Nuovi alleati nella lotta allo spreco alimentare

La Regione Emilia-Romagna sostiene il progetto Last Minute Market da sette anni. Nelle scorse settimane una cinquantina di sindaci della regione hanno firmato la “Carta Spreco Zero”.

last minute stock upUn insieme di tante reti locali composte da imprese, terzo settore e istituzioni, tutte impegnate a recuperare prodotti alimentari non commercializzati da destinare a organizzazioni benefiche del territorio. Si tratta dei Last Minute Market, uno spin off dell’Università di Bologna (da un’idea del professor Andrea Segrè, Dipartimento di Scienze e Tecnologie Agroalimentari) che conta ormai oltre 40 progetti attivi impegnati a “trasformare lo spreco in risorse”.

I progetti vedono collaborare fianco a fianco le principali insegne della Grande Distribuzione Organizzata (Gdo), con diverse aziende di produzione, trasformazione e ristorazione, oltre a decine di istituzioni e amministrazioni locali. A queste si sono aggiunte nelle scorse settimane altre 50 amministrazioni comunali, firmatarie della Carta Spreco Zero, tra le quali Cesena, Forlì e gli altri capoluoghi emiliani e romagnoli. Nella carta firmata dai sindaci c’è anche l’impegno di confrontarsi per condividere, valutare e mettere in rete le buone pratiche: tecnologie, processi e progetti per ridurre lo spreco.

In quasi sette anni d’impegno, dal 2006, la Regione ha contribuito a sostenere Last Minute Market con 386 mila euro. Fondi derivanti in parte anche dal pagamento delle sanzioni comminate dall’Antitrust, che devono essere destinate alla realizzazione di iniziative a favore dei consumatori, e assegnate dal Ministero dello Sviluppo Economico alle Regioni su presentazione di specifici programmi di intervento.

Nel solo 2011 il progetto ha permesso di recuperare in Emilia-Romagna 737,1 tonnellate di prodotti alimentari e 25mila 700 pasti completi dalle mense (ospedaliere, scolastiche o aziendali). A questi vanno aggiunti farmaci da banco e parafarmaci per un valore di 101mila euro. In totale, il valore economico di tutti i beni recuperati nel 2011 è stato pari 2,8 milioni di euro.

A beneficiare dei prodotti raccolti sono state oltre 65mila persone e 311 enti. Ma un beneficio diretto lo ha ottenuto anche l’ambiente, grazie alle emissioni inquinanti e al consumo di suolo e acqua evitati per generare nuovi prodotti. Per questo si stima che, grazie alle azioni di recupero del 2011, si sia evitato il riempimento di 1543 cassonetti di rifiuti, si siano risparmiati 1,65 milioni di metri cubi d’acqua, 1320 ettari di suolo ed evitata l’immissione in aria di 2500 tonnellate d’anidride carbonica.

“Quando si parla di Last minute market – commenta il Consigliere regionale Damiano Zoffoli – non si fa riferimento solo ad un’iniziativa benefica. Qui non si tratta di solidarietà, ma di un cambio di paradigma. Lentamente, dopo decenni in cui siamo stati bombardati dai messaggi della cosiddetta “civiltà dei consumi”, ci stiamo lasciando alle spalle la cultura dell’usa e getta. Un po’ per motivi economici, complice la crisi, un po’ per l’attenzione all’ambiente, stiamo riscoprendo il senso della misura negli acquisti, l’attenzione al confezionamento dei prodotti, l’interesse nei confronti dei produttori. Per questo la Regione ha scelto di continuare a sostenere il Last minute market ed è confortante vedere tante amministrazione pubbliche stringersi insieme nella lotta agli sprechi”.

Per approfondire l’argomento si possono visitare i siti www.unannocontrolospreco.org e www.lastminutemarket.it.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.