Fine del vitalizio

“Ora è possibile rinunciarvi, e io lo faccio da subito”.

img_DZ_aulaDurante l’ultima Assemblea legislativa è stato approvato all’unanimità un emendamento, sottoscritto da tutti i gruppi consiliari, alla nuova legge sui costi della politica che decreta, dal primo gennaio 2013, la fine del vitalizio, anticipando i tempi previsti dalla norma vigente che rimandava la cessazione di questo beneficio all’inizio della prossima legislatura.

Dal primo gennaio 2013, quindi, coloro che entreranno in carica come Consiglieri regionali non avranno più diritto al vitalizio. Per coloro che a quella data saranno in carica o saranno cessati dal mandato continueranno ad essere valide le disposizioni attualmente vigenti, ma con la possibilità di recesso.

Sarà facoltà dei Consiglieri continuare o meno il versamento dei contributi necessari per ottenere il vitalizio, oppure rinunciarvi, comunicando l’eventuale scelta di rinuncia al Presidente dell’Assemblea entro il 15 gennaio.

Contestualmente, coloro che rinunciano, smetteranno di versare i contributi acquisendo al contempo il diritto alla restituzione delle somme fin qui versate (nella misura del 100 per cento, senza rivalutazione monetaria né corresponsione di interessi) secondo modalità (rate trimestrali) stabilite dall’Ufficio di Presidenza.

In base a questa nuova possibilità – dichiara il Consigliere regionale Damiano Zoffoli – coerentemente a quanto ho sempre sostenuto, ho scelto di rinunciare al vitalizio, mantenendo uno degli impegni che avevo assunto anche durante la campagna elettorale per le regionali del 2010”.

Nel caso di un Consigliere regionale che abbia fatto due legislature (per una durata di 10 anni) si tratta del 35 per cento dell’indennità di base, pari a circa 2.136,5 euro al mese, a partire dal 60esimo anno di età.

“Eravamo stati i primi in Italia ad abolire il vitalizio, ma dalla prossima legislatura, ed avevamo detto che avremmo cercato nuovi meccanismi di taglio anche per quella in corso, – ricorda Zoffoli – e così è stato. Credo che, ancor più in questo momento di grave crisi per tante famiglie ed imprese, come quello che stiamo vivendo anche in Emilia-Romagna, e in un periodo di allontanamento crescente tra le Istituzioni e i cittadini, la politica debba dare il buon esempio, mettendo in campo gesti di semplice buon senso. È quello che abbiamo fatto anche riducendo più volte (meno 30 per cento) le nostre indennità, come ha riconosciuto il Governo Monti, prendendo come riferimento per il decreto sui tagli ai costi della politica proprio quelle dei Consiglieri dell’Emilia-Romagna, che erano le più basse d’Italia”.

È possibile scaricare la LETTERA di RINUNCIA al VITALIZIO cliccando qui.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:

11 comments to Fine del vitalizio

  • Fringui

    Damiano, per qualcuno la tua decisione potrebbe essere considerata un pericoloso precedente.
    La coerenza in un politico è una qualità rara e vedere che qualcuno ne è ancora provvisto ci dà speranza.

  • andrea

    Una scelta coerente, coraggiosa, che dimostra la sua indiscussa lealtà e spessore morale.
    Complimenti.

  • Alberto

    Un grande gesto di coerenza; spero serva come esempio per la vera finalità della politica.

  • piero

    dopo Thomas, ero sicuro che anche tu avresti rinunciato al vitalizio.
    avere politici in Regione come Voi ci riempie di orgoglio.

  • luigi

    Un gesto concreto, a cui dovrebbe seguire il taglio del numero dei Consiglieri, il taglio dei vari rimborsi, uno snellimento dell’apparato regionale (ci sono troppi ufficiali e poca truppa…), con tagli mirati e non lineari, uno snellimento della burocrazia investendo seriamente sulla scuola, sul sociale, sul lavoro e sulla montagna.

    • Caro Luigi,

      su alcune delle sollecitazioni che poni alla nostra attenzione posso dirti che abbiamo lavorato e lo stiamo ancora facendo.
      Ti riporto, qui di seguito, alcuni flash (che sono poi disponibile ad approfondire) per rendere conto, seppur in maniera parziale, di quello che è stato il nostro lavoro.

