Parte l’iter per la fusione dei Comuni di Savignano sul Rubicone e San Mauro Pascoli

La Giunta ha approvato il progetto di legge regionale per un nuovo unico Comune.

San Mauro Pascoli, 22 aprile 2012Un nuovo unico Comune da quasi 30 mila abitanti. Il progetto di fusione tra San Mauro Pascoli e Savignano sul Rubicone, in provincia di Forlì-Cesena, ha ottenuto il via libera dalla Giunta regionale, che ieri ha approvato una proposta di legge.

È questo uno dei passaggi dell’iter per arrivare ad un unico Comune del Rubicone, come chiesto dai Consigli comunali delle due Amministrazioni.

“La nostra Regione ha scelto da tempo di affiancare e sostenere le sfide per le fusioni lanciate dai Comuni dell’Emilia-Romagna. Si tratta di progetti utili, importanti, e soprattutto capaci di mettere gli Enti locali nelle condizioni di mantenere quantità e qualità dei servizi ai cittadini, nonostante siano sempre meno le risorse pubbliche a disposizione. Per il Rubicone si tratta di un progetto fondamentale, di un percorso iniziato da tanti anni, che giunge a maturazione dopo un ampio dibattito che ha interessato tutta la comunità locale (Istituzioni, associazioni, cittadini, …) e che oggi va portato rapidamente a compimento” afferma il Consigliere regionale Damiano Zoffoli.

Il nuovo Comune avrà un territorio di oltre 40 chilometri quadrati, un solo Sindaco, una sola Giunta e un solo Consiglio comunale, ma sportelli e servizi più efficienti in entrambe le città.

Alle minori spese di funzionamento andranno ad aggiungersi i vantaggi delle aumentate possibilità di investimenti e sviluppo: nei suoi primi quindici anni di vita, il nuovo Ente potrà ottenere risorse pubbliche aggiuntive pari a circa 15 milioni di euro tra contributi statali (quasi 10) e regionali (oltre 5); inoltre, nei suoi due primi anni di vita, sarà escluso dai vincoli del patto di stabilità, il che permetterà al nuovo Comune di avere maggiori risorse da mettere a disposizione del tessuto produttivo della zona.

La proposta di legge sarà ora discussa dall’Assemblea legislativa mentre, nel frattempo, i cittadini dei due Comuni interessati saranno chiamati ad esprimersi in un referendum consultivo che avrà anche l’obiettivo di far scegliere loro il nome del nuovo Ente.

È possibile scaricare il testo del PROGETTO di LEGGE cliccando qui.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.