vi ringrazio e vi abbraccio” (dal concession speech di Matteo Renzi, domenica 2 dicembre 2012).

È stata una bella sfida, che ha fatto bene al centrosinistra e al nostro Paese.

Quando sembrava che l’unico spazio fosse oramai quello dell’antipolitica, abbiamo dimostrato che se la parola torna ai cittadini, perché i partiti danno loro la possibilità di esprimersi, partecipare e decidere, l’antipolitica tace, o è costretta ad inseguire.

Matteo Renzi ha perso le Primarie, ma la sua battaglia non è stata vana. Ha dimostrato con coraggio, concretezza e chiarezza (abbandonando il politichese!) che c’è un grande bisogno di idee e facce nuove.

Quel quasi 40 per cento di voti, raccolti in pochi mesi, costituisce un risultato straordinario, che cambia faccia al Pd, e forse all’intera politica italiana.

In provincia di Forlì-Cesena, Renzi ottiene oltre il 45 per cento dei voti, il miglior risultato a livello regionale.

Il dato è politicamente rilevante. Ma lo è anche numericamente, se si considera che Renzi aveva come avversario il Segretario del partito, la quasi totalità dei dirigenti (in Emilia-Romagna, legittimamente, tutti i segretari provinciali e quello regionale) e dei gruppi parlamentari, la larghissima maggioranza dei sindaci e dei governatori del centrosinistra e, al ballottaggio, anche gli altri tre candidati (Vendola, Puppato e Tabacci).

Oggi Renzi rappresenta circa quattro elettori su dieci del centrosinistra e Bersani non può ignorare le sue idee, né può fare a meno di quel milione di persone, di quelle energie e di quell’entusiasmo, che le sue idee hanno saputo mobilitare.

Non in termini di “posti”, che Renzi non chiede, ma in termini di proposta politica.

“Chi ha vinto ha l’onore e l’onere di rappresentare anche gli altri, senza alcun inciucio e impiccio” ha detto Matteo Renzi, riconoscendo la vittoria di Pier Luigi Bersani, con un discorso che lo ha “consacrato” come futuro leader del centrosinistra, rilanciando la sfida ad un nuovo approccio alle questioni sociali ed economiche; ad un taglio netto a posizioni di rendita, soprattutto all’interno del ceto politico; ad una visione dinamica della società, che unisca uguaglianza, merito ed efficienza, per valorizzare i talenti delle persone; alla lotta alla burocrazia, con la riduzione del peso dello Stato, spesso fonte di corruzione e clientelismo.

Un esempio? Come riportato da autorevoli commentatori, da oltre sei mesi si discute di eliminare i sussidi e le agevolazioni di cui godono talune imprese (senza vi sia alcuna evidenza che questi aiuti favoriscono la crescita), in cambio di una riduzione del cuneo fiscale, cioè restringendo la forbice che separa il costo del lavoro per l’impresa, dal salario percepito dal lavoratore. È una scelta con la quale concordano sia Confindustria sia i sindacati. Ma la proposta, pur auspicata dal presidente del Consiglio, non è neppure arrivata in Parlamento: da mesi la burocrazia la blocca. Perché? Semplice: eliminare questo o quel sussidio significa chiudere il relativo ufficio ministeriale e assegnare il dirigente ad un diverso incarico. Ciò, per lui, significa perdere il potere che gli deriva dall’amministrare ingenti risorse pubbliche. È per questo che i dirigenti si oppongono sempre e comunque a riduzioni della spesa che amministrano, indipendentemente dal fatto che serva, o meno, a qualcosa.

Il consenso raccolto da Renzi offre a Bersani la straordinaria opportunità di cambiare e innovare, non soltanto la classe dirigente, ma anche il metodo con cui affrontare, e provare a risolvere, i problemi inediti che questo tempo di crisi ci consegna.

Prendendo di petto le questioni, e decidendo di riformare i meccanismi esecutivi dello Stato. La buona politica è questo.

L’immobilismo che, in questi anni, ha impedito di abolire il porcellum e fare una nuova legge elettorale, riformare le autonomie locali e modificare il meccanismo del patto di stabilità, ha alimentato il voto di protesta nei confronti dell’apparato e a favore del cambiamento.

Ora non possiamo regalare a Grillo il monopolio della novità e dell’alternativa.

“Dobbiamo diventare il cambiamento che vogliamo vedere nel mondo”, partendo dall’essere alternativi a noi stessi, anche nei nostri territori, nelle cosiddette regioni “rosse”, dove Renzi ha raccolto i maggiori consensi.

Molto probabilmente la sinistra potrebbe vincere le elezioni, semplicemente restando ferma, grazie al fallimento di una destra che ha illuso con le promesse di un facile cambiamento, senza mai realizzarlo.

Ma non basta vincere! Per convincere e governare il Paese, bisogna cambiare davvero!

Il percorso è cominciato, e soprattutto, è obbligatorio. Diamo forza alla speranza seminata da Matteo!

Damiano Zoffoli

 

Ps

Voglio dire un sincero grazie a voi tutti, giovani giovanissimi e meno giovani, che avete partecipato con entusiasmo alle tante attività dei nostri Comitati. In queste settimane abbiamo lavorato a stretto contatto: coinvolgendo tante persone che, per la prima volta, si interessavano alla politica; riavvicinando all’impegno persone oramai disilluse, che si erano allontanate; riportando a votare tanta gente che da un pezzo non ne aveva più voglia.

