Combattere le mafie attraverso il lavoro. Una proposta di legge per le aziende confiscate

L’Assemblea legislativa ha approvato l’adesione alla campagna “Io riattivo il lavoro”, che mira a raccogliere 50mila firme entro maggio

Potenza 19 marzo 2011“La lotta all’illegalità e alle mafie passa anche, e soprattutto, dal portafoglio. Lo strumento della confisca di beni, terreni e aziende alla criminalità organizzata ha dimostrato in passato di poter assestare duri colpi alle mafie. Ora però è giunto il momento di fare un passo ulteriore. Per questo ho sostenuto e votato con convinzione la risoluzione sull’emersione alla legalità delle aziende sequestrate e confiscate alla criminalità organizzata”.

La risoluzione cui fa riferimento il consigliere Damiano Zoffoli, approvata mercoledì scorso a larga maggioranza dall’Assemblea legislativa con la sola astensione del Pdl, fa il paio con la campagnaIo riattivo il lavoro” lanciata dalle associazioni Libera, Avviso Pubblico, Centro Studi Pio La Torre, Cgil, Arci, Acli, Confesercenti Sos Impresa e Legacoop.

La campagna si propone di raccogliere entro il mese di maggio 50mila firme (nelle sedi delle associazioni e in banchetti sul territorio) per presentare in Parlamento un progetto di legge d’iniziativa popolare sul tema.

Il progetto di legge è composto da 10 articoli e mira, prima di tutto, a scongiurare il fallimento delle aziende sequestrate e alla tutela dei lavoratori nella difficile fase del passaggio di mano dell’impresa, con l’obiettivo finale di approdare alla legalità.

Oggi, infatti, il 90 per cento delle aziende confiscate fallisce a causa di una legislazione inadeguata. Negli ultimi 20 anni in Emilia-Romagna sono state confiscate 25 aziende e 70 immobili. Tra le tredici regioni a nord del Lazio la nostra regione è terza per numero di beni immobili confiscati alle mafie e seconda per numero di imprese sotto confisca.

Per aiutare le imprese strappate all’illegalità, il progetto di legge propone la creazione di un fondo nazionale di rotazione, finanziato con una parte delle risorse confiscate alla criminalità, per garantire l’accesso al credito bancario e pagare gli stipendi. Si prevedono poi agevolazioni per la regolarizzazione e la messa in sicurezza dell’azienda, l’estensione del concordato anticrisi per scongiurare il fallimento e l’accesso agli ammortizzatori sociali per i lavoratori.

Per promuovere l’uso sociale delle imprese, il progetto di legge punta a incentivare la costituzione di cooperative di lavoratori disposti a rilevare l’azienda, affiancandoli con percorsi di formazione e aggiornamento.

Previsti anche la costituzione di una banca dati nazionale delle aziende sequestrate e confiscate con l’obiettivo di tutelarne la posizione di mercato; l’istituzione presso l’Agenzia Nazionale di un ufficio dedicato alle attività produttive e alle relazioni sindacali con l’obiettivo di fornire il supporto per scongiurare il fallimento e tutelare i livelli occupazionali e, infine, la creazione di tavoli provinciali, in collaborazione con l’Agenzia nazionale e le Prefetture per l’emersione alla legalità delle aziende.

Il testo della risoluzione è scaricabile QUI.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:

2 comments to Combattere le mafie attraverso il lavoro. Una proposta di legge per le aziende confiscate

  • egidio zarrelli

    Giusto e doveroso appoggiare la tua iniziativa e mettere al servizio dei cittadini ciò che è stato preso dai mafiosi
    Ciao
    Egidio

  • piero

    attiviamoci numerosi per la raccolta firme, vanno sicuramente tutelate queste aziende.