No Slot. Firma anche tu la petizione di VITA.it

Mobilitiamoci tutti per mettere un freno a un fenomeno che sta mettendo in ginocchio milioni di persone e migliaia di famiglie.

In una società sempre più segnata da precarietà e incertezze, il gioco d’azzardo di massa rappresenta un moltiplicatore dello stato di crisi e, al tempo stesso, trasforma un problema sociale e economico in un dilemma dal quale difficilmente si può uscire senza assumere una posizione chiara e decisa.

Il portale no profit VITA.it, attraverso il “Manifesto No Slot”, propone di prendere posizione, trasformando in proposta il disagio di tutti dinanzi a un fenomeno che ha assunto proporzioni inaudite.

Sono, infatti, circa 35 milioni gli italiani dediti al gioco; e di questi circa 2 milioni sono giocatori “patologici”.

Un fenomeno che sta assumendo proporzioni allarmanti anche in Emilia-Romagna, dove si giocano circa 7 miliardi di euro l’anno, pari a quanto la Regione investe nell’intero sistema sanitario regionale per curare tutte le patologie.

Anche per queste ragioni, in Assemblea legislativa è in discussione un progetto di legge presentato dalle forze politiche di maggioranza, che si propone, nell’ambito delle competenze regionali, di contrastare il fenomeno del gioco d’azzardo e le sue ricadute personali, familiari e il danno sociale legato all’aumento nella popolazione della patologia di dipendenza correlata, denominata gioco d’azzardo patologico (Gap).

La proposta di legge mette in campo diversi provvedimenti: un marchio rilasciato dalla Regione Emilia Romagna (Slot freE-R) ai gestori di esercizi commerciali, circoli privati e altri luoghi d’intrattenimento che scelgono di non installare le apparecchiature per il gioco d’azzardo; attività di educazione e divulgazione, in collaborazione tra scuole, Enti locali, aziende sanitarie locali, Terzo settore e associazioni; misure sanitarie di carattere sperimentale, anche residenziale, e iniziative Ausl di prevenzione, diagnosi, cura e riabilitazione, anche con la costituzione di strutture specialistiche monotematiche e la specifica formazione di operatori socio-sanitari.

Ma per fronteggiare le numerose problematiche generate dal crescente fenomeno della dipendenza dal gioco d’azzardo urgono interventi legislativi a livello nazionale, e risorse che consentano di affrontare i costi dei servizi nei territori.

È quanto chiede una mozione presentata durante l’ultimo Consiglio regionale, con la quale abbiamo chiesto al Governo di completare il percorso normativo intrapreso con il cosiddetto Decreto Balduzzi (D.l. 158/2012) in materia di ludopatia prevedendo che, a fronte dell’inserimento del gambling patologico nei Livelli essenziali di assistenza (Lea), ci sia anche uno stanziamento di risorse dedicate, necessarie per garantire l’effettiva predisposizione e attuazione da parte delle Regioni di politiche socio-sanitarie di assistenza alle persone affette da tale patologia.

Per ottenere tutto questo, serve una mobilitazione che abbia prima di tutto la forma di una presa di coscienza e sensibilizzi associazioni, famiglie, amministratori locali, insegnanti e studenti, rispetto a un fenomeno drammaticamente in crescita.

Ecco perché ho aderito al “Manifesto No Slot”, che riporto qui di seguito. Fallo anche tu!

Damiano Zoffoli

 

NO SLOT: UN MANIFESTO PER NON STARE A GUARDARE

In periodi di crisi, con l’accrescersi delle disuguaglianze economico-sociali, la contrazione del welfare e l’inasprirsi delle situazioni di bisogno anche estremo, per milioni di italiani il ricorso alla fortuna sembra rappresentare l’unica, ma illusoria opportunità per «rimettere a posto le cose». Il 6% dei giocatori abituali, ossia circa un milione e mezzo di italiani secondo le stime dell’Organizzazione Mondiale della Sanità rientra nella categoria dei giocatori affetti da disturbi comportamentali compulsivi. Ma il problema non è riducibile alla patologia del problema. Il problema è a monte, nelle scelte e pertanto è etico, politico, economico e al tempo stesso civile. Il gioco d’azzardo di massa, forse, trasferisce ricchezza, ma non ne produce. Non solo, la pervasività dei nuovi giochi a moneta rischia di compromettere destinazione e natura di luoghi da sempre ritenuti primariamente d’incontro, anziché di consumo (pensiamo ai bar, ma anche alle sale d’attesa).

In contesti perduranti di crisi e oltre limiti di fruizione e accesso che nel corso degli anni si sono sempre più assottigliati, questo gioco produce quindi non solo disvalori e dipendenze, ma vere e proprie diseconomie. Non solo le famiglie, ma anche le città, i paesi, i luoghi si impoveriscono sempre più, negando spazio, centralità e tempo alla persona.

Il gioco ha una sua funzione-speranza, che se spinta come oggi all’eccesso – un eccesso di sistema, non solo individuale è bene ribadirlo – mina l’etica del lavoro e della condivisione, a tutto vantaggio di un’etica dell’affidamento. Si confida nel caso, di confida nella sorte, si perde fiducia negli altri e le comunità di disgregano secondo un processo tanto drammatico, quando logico e inevitabile se non si pone rimedio. Auspichiamo quindi, prima di ogni proposta nel merito, una presa di coscienza del problema, da parte dei cittadini, delle associazioni, dei corpi intermedi e non da ultimo delle autorità che vivono, lavorano e operano sui territori. Ci rivolgiamo a loro, a voi, affinché il disagio nostro e vostro si faccia proposta aggregandosi senza pregiudiziali ideologiche o di parte attorno e a partire dai seguenti punti:

> TUTELARE
Ci impegniamo a tutelare la libera crescita dei nostri ragazzi. Affinché il gioco sia nient’altro che gioco e forme anche indirette di “azzardo” non si introducano surrettiziamente nei luoghi – es. ludoteche, centri di aggregazione – del loro divertimento e della loro formazione.

> SOSTENERE
Ci impegniamo a sostenere i commercianti e i titolari d’impresa – ad es. bar, edicole, benzinai e negozi alimentari – che non intendono trasformare la ragione sociale del loro lavoro in funzione subordinata rispetto al guadagno derivante dal gioco d’azzardo. Proporre sul piano locale una riduzione della pressione fiscale per gli esercizi “virtuosi”.

> AVANZARE
Ci impegniamo ad avanzare sui territori proposte concrete per contenere, limitare e arginare il “consumo di suolo” da parte di “sale giochi”, soprattutto in prossimità di luoghi sensibili (ospedali, case di riposo). Fare rete e favorire a tal fine il dibattito, il confronto e l’incontro, organizzando momenti di riflessione e approfondimento. Fare pressione affinché sui territori – quartieri, comuni, province – le autorità prendano coscienza del problema e, con l’appoggio e la spinta di cittadini e associazioni, pongano in essere quanto di loro competenza per limitare il fenomeno.

> PROMUOVERE
Ci impegniamo a promuovere una “mappatura” periodica dei locali, degli apparecchi e dei dispositivi di gioco sul proprio territorio affinché sia chiaro quanto peso e quale spazio occupano nell’economia del proprio quartiere o del proprio comune.

> ATTIVARSI
Ci impegniamo ad attivarci per una reale e concreta iniziativa di legge popolare che regoli e limiti la prevista avanzata del gioco on-line e su cellulare.

È possibile FIRMARE online cliccando qui.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:

2 comments to No Slot. Firma anche tu la petizione di VITA.it