Fotovoltaico, il sole «pubblico» dei Comuni

Da Casalecchio a Castel San Pietro i cittadini possono acquistare quote di energia: per aderire ci vogliono 2.000 euro. È la prima comunità del genere in Italia.

“COMUNITÀ SOLARI LOCALI” - un Sistema Integrato di Gestione dell’EnergiaPubblico questa bella iniziativa, di cui abbiamo parlato anche a Mordano nel febbraio scorso, assieme agli Amministratori locali e al Prof. Leonardo Setti dell’Università di Bologna, con l’auspicio che altri Comuni dell’Emilia-Romagna seguano l’esempio e promuovano “Comunità solari” nei loro territori.
Damiano Zoffoli

CORRIERE DI BOLOGNA.it – 21 gennaio 2013.

Dagli infissi di casa filtrano spifferi assassini e l’unico rimedio è azionare la caldaia al massimo? Le bollette del riscaldamento sono una mazzata sul bilancio di fine mese? Forse allora è arrivato il momento di entrare a fare parte della Comunità solare. Non è una setta, ma un progetto per abbattere il consumo energetico e sviluppare il fotovoltaico con il contributo (fondamentale) dei cittadini. Agli otto Comuni che hanno promosso l’iniziativa (Casalecchio, Medicina, Ozzano, San Lazzaro, Sasso Marconi, Mordano, Castel San Pietro e Zola Predosa), altri se ne stanno aggiungendo.

IL PROGETTO – Ecco l’idea: i Comuni chiedono ai cittadini di aderire alla Comunità solare con un contributo minimo di circa 2 mila euro. La cifra così raccolta servirà a finanziare la costruzione di nuovi pannelli fotovoltaici sul territorio comunale. Che cosa ci guadagna il socio della Comunità? Sconti enormi sulla bolletta che nel giro di quattro o cinque anni gli consentiranno di ammortizzare l’investimento. Ma soprattutto, un po’ più a lungo termine, il cittadino socio avrà la possibilità di servirsi della cassa collettiva per coibentare il proprio appartamento, rifare gli infissi e, perché no?, costruire anche nel proprio condominio un impianto solare termico. La Regione ha contribuito con un finanziamento di 618 mila euro.

I COMUNI – Simone Gamberini, sindaco di Casalecchio di Reno, Comune capofila, racconta che l’idea del fotovoltaico è venuta per una ragione molto semplice: «A Casalecchio non abbiamo la possibilità di sviluppare impianti eolici, l’unica energia che possiamo produrre è quella fotovoltaica perché abbiamo diverse aree commerciali e molti capannoni con tetti spaziosi». Prima ancora di avviare la Comunità, il Comune ha pensato bene di dare l’esempio: «Abbiamo pensato di costruire impianti fotovoltaici sui tetti degli edifici comunali. Siamo riusciti ad attrezzare 18 tetti su 40». La spesa è stata di circa 400 mila euro. Un buon punto di partenza. Ma comunque una goccia nell’oceano. Il problema vero, spiega infatti Gamberini, è la grande quantità di edifici privati che si trovano, dal punto di vista energetico, in condizioni preistoriche. Anche perché un privato non sempre ha la disponibilità economica per costruirsi in proprio un impianto fotovoltaico. Da qui l’idea di una community ad hoc. «Chiediamo ai cittadini di diventare soci della comunità con una quota di circa 2 mila euro, l’equivalente per produrre 3 Kw di energia pulita», spiega il sindaco.

I FONDI – I soldi così raccolti andranno a finire in un fondo che servirà a costruire impianti fotovoltaici su tutto il territorio comunale. I soci, nel frattempo, pagheranno bollette irrisorie e in futuro avranno il vantaggio di vivere in un territorio energeticamente all’avanguardia e meno inquinato. La mobilitazione è già partita. I Comuni che hanno aderito sono inondati di manifesti che sponsorizzano la sottoscrizione. E i cittadini stanno rispondendo. Lo statuto della Comunità sarà scritto a febbraio. La meta finale è quella di contribuire agli obiettivi fissati dalla Ue da raggiungere entro il 2020: +20% di energia rinnovabile prodotta, -20% di emissioni di CO2, -20 % di consumi energetici.

Pierpaolo Velonà

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:

1 comment to Fotovoltaico, il sole «pubblico» dei Comuni

  • Posto, qui di seguito, una segnalazione ricevuta via mail (a commento del post), che riguarda altre interessanti iniziative sul tema del risparmio energetico e dell’energia sostenibile, portate avanti da dal FAZZCLUB di Modena e dal GASER, che ringrazio per l’impegno a servizio delle nostre comunità.
    DZ

    —–Messaggio originale—–
    Da: Gabriele
    Inviato: venerdì 15 febbraio 2013 9.54
    A: Zoffoli Damiano
    Oggetto: Richiesta di contatto dal sito Gruppi acquisto emilia romagna per il risparmio energetico domestico

    Visto che ha sottolineato la bella iniziativa della Comunità solare,
    mi permetto di segnalarle anche quest’altra, sempre rivolta all’Emilia
    Romagna e sempre fatta dai cittadini, che non impegna i Comuni ad
    alcun contributo ma solo alla diffusione del messaggio.

    Il GRUPPO SALVACASA è l’opportunità che viene data ai cittadini
    dell’Emilia Romagna per rendere le proprie case un po’ più “VERDI”,
    cioè per migliorarne efficienza energetica, diminuendo in questo modo
    anche l’inquinamento derivante dallo spreco energetico. Essi verranno
    guidati da degli esperti che mostreranno loro le soluzioni migliori
    per la propria abitazione.

    Il FAZZCLUB (di Modena), promotore dell’iniziativa, è
    l’Associazione di promozione sociale (con sede a Modena) che
    permetterà tutto questo, promuovendo ASSEMBLEE INFORMATIVE PUBBLICHE
    IN VIDEO CONFERENZA: ciò significa a km zero per i cittadini e quasi
    a costo zero per i comuni che decideranno di aderire alle assemblee e
    di promuoverle.
    Per accedere alle detrazioni fiscali del 55% sui costi sostenuti
    degli eventuali interventi di riqualificazione o efficientamento
    energetico, gli stessi lavori devono essere finiti e pagati entro il
    30 GIUGNO 2013, quindi le SCADENZE per ISCRIVERSI al “GRUPPO SALVA
    CASA” sono:

    14 MARZO 2013 per fase (1) – ANALISI, DIAGNOSI, PROGNOSI ENERGETICA
    22 MARZO 2013 per fase (2) – PROGETTO, PRODOTTI, LAVORI

    E’ un’opportunità importante per essere tutelati all’interno del
    mercato italiano e per essere seguiti passo dopo passo da esperti del
    settore, potendosi contemporaneamente consultare con altre famiglie e
    altri cittadini con i gli stessi obiettivi.
    Per qualsiasi informazione consultare il sito http://www.fazzclub.org oppure
    scrivere a fazzclub@email.it

    Segnalo infine, se ha avuto la pazienza di arrivare fin qui, che
    questo gruppo esiste dal 2009 e si è occupato fino ad oggi in
    particolare di Fotovoltaico, con il nome di Gaser, creando sei bandi
    in quattro anni e arrivando a far installare con risparmio
    quantificabile nel 20 per cento (oltre ai vantaggi del Conto energia)
    circa 500 impianti nell’intera regione. Tutto quanto illustrato è
    visibile sul sito riportato più sopra.
    Spero che l’iniziativa sia di suo interesse e che possiate usufruirne
    o magari segnalarla.
    Grazie