      Già nel 2009, con una modifica allo Statuto della Regione, il numero dei Consiglieri regionali è stato portato, dai 67 previsti, a 50.
      Così che la nostra Regione si è trovata ad essere (da sola, assieme alla Lombardia) già in linea con i parametri previsti dalla manovra di ferragosto del Governo Monti (come puoi vedere anche qui: http://www.portalecnel.it/PORTALE%5CrassegnaStampaweb.nsf/0/C12575C30045F725C12579BF002BE0F0/$FILE/048-1C0EPR.pdf).

      Per quanto riguarda le nostre indennità va detto che il Governo Monti le ha prese come riferimento per il decreto sui tagli ai costi della politica proprio poichè erano le più basse d’Italia.
      A fine settembre scorso abbiamo deciso di azzerare totalmente le spese di rappresentanza. Per quanto mi riguarda posso dirti che non ho mai utilizzato quelle che avevo a disposizione come Presidente di Commissione, come puoi vedere qui: http://www.damianozoffoli.com/trasparenza/.

      Venendo al bilancio di previsione 2013 posso dirti che la Regione Emilia-Romagna,anche quest’anno, manterrà invariata la propria leva fiscale autonoma, pur garantendo l’obiettivo prioritario di salvaguardare il livello dei servizi da assicurare alla comunità regionale.
      A tal fine si è proceduto ad un’accurata revisione e razionalizzazione delle spese di funzionamento al fine di ottimizzare l’utilizzo delle risorse disponibili a sostegno degli interventi operativi di settore, evitando inoltre la logica dei tagli lineari e concentrando le risorse in particolare agli interventi di carattere sociale e socio-sanitario.
      Per quanto riguarda la spesa di funzionamento della macchina regionale si intende proseguire nelle azioni di riordino, razionalizzazione e contenimento già realizzate negli scorsi anni e che vengono ulteriormente rafforzate. La spesa di funzionamento prevista per il bilancio 2013 risulta inferiore del 4,3% rispetto a quella del bilancio 2012, con un risparmio di oltre 13,5 milioni di euro.

      Il tema della semplificazione, che io intendo come snellimento della burocrazia e ricerca di un rapporto più semplice e diretto tra imprese, cittadini ed Enti locali, è uno di quelli che maggiormente mi sta a cuore
      È necessario metterci mano, come stiamo facendo, se vogliamo accrescere l’efficienza, l’efficacia e la produttività della Pubblica Amministrazione. Ma sappiamo che non è facile, poiché il successo di un’azione di semplificazione dipende anche dagli apparati amministrativi, dall’organizzazione del lavoro, dall’adesione di coloro che lavorano per la PA stessa, mettendo in discussione convinzioni, e relative prassi di lavoro, che spesso sono consolidate e conservatrici.
      Dopo l’approvazione, nel dicembre 2011, è partito il lavoro del tavolo permanente per la semplificazione che, ad esempio sui temi dell’edilizia, sta portando i primi frutti.

      Infine qualche parole sulla scuola, che so essere un tema che ti sta particolarmente a cuore.
      Come sappiamo, il Governo Berlusconi non ha affrontato i problemi cronici del sistema scolastico italiano, ma li ha aggravati, infliggendo 8 miliardi di tagli, e sottraendo 132.000 posti di insegnanti e personale ATA nel triennio: scelte che si pongono in netta controtendenza con quanto si è fatto nel resto d’Europa.
      La nostra Regione, in questi anni, laddove possibile, ha cercato di tamponare (risorse straordinarie per le materne statali, fondi per la scuola digitale, …) le mancanze del Governo; senza però sostituirsi, né fare supplenza allo Stato, in quello che è un suo preciso compito, sancito dalla nostra Costituzione, senza smettere mai di tenere alta l’attenzione su questa emergenza e senza lasciare soli i territori e le famiglie.
      Ti invio, per mail, il programma “L’italia Giusta. Il futuro si prepara a scuola” che contiene le proposte del PD per la scuola. Con l’auspicio che, presto, “tocchi a noi” metterle in pratica.

