La trasparenza post terremoto passa da Internet

IMG_openricostruzioneUn portale interattivo per seguire via Internet, a colpo d’occhio, l’utilizzo dei fondi raccolti in favore delle aree terremotate del maggio scorso. Si tratta di “OpenRicostruzione”, presentato nei giorni scorsi a Roma dal presidente Vasco Errani alla presenza di Protezione civile, associazioni di volontariato, esperti informatici e sindaci delle zone colpite.

Il portale rappresenta ad oggi un’esperienza unica nel suo genere, che permette a tutti di capire in che modo vengono spesi gli stanziamenti pubblici e le donazioni raccolte dalle tante iniziative di solidarietà (come i 14 milioni e mezzo di euro in donazioni via Sms o gli incassi dei concerti di beneficenza).

Sul sito si dà conto delle cifre grandi e piccole, a volte piccolissime ma tutte ugualmente significative, giunte sul conto corrente aperto dalla Regione Emilia-Romagna (circa 11,5 milioni di euro finora) e di tutte le donazioni effettivamente incassate dai Comuni, ovvero quelle che sono già nella disponibilità degli amministratori e che possono essere subito utilizzate.

I dati sono aggiornati per ora a fine novembre scorso, per un totale complessivo di circa 38 milioni di euro, a fronte di una stima complessiva dei danni nei paesi interessati di circa 260 milioni di euro (il costo da sostenere per riportare tutti gli edifici in condizioni di poter ospitare, in completa sicurezza, le funzioni cui sono destinati).

Il sito copre, ad oggi, le donazioni ricevute da 43 Comuni su 61, oltre a coprire lo stato d’avanzamento di 241 progetti su 30 Comuni.

I pilastri dell’intero progetto, che per il capo della Protezione civile Gabrielli “dovrà diventare per tutti il modo di procedere”, sono la trasparenza e la partecipazione. E non si tratta di slogan. Tutto è fondato sull’open-source, l’utilizzo cioè di codice libero e dati liberi da copyright.

La cartina usata dal portale, per fare un esempio, è quella del progetto Openstreetmap (una specie di Wikipedia cartografica) già utilizzato con successo dai volontari internazionali in occasione del tremendo terremoto di Haiti del 2010. I contributori del progetto Openstreetmap, a loro volta, avevano beneficiato nei mesi scorsi della decisione della Regione Emilia-Romagna di “liberare” i dati in proprio possesso relativi ad edifici e cartografia, migliorando così la mappa con molte informazioni utili.

A tutti i dati del sito Openricostruzione si applica, a loro volta, la licenza Creative Commons 3.0: si possono cioè copiare e riutilizzare liberamente, a patto di citare la fonte. Il progetto è stato realizzato per la Regione Emilia-Romagna dall’associazione Wikitalia in collaborazione con Anci, Ancitel, Openpolis e ActionAid, e con il sostegno di Cisco Italia. Tra le persone coinvolte anche Riccardo Luna, già direttore di Wired Italia e attuale membro del Consiglio di amministrazione di Oxfam Italia, Ong impegnata da oltre 30 anni nella lotta alla povertà e all’ingiustizia.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.