Andare a spasso tra i sentieri aiuta l’entroterra

Un progetto di legge vuole valorizzare i percorsi di collina e montagna, con benefici per il turismo e a presidio del territorio.

CasentinoPasseggiare nella natura per conoscere o riscoprire il territorio. Per il proprio benessere. Per socializzare. Le ragioni di un escursionista possono essere molteplici ma l’Emilia-Romagna, con i suoi 5mila chilometri di percorsi, è in grado di soddisfarle tutte offrendo l’imbarazzo della scelta.

“Si tratta di un patrimonio di sentieri – spiega il consigliere regionale Damiano Zoffoli – da mantenere e promuovere. Per questo è necessaria una legge regionale in grado di valorizzare le attività escursionistiche. Provvedimento che porterebbe un ulteriore beneficio, quello di aumentare il presidio di un territorio fragile, come quello montano, a rischio di abbandono e dissesto idrogeologico”.

Il progetto di legge, promosso dalla maggioranza e non ancora approdato in aula, si è avvalso anche dei suggerimenti del Club alpino italiano. Si propone di riscoprire lo storico ruolo dei sentieri, delle mulattiere, dei tratturi e delle carrarecce come infrastrutture viarie, per poi preservare e valorizzare percorsi che hanno contribuito nei secoli a dare forma a diverse comunità. Una filosofia che va a braccetto con un tipo di turismo interessato all’ambiente, alla storia e alle ricchezze naturali.

Base di riferimento per il lavoro sarà la banca dati regionale “Sentieri” (creata nel 2009), che muterà pelle diventando Catasto della rete escursionistica. In questo modo tutti i livelli di governo dovranno tener conto di questi percorsi nella propria pianificazione territoriale, riconoscendone la funzione pubblica e regolando i rapporti con le proprietà private. Un obiettivo che non sarebbe stato raggiungibile per mezzo di semplici provvedimenti amministrativi ma che necessita di una legge regionale vera e propria.

Il Catasto dei sentieri permetterà di pianificare meglio anche le attività di manutenzione, dando regole certe, utili anche al lavoro dei volontari che già si occupano di mantenere percorribili un gran numero di percorsi.

Per rendere più fruibile l’accesso ai dati del Catasto, il progetto di legge prevede la realizzazione di portali informatici e guide cartacee.

La legge si propone infine di garantire nuovi canali di finanziamento in grado di rilanciare questi percorsi in chiave turistica, in collaborazione con le comunità locali.

Il testo del progetto di legge è scaricabile QUI.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:

2 comments to Andare a spasso tra i sentieri aiuta l’entroterra

  • L’Associazione Via Romea di Stade, unitamente alla’Associazione tedesca Romweg, sta studiando e tracciando il percorso descritto dal monaco Alberto nel 1236, e ha già ritracciato centinaia di chilometri, sia in Germania che in Italia.
    Sul nostro sito sono disponibili le cartine parziali e provvisorie da S. Alberto di Ravenna a Fabro, tratto percorso assieme agli amici tedeschi.

  • dr francesco milanesi

    importante specificare quali sentieri sono percorribili anche a cavallo, o in bicicletta.
    e segnalare le sorgenti in cartina.
    ciao,
    Francesco