Sono state giornate intense, stancanti, piene; ma che ci hanno permesso di conoscerci più a fondo e di consolidare la nostra amicizia, di confrontarci e discutere su come migliorare il centrosinistra e, più in generale, la Politica, di parlare del futuro del nostro Paese.

Ci abbiamo messo la faccia, con coraggio; abbiamo difeso la bontà di un’idea, senza calcolare se ci conveniva o meno.

La speranza, come diceva Vaclav Havel, “non è la convinzione che una determinata cosa andrà bene, ma la certezza che essa ha un senso, indipendentemente da come andrà a finire”.

Il cambiamento è appena iniziato, e Matteo Renzi ha dalla sua parte l’entusiasmo, il tempo e la libertà per poterlo realizzare.

Andiamo avanti, Adesso!

Buon lavoro a noi tutti!

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:

4 comments to Non basta vincere, Adesso! bisogna cambiare

  • Fringui

    Caro Damiano, queste primarie devono indurre anche a fare un’altra riflessione. Per Renzi – e per coloro che la pensano come lui – non è solo una battaglia contro Bersani, D’Alema, Bindi, etc, bensì contro la maggioranza degli elettori del Pd che, evidentemente, vogliono tenersi stretto un partito che altro non è che un revival del Pci (prima) e Ds (dopo).
    E’ chiaro infatti che il “sogno” da cui è nato il Partito democratico è morto (e sepolto) prima di nascere. Voi dite “Il Pd è la nostra casa”, ma in questa “casa” convivono due anime inconciliabili. Che senso ha continuare questa convivenza?
    Mi chiedo: con quale faccia coloro che si sono attivati nei Comitati Renzi faranno ora campagna elettorale per Bersani? Votare uno o l’altro non è certo la stessa cosa: non proponevano solo due programmi differenti, bensì due modi molti diversi di intendere la politica. E non basta giustificare il tutto con la “fedeltà” al partito o contando sulla speranza che Bersani si faccia carico delle aspettative di cambiamento dei renziani. Se i “vecchi” dirigenti (Bersani compreso) avessero voluto cambiare qualcosa, l’avrebbero già fatto da tempo. E ora sono fuori tempo massimo.

  • AMILCARE

    LA SINISTRA HA PERSO UNA GROSSA OCCASIONE, PERO’ PUO’ ANCORA RECUPERARE E CAPIRE IL SIGNIFICATO LANCIATO DA UNA NUOVA POLITICA, CHE VOGLIONO GLI ITALIANI, DI DESTRA E DI SINISTRA.
    RICORDATEVI CHE I PROSSIMI MESI SARA’ DURA, C’E’ IL RISCHIO DEL COLLASSO DEL NS PAESE.

  • giorgio

    Non sono d’accordo sull’analisi di Fringui.
    Ho votato Bersani non perchè voglio tenermi un partito revival del vecchio PC, ma perchè voglio anche io, come moltissimi altri che hanno votato come me, si effettuino tutti i cambiamenti enunciati da Damiano.
    Non dobbiamo guardare indietro, ma avanti, chi non è in grado di farlo è destinato a soccombere, questa è l’ultima chance per la politica tutta, oltre c’è l’antipolitica che si intravede anche nella lettera di Fringui.
    Faccio un appello a tutti gli amici che hanno votato per Matteo, a continuare a battersi per il rinnovamento, come si sono battuti per le primarie senza indugiare in polemiche o a considerarsi vittime di un apparato, che nei suoi aspetti più discutibili può essere modificato solo lavorando assiduamente all’interno del Partito.
    Forza Partito Democratico, democratiche e dempocratici.
    P.s.
    Facciamo attenzione ad abolire completamente il finanziamento pubblico ai partiti, o i rimborsi che dir si voglia. La nostra base non credo sia in grado di fornire contributi paragonabili con quelli, anche palesi, di lobby rappresentanti degli interessi economici forti.

  • Fringui

    @Giorgio

    Tu parli di “rinnovamento” e di “guardare avanti”, eppure hai votato Bersani … davvero non capisco la tua logica.
    Ma cos’altro deve fare questa classe dirigente, sulla scena da decenni, per indurti a negargli la tua fiducia? Non è bastato che Bersani & C. non abbiano fatto la legge sul conflitto d’interesse quando potevano farlo, risparmiandoci così il ventennio berlusconiano? Non è bastato sapere che la persona che hai votato alla guida del paese abbia preso un finanziamento di quasi 100mila euro dal gruppo che controlla l’Ilva, che ha devastato una città? Etc etc.

    L’ultima chance per la politica è quella di affidare il paese a persone oneste con menti nuove. Se tu pensi che Bersani sia tutto questo vuole dire che credi ancora alle favole.

    E per inciso, i fautori dell’antipolitica sono quei politici che approfittano della posizione privilegiata in cui si trovano per fare i propri interessi o quelli del proprio partito, invece che perseguire il bene comune. Vanne a contare quanti ce ne sono nel Pd che non hai contributo a cambiare.