Edo Patriarca: “La politica come ricerca del bene comune nel segno della concretezza”

patriarca_pdNessuna promessa roboante, nessun colpo di teatro o strizzatina d’occhio alla pancia degli elettori. Ieri sera Edoardo Patriarca, intervenuto a Cesena con Enzo Lattuca all’incontro organizzato dal Pd su terzo settore e nuovo welfare, ha mantenuto lo stile sobrio e concreto di chi viene dall’impegno nel mondo del volontariato. Uno stile del tutto in sintonia con quello del Partito Democratico, fatto di idee concrete e visioni possibili.

Originario di Carpi (Mo), Patriarca è uno dei massimi esperti del volontariato italiano, una vera autorità del settore, già segretario del Comitato scientifico delle Settimane sociali dei cattolici italiani, Consigliere del Cnel, ex presidente Agesci e attuale presidente del Centro nazionale del volontariato. Il Pd lo ha candidato alla Camera, in Piemonte, come esponente della società civile.

Non sarà facile per lui portare avanti in Parlamento le istanze di un Terzo settore umiliato da anni di disinteresse della politica e tagli indiscriminati, dall’azzeramento del fondo nazionale per la non autosufficienza alla soppressione dell’agenzia per il Terzo settore, passando per le sorti incerte di un 5 per mille continuamente a rischio.

Per non rischiare di rimanere con un pugno di mosche in mano, Patriarca intende concentrarsi su provvedimenti piccoli ma in grado di ottenere effetti ad ampio raggio: “L’ideale sarebbe poter riformare l’intero Codice civile, ma un obiettivo del genere è possibile solo con maggioranze ampie ed una grande condivisione. Per questo dovremo, piuttosto, partire da una revisione delle norme che oggi limitano l’impresa sociale e di quelle che mettono un tetto troppo basso alla deducibilità delle donazioni di privati e aziende al terzo settore, risorse che tornano nel tessuto sociale. Obiettivi realizzabili sono anche quelli di una revisione della legge 266 sul volontariato e della legge 49 sulla cooperazione internazionale”.

Passare dall’impegno attivo nel volontariato all’impegno politico significa avere l’opportunità di impostare un nuovo fattore nella propria azione quotidiana. Il volontario, infatti, si impegna per qualcuno, ma il politico con la sua attività può avere un effetto dirompente sulla vita di molte persone. Eppure tanti volontari snobbano l’impegno politico. Come mai?

“Nel suo essere orgogliosamente diverso – ha spiegato Patriarca – il volontario spesso marca una distanza dalla politica, avvertita come qualcosa d’altro, “quelli dell’altra parte” incapaci di dare risposte. D’altronde c’è anche una carenza culturale nel terzo settore, si possono fare tutte le buone azioni di questo mondo, ma è la politica che risolve i problemi. Eppure si è un po’ persa questa dimensione, l’idea che il volontariato sia soggetto attivo nella costruzione della città”.

Anche per questo Patriarca, convinto che il volontariato sia “una grande scuola di virtù civili, capace di insegnare che non vi sono diritti senza doveri”, ha accettato la candidatura al Parlamento: “Il volontariato può ricondurre la politica alla sua vera missione: la ricerca del bene comune nel segno della concretezza. Per questo intendo individuare alcuni punti d’attacco, secondo la strategia della Settimana sociale, economia, welfare, famiglia, per aiutare questo Paese a innescare un percorso virtuoso. La sfida che abbiamo di fronte non ci deve portare a fare i fervorini, bensì a dimostrare con la nostra testimonianza, riflessione e impegno che i nostri valori sono un bene per l’intera società”.

La crisi economica, poi, non deve spingere il Legislatore verso politiche di soli tagli: “È proprio nei momenti di crisi – ha sottolineato Patriarca – che il welfare diventa indispensabile, andrebbe sostenuto e potenziato, non tagliato. Inoltre, piuttosto che lanciarci nelle ennesime riforme incompiute, dovremmo concentrarci sui piccoli atti concreti. Più risorse per le scuole, ad esempio, tutela della dignità degli insegnanti e nuovi percorsi scuola-lavoro”.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:

1 comment to Edo Patriarca: “La politica come ricerca del bene comune nel segno della concretezza”

  • marino

    Se non ci fosse il volontariato, l’Italia sarebbe un paese da terzo mondo. È anche triste e umiliante scoprire, da volontario, che nelle associazioni di volontariato c’è la lotta per il potere politico. Fortuna vuole che i volontari sono come i soldati, sempre in prima linea.

    Mi permetto un suggerimento: con normative adeguate, si utilizzino i cassintegrati in lavori socialmente utili. Le nostre città ne hanno un gran bisogno sotto tutti gli aspetti. Anche questo, alla bisogna, è volontariato. Dovrebbero essere loro stessi a proporlo, insieme alle rappresentanze sindacali. Poter dire come cittadini che, anche se si è in cassa integrazione vogliamo sentirci utili, gratifica la loro precaria situazione.