Danni da neve: i soldi ci sono, le domande no

Campagna innevata a CarpinetaI soldi per i danni del nevone del ’12 ci sono. Le domande, invece, latitano. Sembra incredibile, ma ad oggi le domande presentate dalle aziende agricole si contano sulle dita di una mano: “Agli agricoltori danneggiati rivolgo l’invito a presentare al più presto le domande di contributo presso le Province di riferimento – è l’esortazione dell’assessore regionale all’Agricoltura Tiberio Rabboni –. I termini scadono il 29 marzo e al momento sono state presentate solamente 3 domande”.

Possono presentare richiesta le imprese agricole e zootecniche delle province di Forlì-Cesena e Rimini danneggiate dall’eccezionale nevicata del febbraio 2012.

I finanziamenti devono essere finalizzati al rifacimento di strutture danneggiate o distrutte (inclusi gli impianti frutticoli, oliveti e vigneti), per l’acquisto o la riparazione di macchinari, impianti e attrezzature danneggiati, per le spese tecniche generali e per il ripristino del potenziale produttivo.

Il termine ultimo per le domande di aiuto, presentabili alla propria Provincia di riferimento tramite l’apposito sistema pratiche Agrea, resta fissato al 29 marzo 2013.

Le domande dovranno comprendere richieste economiche tra i 20.000 e i 100.000 euro (per una quota non eccedente il 50 per cento della spesa totale). Le somme verranno erogate in conto capitale, utilizzando come parametri di quantificazione sia il fabbisogno di spesa necessario per il ripristino del danno, sia i valori legati alla produzione lorda vendibile aziendale.

A disposizione c’è uno stanziamento straordinario di 4,7 milioni di euro della Giunta regionale approvato per supplire alla carenza di aiuti da parte del Governo che, a fronte di un danno inizialmente stimato in circa 70 milioni di euro, ha stanziato con il Fondo di solidarietà nazionale soltanto 2,6 milioni.

“Non si tratta semplicemente di rimborsi di danni subiti – spiega il consigliere regionale Damiano Zoffoli – ma di veri e propri incentivi per le aziende che intendono ripartire con la loro attività sul nostro territorio. Aziende che hanno già investito e che intendono investire di nuovo in Romagna. La delibera del novembre scorso ha accelerato i tempi, anticipando addirittura il parere della Commissione europea, ora però è tempo che siano le aziende ad accelerare, presentando la domanda al più presto”.

Le risorse straordinarie da parte della Regione sono state rese possibili attraverso una modifica concordata con Bruxelles del Programma di Sviluppo Rurale, oltre alla riallocazione di fondi originariamente destinati ad altri impieghi.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:

5 comments to Danni da neve: i soldi ci sono, le domande no

  • Tantissimi piccoli allevatori o tenutari di aziende agricole, non hanno avuto danni così ingenti da poter presentare richieste di rimborsi par 40.000 euro di danni… (il minimo, dato che il fondo copre il 50%). Moltissimi sono piccoli capanni, stalle, ovili, rifugi per animali, che potevano e dovevano essere sistemati con poca spesa, a rimborso immediato, previa visita di un ispettore. Al solito, la burocratizzazione spinta anche in contesti emergenziali, ha portato la gente a non crederci nemmeno alla possibilità reale di un rimborso, e arrangiarsi. Così, i famosi soldi dei rimborsi se li intascheranno i soliti, le grosse aziende, magari facendosi sovrastimare i danni, mentre migliaia di piccole attività produttive e agricole si sono leccate le ferite. Come può essere in questo contesto tanto incredibile il fatto di non ricevere domande insufficienti ?

    Paolo marani, M5S

  • Gentile Paolo,
    i danni subiti dalle aziende, da quantificare nella domanda, sono i danni alla produzione. Quindi se con il crollo di un capannone o una stalla si è perso un raccolto o, peggio, degli animali, il danno sale in maniera esponenziale.
    Da una verifica fatta con gli uffici e le associazioni di categoria, sembra che nel cesenate stiano per essere presentate a breve, a seguito delle sollecitazioni, una 60ina di domande di rimborso.

    Sembra che altri, però, non abbiano presentato domanda perché, con il variare delle norme negli anni, quello che era legale un tempo non lo sarebbe più in caso di identica ricostruzione. Prima di ricostruire capanni e attrezzaie, anche piccoli, bisogna presentare progetti e richiedere pareri e approvazioni a Comuni e Soprintendenze. Questo allunga inevitabilmente i tempi. Per questo, come Regione, stiamo valutando l’opportunità di concedere una proroga al termine di presentazione delle domande. Tornerò sull’argomento a breve, non appena ci saranno novità.

    A presto,
    Damiano Zoffoli

  • manuel

    salve io ho un agriturismo nel comune di San Leo, con annessa azienda agricola.
    nel nevone 2012 ho subito un crollo di una struttura moldo grande adibita al ricovero del bestiame stalla e ad una adibita al ricovero attrezzi.
    dove posso trovare o scaricare una domanda di risarcimento?
    mi può dare un po’ di delucidazioni? visto che ho saputo che a pesaro le domande sono già state accettate.
    grazie mille.
    a presto, spero.
    Manuel

    • Gentile Manuel,

      le domande di aiuto devono essere presentate all’Amministrazione Provinciale competente per territorio, secondo le modalità procedurali fissate con determinazione dirigenziale AGREA n. 4355 del 18 aprile 2008 (e successive modifiche), utilizzando il Sistema Operativo Pratiche (SOP) e la specifica modulistica predisposta ed approvata sempre da AGREA.

      Per la Provincia di Rimini (http://www.agricoltura.provincia.rimini.it/index.htm), con atto dirigenziale n. 308 del 29/11/2012, sono stati stabiliti la struttura e gli uffici preposti all’istruttoria e agli adempimenti procedurali per le domande di competenza territoriale.

      Tutte le informazioni che le servono, le puoi quindi trovare contattando:
      Dott. Leonardo Sacchetta
      Servizio Agricoltura, Attività produttive e Tutela Faunistica della Provincia di Rimini
      Via D. Campana n. 64, Rimini
      tel. 0541/716347
      fax 0541/716327
      l.sacchetta@provincia.rimini.it

      Un cordiale saluto,
      Damiano Zoffoli

  • Come promesso, eccomi con gli aggiornamenti sui rimborsi dei danni dal nevone: nei termini previsti dall’avviso sono arrivate 77 domande di rimborso; essendo avanzate risorse, la Giunta regionale ha emesso un nuovo avviso pubblico col quale si spera di poter aiutare anche quelle aziende che non erano riuscite a presentare la domanda in tempo, anche a causa dei lunghi tempi necessari per espletare le pratiche di ricostruzione/ristrutturazione.
    La scadenza per presentare le nuove domande è fissata al 6 settembre 2013.
    Per maggiore facilità ho caricato qui sul mio sito il testo dell’avviso, scaricabile a questo (http://www.damianozoffoli.com/wp-content/uploads/2013/05/492.pdf) link.
    Damiano Zoffoli