Asili, stop ai “furbetti” dei nidi

Rivedere i criteri di compartecipazione ai servizi socio-educativi e scolastici, per una maggiore equità.

asilo nidoLa Regione Emilia-Romagna deve attivarsi “per l’elaborazione di indirizzi condivisi con gli Enti locali che, per quanto riguarda i servizi socio-educativi e scolastici, impegnino entrambi i genitori, a prescindere dalla residenza anagrafica, a compartecipare alle spese, tenendo quindi maggiormente conto della reale capacità di contribuzione degli utenti”. Questo, dal momento che “il riferimento esclusivo al nucleo familiare, come definito dalla normativa vigente in materia di Isee, non sempre rappresenta efficacemente la capacità economica degli utenti”.

A chiederlo, in una interrogazione alla Giunta regionale, è Damiano Zoffoli, che cita come esempio la delibera approvata all’unanimità dal Consiglio comunale di Bologna, dove la nuova applicazione dell’Isee ha portato “circa 646.000 euro in più da mettere a bilancio”. Secondo il Consigliere questi dati “dimostrano come sia giusto e opportuno che in tutta l’Emilia-Romagna si rivedano i criteri di compartecipazione per una maggiore equità, per evitare disparità di trattamento nei confronti delle coppie sposate e per scoraggiare il fenomeno dei cosiddetti ‘furbetti dei nidi’, ovvero dei genitori che si fingono separati per pagare rette inferiori”.

È possibile scaricare il testo dell’INTERROGAZIONE cliccando qui.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:

1 comment to Asili, stop ai “furbetti” dei nidi

  • Fringui

    Emblematica, in questo senso, è la scena del film “Casomai”, in cui Stefania Rocca è alle prese con l’impiegata comunale per l’accettazione del figlio all’asilo nido:

    “Lei è sposata?”
    “Sì, regolarmente”
    “Peccato!”
    “Perché?”
    “Perché se non avesse il marito, il bambino avrebbe il punteggio pieno”.