Incentivi anti-sismici per la collina cesenate

I cittadini di Mercato Saraceno, Sarsina e Sogliano al Rubicone potranno accedere a 2,4 milioni di euro di fondi nazionali per la prevenzione sismica.

RistrutturazioniNuovi stanziamenti per il terremoto, ma questa volta si tratta di prevenzione del rischio. A disposizione ci sono 2,4 milioni di euro, da fondi nazionali, per la prevenzione sismica nei comuni delle colline cesenati e in quello di Rimini. I fondi saranno estesi in seguito ad altre zone, seguendo un programma settennale.

Si tratta di contributi per edifici privati, considerati a più alto rischio sismico. Un’analisi dei dati dei terremoti emiliani del maggio 2012, infatti, ha rilevato come il 30 per cento delle case private e il 40 per cento degli edifici commerciali e produttivi risultasse inagibile, contro appena il 15 per cento degli edifici scolastici. Per questo si è deciso di intervenire con interventi straordinari di messa in sicurezza degli edifici più fragili, quelli privati appunto.

Il bando con i dettagli del finanziamento, e le modalità per la presentazione della domanda, si può consultare nelle sedi e sui siti Internet dei Comuni di Mercato Saraceno, Sarsina, Sogliano al Rubicone e Rimini. Le richieste di finanziamento vanno presentate entro il 10 marzo.

I cittadini potranno presentare la domanda per gli incentivi, a fondo perduto, per realizzare interventi strutturali di rafforzamento locale, miglioramento sismico o, eventualmente, di demolizione e ricostruzione di edifici privati destinati sia a residenza stabile di nuclei familiari sia all’esercizio continuativo di arte, professione o attività produttiva.

Le risorse per la riduzione del rischio sismico vengono dalla legge 77/2009, che ha stanziato 965 milioni di euro in tutta Italia per interventi da realizzare tra il 2010 e il 2017.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:

5 comments to Incentivi anti-sismici per la collina cesenate

  • castellucci sergio

    Il Comune di Santa Sofia e altri non sono inseriti in questa fascia
    non ha tirato abbastanza

  • Marcello Benini

    Gentilissimo Sig. Zoffoli, la ringrazio per queste informative che ritengo utili per il cittadino, in particolare questa attività di prevenzione antisismica.
    Mi auspico di ricevere l’informativa anche per le zone limitrofe (Cesena, Cesenatico, …).
    Distinti saluti
    Marcello Benini

  • Gentilissimi,

    innanzitutto mi fa piacere se le mie newsletter sono di qualche utilità: del resto, altro non sono che un piccolo strumento, “artigianale”, per rendere conto del mio lavoro quotidiano, discutere e confrontarmi, e informare i cittadini di eventuali opportunità che li possono riguardare.

    Nel caso specifico, come potete immaginare, i Comuni su cui iniziare questo programma di prevenzione del rischio sismico non sono stati scelti con criteri “discrezionali”.
    Come avrete letto nel testo del post, si tratta di “fondi nazionali per la prevenzione sismica (…) estesi in seguito ad altre zone, seguendo un programma settennale”.
    Per la prima annualità l’Ordinanza del Presidente del Consiglio dei Ministri (n. 4007 del 2012), che ha stanziato i fondi, ha quindi previsto di utilizzare un sistema di valutazione del rischio sismico elaborato sulla base degli studi effettuati dal Dipartimento della Protezione Civile.
    Sono così state ripartite le risorse disponibili tra le Regioni, ed individuati i Comuni nei quali intervenire.

    In ogni caso, a questo link (http://www.entilocali.ilsole24ore.com/pdf2010/Enti-Locali/_Allegati/Free/Territorio-e-Sicurezza/2012/02/Opcm%20n%20%204007DEFINITIVO_Logo.pdf?uuid=68b413e0-a985-11e1-8dd3-f96402ff221f), in particolare all’Allegato 2 – Ripartizione delle risorse, è possibile approfondire meglio il tutto.

    Un cordiale saluto,
    Damiano Zoffoli

  • flavio foietta

    Caro Damiano, di questa possibilità non ne ero informato. Come vedi, un mio cittadino ha subito evidenziato che “il Comune di Santa Sofia non ha tirato abbastanza”. Quindi per lui o i Sindaci sono indovini o sono dei buoni a nulla. A parte queste “tristi” battute, chiedo che i nostri Consiglieri e gli Uffici della Regione ci rendano edotti (anche con e-mail dirette) di queste possibilità.
    Nella fattispecie, sai quanto è sensibile questo argomento per la nostra zona.
    Ciao e grazie.
    Flavio Foietta – Sindaco S. Sofia

    • Caro Flavio,

      mi pare ci sia stato un malinteso.

      A mio avviso, almeno io così l’ho interpretata, l’osservazione di Castellucci non era rivolta al tuo impegno come Sindaco, ma al fatto che il Comune di Santa Sofia sia stato escluso da questa prima annualità del programma di prevenzione anti-sismica; evidentemente, come lui dice in maniera ironica, il terremoto “non ha tirato abbastanza”.

      Ho già avuto modo di meglio dettagliare, nel commento qui sopra, i criteri con i quali sono stati individuati i Comuni con cui far partire il programma.

      Per quanto riguarda, invece, l’informazione sulle possibilità di finanziamenti/contributi/bandi, come sai, non mi sottraggo a questo impegno: le mie newsletter servono proprio anche a questo.
      Anzi, noto con piacere, come hai fatto nelle scorse settimane, che è tua abitudine inoltrare questi contenuti ai tuoi contatti, proprio allo scopo di dargli la massima diffusione, facendole arrivare all’attenzione di tutti coloro che, eventualmente, possano essere interessati.
      Un proficuo gioco di squadra, che rende più capillare l’informazione!

      Invece, quando la progettazione è in fase di “costruzione” e concertazione, è la Giunta regionale (con i relativi uffici competenti) a tenere il filo e il contatto diretto con le Amministrazioni e, di conseguenza, noi Consiglieri, non siamo neanche informati, su un lavoro e un ambito che, del resto, non ci compete.

      Resto, come sempre, a completa disposizione, tua e di tutti gli Amministratori locali, per lavorare insieme per il nostro territorio.

      Un caro saluto e buon lavoro,
      Damiano