Sanità: fasce deboli tutelate anche nel 2013

Estese di un altro anno le esenzioni dal ticket per i disoccupati, lavoratori in cassa integrazione, mobilità o con contratto di solidarietà. Farmaci in fascia C gratis a famiglie con disagio economico

MedicineNuova proroga fino al 31 dicembre 2013 dell’esenzione dal pagamento del ticket su visite ed esami specialistici per chi ha perso il lavoro, è in cassa integrazione, in mobilità o con contratto di solidarietà e dell’erogazione gratuita di farmaci di fascia C a componenti di famiglie che si trovano in una situazione di forte disagio economico-sociale.
La proroga delle misure anticrisi, in vigore dal 1° agosto 2009, è stata approvata per il quarto anno consecutivo nell’ultima seduta di Giunta regionale (delibera 2000/2012).

L’esenzione dal ticket riguarda i lavoratori residenti in Emilia-Romagna che hanno perso il posto di lavoro a partire dal 1° ottobre 2008, o che si trovano in cassa integrazione straordinaria, ordinaria o in deroga, in mobilità o con contratto di solidarietà. L’esenzione riguarda anche i famigliari a carico.

Per usufruirne, è necessario compilare il modulo di autocertificazione del proprio stato occupazionale: tale modulo viene consegnato alle persone interessate dagli uffici dell’Azienda Usl al momento di fruire della visita o dell’esame. Coloro che hanno perso il lavoro devono essere in possesso della Dichiarazione di immediata disponibilità (Did), rilasciata dal Centro per l’impiego, presente in ogni provincia, ed essere in attesa di occupazione. Per i lavoratori in mobilità è necessario anche essere iscritti nelle liste di mobilità ed essere in possesso di Dichiarazione di immediata disponibilità.

La distribuzione gratuita dei farmaci di fascia C riguarda i componenti di famiglie in situazioni di estremo disagio sociale individuate o in carico ai Servizi sociali dei Comuni. Si tratta di farmaci indicati nei Prontuari delle Aziende sanitarie e in distribuzione diretta, dunque da farmacie delle stesse Aziende sanitarie.

Per informazioni ci si può rivolgere al numero verde gratuito del Servizio sanitario regionale dell’Emilia-Romagna 800 033033, dal lunedì al venerdì dalle 8.30 alle 17.30, il sabato dalle 8.30 alle 13.30. Informazioni possono essere consultate anche su Saluter, in particolare sulla guida ai servizi http://guidaservizi.saluter.it scrivendo “misure anticrisi” nel campo ‘cerca’.

Dalla introduzione delle misure anticrisi il 1° agosto 2009, fino al 30 giugno 2012, sono state 85.353 le persone che hanno usufruito dell’esenzione ticket per visite ed esami specialistici, per un importo totale (mancato introito del ticket) di 3,145 milioni di euro; la spesa per i farmaci di fascia C è stata, sempre dal 1° agosto 2009 al 30 giugno 2012, pari a 82.972 euro. L’onere per il mancato introito del ticket e per i farmaci di fascia C, per l’anno 2013, è previsto in 1,5 milioni di euro.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:

2 comments to Sanità: fasce deboli tutelate anche nel 2013

  • Fringui

    Siamo sempre in attesa che la Regione si degni di intervenire per sanare la disparità fra coppie di fatto e sposate (per le prime il reddito dei due conviventi è calcolato individualmente e minore è il ticket da pagare, per le seconde si calcola, invece, il reddito complessivo lordo del nucleo familiare fiscale).
    Non è difficile trovare una soluzione adeguata, caro assessore Lusenti …

  • Alberto Pracucci

    Come segnalato a vari livelli ormai da molto tempo, mi pare che ancora non sia stato approntato alcun intervento correttivo che, ai fini dell’individuazione della fascia di reddito, tenga conto anche del numero di figli a carico.
    Anche per tale questione, così come per la vergognosa disparità tra coppie spsosate e coppie di fatto, non pare difficile trovare una soluzione adeguata.
    Ricordo, da ultimo, che ciò costituirebbe anche un atto dovuto in ossequio ai precetti costituzionali.
    Cordiali saluti