Una mappa delle mafie in Emilia-Romagna

Presentata la seconda edizione del dossier “Mosaico di mafie e antimafia

libera_fvgDa tempo ormai la Mafia e le mafie non sono più un esclusiva del Mezzogiorno d’Italia. Nascosta la vecchia lupara, la criminalità organizzata è impegnata da anni nella gestione di redditizi traffici al Nord: dal traffico di droga al riciclaggio di denaro sporco, dalla contraffazione di marchi e alimenti fino all’usura e al racket delle estorsioni.

L’Emilia-Romagna non è certo esente da questi fenomeni, per questo l’Assemblea legislativa della Regione ha voluto realizzare “Mosaico di mafie e antimafia” un dossier sulla presenza di mafia, camorra e ‘ndrangheta. Il documento, giunto alla seconda edizione, è stato redatto dalla “Fondazione Libera Informazione – Osservatorio nazionale sull’informazione per la legalità contro le mafie”,costola dell’omonima associazione di promozione sociale presieduta da don Luigi Ciotti.

“Il primo passo nel contrasto all’illegalità e alle mafie – commenta il consigliere regionale Damiano Zoffoli – è quello di non negare il problema mettendo la testa sotto la sabbia. Dobbiamo diagnosticare bene per curare al meglio. E il modo migliore per approfondire i danni che la criminalità organizzata infligge al nostro tessuto sociale è quello di unire i nostri sforzi a quelli della società civile, in special modo affiancandoci a chi come Libera da anni si batte nel cercare di debellare il virus dell’illegalità”.

Nelle pagine del dossier, ricco di numeri, si legge tra l’altro che in Emilia-Romagna viene sequestrato il 2,5 per cento del totale degli stupefacenti recuperati a livello nazionale, che qui si registra il 5 per cento delle estorsioni e che i commercianti vittime di usura sono 8.500 (l’8,6 per cento del totale nazionale).

In particolare, per quanto riguarda gli stupefacenti, nel 2011 in provincia di Forlì-Cesena sono state effettuate 141 operazioni antidroga, che hanno portato al sequestro di 105,24 chilogrammi di sostanze (per gran parte marijuana, 96,71 kg, seguita da 6,51 kg di hashish e 1,52 di cocaina). Nelle tre province romagnole di Forlì-Cesena, Ravenna e Rimini le forze dell’ordine hanno sequestrato il 33,5 per cento del totale della droga in regione. Nel dettaglio, in Romagna è stata sequestrata il 40,9 per cento della cocaina, il 46,1 per cento delle droghe sintetiche, e il 61,5 per cento della marijuana.

Fenomeni di illegalità lavorativa un tempo tipici di altre aree, come lavoro nero e caporalato, stanno facendo breccia anche in Emilia-Romagna. A Portomaggiore (Fe) e Cesenatico sono state riscontrate le peggiori condizioni di lavoro della regione, con episodi di grave sfruttamento lavorativo, impiego di manodopera irregolare, truffe sui salari e impiego di “caporali” o intermediari illeciti.

Sempre allarmanti le attività di riciclaggio di denaro sporco, con gli inquirenti che parlano di “lavanderia regionale”. Basta un dato: nel primo semestre 2012, le Segnalazioni di operazioni sospette (Sos) dell’Unità di informazione finanziaria della Banca d’Italia sono già state più della metà di quelle del 2011: 2749 contro le 4343 dell’intero anno passato, quando l’Emilia-Romagna si piazzò quarta dietro solo a Lombardia, Lazio e Campania.

“Riciclaggio e usura ci sono, certo – ha spiegato il presidente di Libera Informazione Santo Della Volpe alla presentazione del rapporto ­– ma è anche vero che in Emilia-Romagna c’è la confisca dei beni mafiosi, beni che vengono restituiti al tessuto economico e sociale regionale. Nel proseguire il nostro lavoro monitoreremo ovviamente la fase di ricostruzione post sisma, alla luce anche degli importanti provvedimenti assunti dalla Regione Emilia-Romagna dove, va ricordato, è stata approvata una legge sulla legalità, la cittadinanza responsabile e la prevenzione del crimine mafioso”.

Su 85 immobili confiscati in tutta la Regione, ben 55 sono stati destinati all’uso sociale, con punte di virtuosismo in province come quelle di Forlì-Cesena (20 immobili consegnati e 8 usciti dalla gestione), Ravenna e Parma.

Sul dopo terremoto, il presidente dell’Assemblea legislativa Matteo Richetti ha evidenziato le decisioni prese dalla Regione con la gestione del commissario Vasco Errani: dal protocollo per la legalità firmato il 27 giugno con le associazioni sindacali e d’impresa (le stazioni appaltanti si impegnano a non ricorrere al criterio del massimo ribasso) all’elenco regionale dei prezzi delle opere pubbliche, fino all’elenco di merito delle imprese e alle white list istituite presso le Prefetture. Senza dimenticare l’istituzione della Dia a livello regionale, così come richiesto anche in una risoluzione approvata dall’Assemblea legislativa.

Misure di contrasto importanti, dato che sul fronte dell’edilizia le mafie hanno investito molto, con reati che vanno dall’utilizzo di cave illecite alla costruzione di case abusive, passando per il lavoro nero, l’utilizzo di materiali scadenti (quali il cemento impoverito o depotenziato), la violazione delle norme sulla sicurezza sul lavoro e delle costruzioni. In provincia di Forlì-Cesena, nel 2011, sono state accertate 21 infrazioni di questo genere (il 14,5 per cento sul totale regionale) con 44 persone denunciate e 2 sequestri effettuati.

Campanelli d’allarme anche sul fronte dei rifiuti, con 27 infrazioni registrate nel 2011 in provincia di Forlì-Cesena (11,5 per cento della regione), dove è avvenuto anche l’unico arresto per reati di questo tipo. Per queste tematiche sono state denunciate anche 35 persone in provincia ed effettuati 13 sequestri.

Per contrastare le mafie, la Regione continuerà anche il proprio lavoro di “prevenzione culturale” coi ragazzi nelle scuole. In questo senso l’obiettivo che si è data per il 2013 è la nascita di un centro di documentazione sulla legalità intitolato a Roberto Morrione, il giornalista d’inchiesta Rai scomparso nel 2011.

Il dossier completo è scaricabile QUI.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.