      Un caro saluto,
      Damiano Zoffoli

  • Damiano è un gran bel gesto questo: senza voler essere giacobini, sarebbe una bella cosa capire quanto percepiscono esattamente i Consiglieri regionali dell’Emilia-Romagna in questo momento.
    Ti segnalo un articolo sul nostro sito relativo al fisco, che sta diventando il leit motiv di questa campagna elettorale; puoi vederlo qui: http://www.aclifc.it/area_acli.html
    Sta ritornando in ballo la scandalosa proposta di modifica irpef (vedi programma del pdl): due aliquote 23% e 33%, semplicemente rivoltante.

    Per coerenza, in quanto ho un incarico pubblico (pres. prov.le di una associazione), ti segnalo i miei redditi famigliari del 2011:
    Mod 730/3 rigo 11:
    Dichiarante: 30.901 di cui da fabbricati 1.722
    Coniuge: 28.255 di cui da fabbricati 6.771
    In quanto presidente di associazione non percepisco emolumenti se non qualche decina di euro all’anno (75 euro nel 2011) per alcune ricariche nel cellulare (che però non dchiaro nel 730).

    • Caro Luciano,
      ti ringrazio innanzitutto per la tua costante attenzione alla mia attività e per gli spunti di riflessione che mi hai segnalato.
      Per quanto riguarda le tue richieste (“sarebbe una bella cosa capire quanto percepiscono esattamente i Consiglieri regionali”), penso anch’io che non si tratti di “essere giacobini”, ma semplicemente di essere trasparenti. Considero, infatti, la trasparenza un prerequisito essenziale perché la politica riacquisti la sua credibilità e la sua funzione.
      Proprio per questo, da qualche anno, qui nel mio sito, ho predisposto un’apposita pagina “TRASPARENZA” (puoi vederla cliccando qui: http://www.damianozoffoli.com/trasparenza/), che tengo costantemente aggiornata, dove puoi trovare le mie ultime buste paga (in questo momento sono pubblicate quelle di gennaio 2013, dicembre e novembre 2012), la mia integrale dichiarazione dei redditi e il mio stato patrimoniale, unitamente ad altre informazioni sulla mia attività (quali le presenze ai lavori in Aula e in Commissione, …).
      Un caro saluto,
      Damiano

  • Paolo

    Bravo Damiano. Ora vediamo in quanti seguiranno il tuo esempio.

  • PaoloMarani

    Non vedo alcun coraggio nel “rinunciare” a qualcosa a cui non si dovrebbe nemmeno avere diritto, perché privilegio oramai ritenuto inaccettabile stante la grave crisi economica (e morale) che attraversa il paese.
    Coraggioso poteva e doveva essere fare sì che il vitalizio non diventasse un regime VOLONTARIO, ma venisse abrogato tout-cour.

    Sarebbe come pagare il biglietto dell’autobus semmai diventasse “facoltativo”, che coraggio ci vuole? In molti lo considererebbero una fesseria. Bisogna ribadire il principio che il biglietto dell’autobus va PAGATO perché così stabilisce la legge. Parimenti, incarichi elettivi al pari di qualsiasi rapporto di lavoro di tipo DIPENDENTE, versano già i contributi, non si capisce per quale motivo si debba avere un vitalizio quando il rapporto di lavoro pro-tempore viene sospeso.

    Fa parte della retorica della presunta “buona politica”, che ci sta sempre bene, purché davvero non cambi nulla nella sostanza rispetto a prima.

    • Caro Paolo,
      a dire il vero, mi sembra che, rispetto a prima, sia cambiato tutto.
      L’istituto del vitalizio, dal 1 gennaio 2013, è stato definitivamente abrogato. Di conseguenza, coloro che entreranno in carica come Consiglieri regionali non ne avranno più diritto.
      Per coloro che a quella data erano in carica, come nel mio caso, o erano cessati dal mandato, continueranno ad essere valide le disposizioni attualmente vigenti, ma con la possibilità di rinunciare al vitalizio.
      Ed è quello che, personalmente, appena mi è stato possibile, ho fatto.
      Non si è trattato di un gesto di coraggio ma, lo ripeto, di un gesto di semplice buon senso.
      Un caro saluto,
      Damiano Zoffoli