Riordino degli enti locali: avanti tutta con le unioni tra Comuni

L’Assemblea legislativa ha approvato una legge sul governo del territorio. L’obiettivo della Regione è di rendere l’apparato pubblico più efficiente e meno costoso, determinando per ogni funzione il livello più appropriato di governo

Assemblea Legislativa riunita per la Sessione ComunitariaA livello nazionale, con la fine anticipata della legislatura, si è arenata la “riforma” delle Province pensata dal Governo. Congelati gli accorpamenti, restano comunque in piedi alcune norme sulle funzioni.

In questo scenario complesso la Regione Emilia-Romagna non è rimasta con le mani in mano e, prima della pausa natalizia, ha varato una legge per ripensare, per quanto di sua competenza, le funzioni degli enti locali e il governo del territorio.

Il progetto di legge (approvato dalla maggioranza con l’astensione delle opposizioni) prevede un rafforzamento dell’associazionismo tra Comuni, la regolamentazione delle gestioni associate obbligatorie nonché il superamento delle Comunità montane. La norma conferma inoltre le funzioni delegate dalla Regione alle Province anche nel corso del 2013.

L’obiettivo della Regione, di concerto con i consigli delle autonomie locali (Cal) è quello di rendere l’apparato pubblico più efficiente e meno costoso, determinando il livello più appropriato di governo (regionale, provinciale, comunale o di aggregazione) per ciascuna funzione, semplificando e riducendo le sovrapposizioni e gli sprechi. I comuni più piccoli dovranno prepararsi all’unione tra loro o alla fusione in un comune unico.

Un percorso che non si annuncia facile. Nei territori montani, in particolar modo, dovrà essere posta particolare attenzione affinché le nuove norme consentano risparmi e ottimizzazioni di risorse senza alcuna penalizzazione dei servizi ai cittadini.

Ad ogni modo in Emilia e in Romagna i percorsi di aggregazione e cooperazione tra enti non sono una novità. Nel giro di pochi anni in regione si è passati da 19 a 10 comunità montane, da 14 parchi a 5 macro-aree, e su 348 comuni, ben 300 risultano associati. Al momento sono in piedi 51 forme associative: 34 unioni di comuni, le già citate 10 comunità montane e 7 associazioni. In tutto gestiscono quasi 600 funzioni o servizi.

Le novità del provvedimento

Uno degli elementi chiave della legge di riordino è la suddivisione del territorio regionale in “ambiti territoriali ottimali”. Si tratta di aree, omogenee tra loro, all’interno delle quali i comuni sono obbligati a esercitare in forma associata una serie di funzioni (dai sistemi informatici fino alle ex funzioni provinciali, che saranno conferite ai Comuni stessi alla fine del processo di riordino del livello provinciale). Fanno eccezione solo i capoluoghi di provincia, a meno che non vogliano aderire in forma volontaria alla gestione associata.

Sotto questi aspetti, la normativa regionale è più stringente rispetto a quella nazionale, che si limita a imporre la gestione associata solo ai comuni con meno di 5mila abitanti (3mila abitanti se montani).

All’interno dell’Ambito territoriale ottimale gli enti potranno optare tra gestione dei servizi in convenzione o Unione dei comuni. In ogni caso, per ogni Ambito potrà essere costituita una sola Unione di comuni, e con un minimo di 10mila abitanti (8mila nel caso di comuni montani). Le Unioni ritenute più coerenti con lo spirito della legge (e in via prioritaria quelle coincidenti con l’intero Ambito territoriale) saranno sostenute finanziariamente dalla Regione.

Le attuali Comunità montane si trasformeranno in Unioni dei comuni montani, con la riconversione del personale precedentemente assegnato alle comunità.

Una volta entrata in vigore la legge, la Giunta regionale valuterà le proposte sulla definizione degli Ambiti territoriali ottimali giunte dai comuni entro 60 giorni. Dopo di che, entro 90 giorni dall’entrata in vigore della legge, il Programma di riordino territoriale triennale entrerà a regime. L’avvio delle gestioni associate da parte dei Comuni dovrà avvenire comunque entro il primo gennaio 2014.

È possibili scaricare il testo della LEGGE cliccando qui.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.