Contributi per attività giovanili: 41mila euro in arrivo a Forlì-Cesena

Il bando regionale ha finanziato 20 realtà del territorio tra associazioni, circoli e oratori.

Giovani e sportSport, spettacoli, attività di gruppo, salute, formazione. Le associazioni che si rivolgono ai giovani, gli oratori e i centri di aggregazione giovanile offrono un ricco ventaglio di attività, importanti e in qualche caso decisive per la crescita della persona. La Regione, per mezzo della legge 14 del 2008, sostiene attivamente queste iniziative della società civile.

Nei giorni scorsi una delibera di Giunta ha assegnato, sulla base di questa legge, i contributi regionali per attività a favore di adolescenti e giovani per l’anno 2012. L’importo è lo stesso dell’anno precedente: 250mila per le attività educative delle cooperative sociali, 250mila per gli enti privati, istituzioni private e Onlus. A questi si aggiungono altri 400mila già ripartiti tra gli enti locali.

“Dei 500mila euro messi a bando – annuncia il consigliere regionale Damiano Zoffoli41mila 611 euro sono stati destinati alla provincia di Forlì-Cesena. Andranno a finanziare 20 diverse realtà  del nostro territorio, tra associazioni, circoli, oratori e cooperative,  impegnate a mettere in campo progetti per 481mila euro complessivi. Le esperienze dei privati e della società civile sono un arricchimento  rispetto alle attività delle Amministrazioni pubbliche ed è doveroso riconoscerlo, anche a livello economico, in special modo quando queste riguardano i giovani. Sono questi cittadini di domani, infatti, con le loro speranze e il loro entusiasmo, la chiave per uscire da una crisi che sembra aver tolto prospettive a tanti”.

Poco più del 20 per cento dei 500mila euro di contributi messi  a bando era riservato a progetti di carattere regionale. Sono stati  assegnati ad altri 9 progetti dal costo complessivo pari a 490mila euro.

La valutazione di ammissibilità degli interventi è stata curata dalla Regione Emilia-Romagna, mentre della formulazione delle graduatorie se ne sono occupate le diverse Province.

E’ possibile scaricare la delibera di attribuzione dei contributi QUI.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.