Pesca, un bando da 1,2 milioni di euro

È possibile presentare le domande fino al 13 febbraio.

Mercato del pesce di Cesenatico - foto Corriere CesenateIl clima mite ha salvato finora la stagione dei pescatori, ma i problemi strutturali del comparto pesca restano, purtroppo, d’attualità.

Servono nuove sinergie tra gli operatori del settore pesca – commenta il Consigliere regionale Damiano Zoffoli – sia per aumentare il valore commerciale del prodotto, in una fase di riduzione del pescato, sia per aprirsi a mercati più ampi rispetto a quello del prodotto fresco. Per questo la Regione ha predisposto un bando da 1,2 milioni di euro, provenienti dal Fondo europeo per la pesca, per sostenere chi si impegna a potenziare l’attività di trasformazione, a utilizzare in modo corretto i sottoprodotti della pesca e a valorizzare le specie ittiche locali”.

Il mercato, infatti, richiede in modo crescente prodotti trasformati di qualità. Poter lavorare il pesce locale in questo modo può davvero allargare gli orizzonti di tanti pescatori al di là della tradizionale vendita di prodotti freschi.

Il bando regionale, pubblicato in dicembre, scade il 13 febbraio prossimo. Possono parteciparvi le micro, piccole e medie imprese del settore pesca, oltre a quelle che occupano meno di 750 persone o realizzano un fatturato inferiore a 200 milioni di euro.

I contributi, in conto capitale e compresi tra il 20 e il 40 per cento della spesa ammissibile, sono rivolti a sostenere interventi per il miglioramento dell’attività di trasformazione e commercializzazione, con particolare riguardo alla produzione di prodotti di alta qualità, alla valorizzazione di specie locali, ma anche di sottoprodotti e scarti, oltre che al miglioramento delle condizioni di lavoro e alla riduzione dell’impatto ambientale.

Il comparto della pesca in Emilia-Romagna dà lavoro a circa 3mila addetti, che salgono a 5mila considerando anche l’indotto, per un fatturato di oltre 100 milioni di euro, e contribuisce a circa il 10 per cento del pescato nazionale. Un settore importante dunque per l’economia non solo delle zone costiere ma di tutta la Regione, che tuttavia sta attraversando, ormai da diversi anni, una situazione di difficoltà complessiva. I problemi principali sono da ricondurre alla riduzione del pescato, al rilevante aumento dei costi sostenuti dalle imprese, alla carenza di strutture di trasformazione in grado di valorizzare adeguatamente il prodotto ittico.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.