Approvato il bilancio regionale 2013

Nonostante l’ennesimo taglio di risorse statali, la Regione conferma servizi e investimenti

Assemblea Legislativa riunita per la Sessione ComunitariaLo Stato taglia risorse ma la Regione non taglia i servizi e investe su crescita e occupazione. L’Assemblea legislativa ha approvato nei giorni scorsi il bilancio di previsione 2013 della Regione e con esso il pluriennale 2013-2015. Si tratta oltre 13 miliardi di euro tra entrate e uscite, per l’esattezza 13mila 237,9 milioni di euro.

Il calo di risorse statali è stato pari a 390 milioni di euro, dei quali 260 milioni in tagli alla sanità e 110 per altre politiche regionali. Nell’ultimo triennio l’Emilia-Romagna ha subito complessivamente un taglio di 1,2 miliardi di euro, di cui 553 milioni sulla sanità.

Nonostante i tagli statali e lo scenario di recessione, però, la Regione ha scelto di sostenere lo sviluppo produttivo (con interventi per l’internazionalizzazione delle imprese, reti d’impresa, innovazione e ricerca, credito alle aziende) e la domanda interna, con particolare all’occupazione e allo stato sociale.

Per i settori dell’industria, cooperazione, artigianato e lavoro sono previsti 276,97 milioni di euro (comprese le risorse del Programma operativo regionale Fesr 2007-2013), con una particolare attenzione al rifinanziamento dei Consorzi fidi, in modo da facilitare l’accesso alla liquidità in un momento segnato da un blocco del sistema bancario. Tra le singole voci di investimento, 3,8 milioni di euro sono destinate a favorire l’attrazione di nuove imprese, 2 milioni alla ricerca e 11 milioni all’internazionalizzazione del sistema imprenditoriale.

Sempre sul fronte economico, il bilancio di previsione 2013 prevede poi 41,69 milioni di euro per il turismo e commercio (con l’obiettivo di valorizzare la qualità dei prodotti e dell’accoglienza e la capacità di rendere compatibili tradizione e innovazione) e 55,36 milioni per l’agricoltura (compresi cofinanziamenti Stato e Ue). In particolare, nel settore del commercio, anche per il 2013 prosegue il progetto pilota che coinvolge i Comuni maggiori della Regione per la promozione e valorizzazione dei centri storici e dei centri commerciali naturali. Il progetto viene finanziato con 900 mila euro e sarà rivolto anche ad altre realtà comunali regionali.

Confermato l’impegno sul fronte della ricostruzione post-terremoto, con la pianificazione di azioni volte ad un rapido ritorno alle normali condizioni di vita nelle aree interessate.

In ambito sanitario, la Regione conferma un impegno straordinario rispetto alla riduzione delle risorse previste dal Fondo sanitario nazionale, pari 150 milioni di euro di stanziamenti propri. L’impegno dell’amministrazione si conferma anche sul capitolo non autosufficienza dove, a fronte dell’azzeramento delle risorse nazionali che dura dal 2011, sono previsti interventi pari a circa 430 milioni di euro, di cui 70 costituiti da fondi propri della Regione.

Per il diritto allo studio, l’avviamento al lavoro e la formazione sono previsti complessivamente quasi 394,51 milioni di euro che comprendono i finanziamenti del Programma operativo regionale competitività e occupazione 2007-2013 che fruiscono del contributo del Fondo sociale europeo. Tra i principali obiettivi: la lotta alla dispersione scolastica e l’innalzamento della capacità delle competenze di fare impresa e di accompagnamento al lavoro per i giovani.

A sostegno delle politiche culturali e per i giovani, il Bilancio di previsione 2013 prevede risorse pari a 41,09 milioni di euro. La Regione fa delle politiche culturali un elemento qualificante della sua azione di governo. L’impegno sarà quello di promuovere e valorizzare la tradizione e l’innovazione, anche per contrastare la crisi economica e considerando che la cultura è un settore che sta subendo molti tagli di risorse a livello nazionale, pur essendo un settore che dimostra una vivacità, che potrebbe essere fonte di crescita e sviluppo per una nuova economia.

Al settore del trasporto pubblico locale e dei sistemi di mobilità sono complessivamente destinati 802,41 milioni di euro. Pur in presenza di una situazione estremamente critica, la Regione si sforza di confermare le risorse previste nel 2012, per promuovere un sistema integrato di mobilità, difendere il ruolo centrale del trasporto collettivo e per la gestione del servizio ferroviario. In programma interventi di ammodernamento del trasporto pubblico locale per 9,5 milioni di euro di risorse statali.

Mentre per quanto riguarda le spese di investimento, gli obiettivi sono di realizzare il quadro infrastrutturale già pianificato che comprende la realizzazione della prima autostrada regionale, la Cispadana e la riqualificazione delle infrastrutture esistenti, assicurando inoltre la manutenzione straordinaria della rete ferroviaria.

Confermati gli interventi per la cura dell’ambiente e nella difesa della costa dal rischio idraulico, idrogeologico e di erosione, per i quali il bilancio stanzia 161,41 milioni di euro; mentre 45,92 milioni di euro (di cui 35 per investimenti) sono destinati alla Protezione civile a sostegno degli interventi urgenti e di messa in sicurezza del territorio.

Per la casa e la riqualificazione urbana, infine, il bilancio prevede 287,71 milioni di euro per far rinascere i centri storici, garantire la sicurezza nelle città e per interventi di riqualificazione che puntino alla creazione di alloggi a canone sostenibile e a potenziare la dotazione di edilizia residenziale sociale.

La Regione sosterrà le politiche per la sicurezza, con 332 mila euro indirizzati alla prevenzione delle infiltrazioni mafiose, alla diffusione della cultura della legalità e al sostegno ai Comuni nel riutilizzo dei beni confiscati.

Nel corso del 2013 continuerà poi, in un clima di collaborazione tra Giunta e Assemblea legislativa, la riforma della macchina regionale, tanto nella ridefinizione delle competenze quanto dei costi. Per quanto riguarda le spese di funzionamento, nel 2013 sono previste in calo del 4,3 per cento rispetto a quelle del 2012, con un risparmio di 14 milioni di euro (che vanno ad aggiungersi ai 51 milioni di euro tagliati nel biennio 2011-2012).

E’ possibile scaricare i documenti di bilancio da questa pagina.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.