Aumenta l’assegno di cura per le disabilità gravi

Passa a 34 euro al giorno l’importo dell’assegno per le persone con gravissima disabilità (tra cui le persone malate di Sla) e con bisogni di assistenza molto elevati. In provincia di Forlì-Cesena ne potranno beneficiare 160 persone.

Aumenta l’assegno di cura per le persone con gravissime disabilità acquisite che hanno bisogni di assistenza particolarmente elevati nell’arco delle 24 ore. Con una delibera approvata dalla Giunta regionale l’assegno viene portato a 34 euro al giorno (finora, il livello massimo era di 23 euro).

Le persone con gravissime disabilità acquisite sono, per esempio, persone con cerebrolesioni o mielolesioni, persone in fase avanzata di patologie neurologiche come la Sindrome laterale amiotrofica, più comunemente nota come Sla.

I criteri per l’assegnazione di questo assegno di cura sono stati condivisi con le associazioni dei familiari dei pazienti. Con questo provvedimento, alle famiglie che hanno un impegno assistenziale particolarmente elevato sulle 24 ore viene garantita una somma di circa 1200 euro al mese (assegno di cura da 34 euro al giorno, più 160 euro al mese come contributo aggiuntivo per chi ha un assistente familiare con regolare contratto).

Le persone già seguite dai Servizi socio-sanitari territoriali e che già ricevono l’assegno da 23 euro non devono presentare alcuna domanda per usufruire del nuovo assegno. Saranno le Aziende Usl stesse, in collaborazione con i Comuni, a valutare se la persona rientra nei requisiti definiti con la delibera di Giunta e a contattare le famiglie.

Il programma regionale per le gravissime disabilità

Dal 2004 la Regione Emilia-Romagna ha promosso un programma, unico in Italia, per l’assistenza continuativa delle persone con gravissima disabilità acquisita (delibera di Giunta regionale n. 2068 del 2004).

In base a questo programma, le persone con gravissima disabilità seguite dai servizi, nel 2011, sono state 1.312 (160 delle quali in provincia di Forlì-Cesena). Di queste 470 (63 a FC) sono state inserite in strutture residenziali e 842 (97 a FC) sono state assistite al domicilio.

Rispetto alla cause della disabilità, il 50% è in condizione di gravissima disabilità acquisita in conseguenza di una cerebrolesione, il 9% di una mielolesione e il 41% per la fase avanzata di malattie neurologiche.

La delibera approvata dalla Giunta regionale rappresenta un ampliamento del Programma per le gravissime disabilità acquisite e, al tempo stesso, un adeguamento del Programma per l’assistenza domiciliare alle persone con Sla (delibera di Giunta regionale n. 1762 del 2011), che l’Emilia-Romagna ha attivato per il biennio 2012-13.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.