Con Tizian e le forze dell’ordine, contro tutte le mafie

Che le mafie siano riuscite a infiltrarsi e fare affari nei territori dell’Emilia-Romagna è, purtroppo, una realtà. Ma la Regione e i suoi cittadini non hanno messo la testa sotto la sabbia e sono in grado di fiutare l’odore del pericolo. Come sul fronte della ricostruzione post terremoto, un settore che fa gola a molte organizzazioni criminali.

A lanciare l’allarme, recentemente, è stato anche il giornalista Giovanni Tizian (minacciato di morte e costretto a vivere sotto scorta per il suo impegno professionale e civile) con un articolo sui tentativi della ‘ndrangheta di eludere i controlli antimafia e di lucrare sui danni del terremoto.

A ulteriore conferma delle tesi di Tizian, nelle scorse settimane un’importante operazione della Guardia di Finanza di Bologna ha portato alla luce un giro di videopoker e slot machine truccate gestiti dalla ‘ndrangheta. L’indagine ha portato a 29 ordinanze di custodia cautelare ed al sequestro di beni per oltre 90 milioni di euro.

Per questo il Partito Democratico ha preparato un ordine del giorno, aperto alla sottoscrizione di tutti i consiglieri, per far sentire ancora una volta con forza la voce delle istituzioni, al fianco della società civile e delle forze dell’ordine, contro l’arroganza criminale delle mafie.

“Su argomenti del genere – commenta il consigliere regionale Damiano Zoffoli – in Assemblea c’è un unico impegno ed una comune sensibilità, senza distinzione di schieramento politico. Che il pericolo sia concreto ce lo conferma il dossier “Mosaico di mafie e antimafia”, realizzato dall’Assemblea legislativa, che mostra come le cosche mirino al controllo del tessuto economico-produttivo della regione, cercando di coinvolgere nei loro loschi affari gli imprenditori locali messi in difficoltà dalla crisi. Ma il tessuto sociale dell’Emilia-Romagna è sano e, proprio per questo, non volge altrove il proprio sguardo quando l’arroganza dell’illegalità pretende di dettar legge. Il nostro impegno, come cittadini e rappresentanti delle istituzioni, è quello di continuare a seminare e far crescere una cultura della legalità”.

Una cultura della legalità che parte dalla famiglia e dalla scuola, non a caso nella risoluzione presentata si legge “occorre prevenire tramite l’educazione alla legalità”, oltre ad agire “nella piena collaborazione fra tutti i soggetti chiamati ad ogni titolo a contrastare il crimine organizzato, reprimere con fermezza e certezza della pena”.

Ad oggi gli interessi della criminalità organizzata in regione spaziano dall’edilizia al traffico d’armi e droga, passando per prostituzione, riciclaggio, gioco d’azzardo e truffa.

Negli ultimi anni, per quel che riguarda le competenze regionali, l’Assemblea legislativa ha approvato due leggi sul tema, una dedicata a proteggere dalle infiltrazioni mafiose il settore edilizio, l’altra che mira al contrasto delle infiltrazioni e alla promozione della cultura della legalità. È anche grazie a queste due leggi che oggi è più facile che i beni vengano sequestrati alla mafia e restituiti al tessuto sociale ed economico regionale. Con la stessa attenzione è stata e sarà monitorata la ricostruzione post-sisma.

È possibile scaricare il testo della RISOLUZIONE cliccando qui.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.