Agroalimentare, nuovo bando per la trasformazione e commercializzazione dei prodotti

Oltre 20 milioni di euro per aumentare la competitività delle imprese di trasformazione e commercializzazione dei prodotti agricoli che operano in Emilia-Romagna.

frutta e verduraNell’ambito del Programma regionale di sviluppo rurale (PSR) 2007-2013 è stato approvato il bando che offre la possibilità, alle imprese emiliano-romagnole, di richiedere contributi per interventi di ammodernamento e innovazione degli impianti, acquisto di attrezzature e realizzazione di software, siti internet, brevetti e/o licenze.

“L’agroalimentare italiano ed emiliano-romagnolo – afferma il Consigliere Damiano Zoffoli – rappresenta un volano per l’intera economia. Questo bando è un’importante opportunità di investimento, per aumentare la competitività delle aziende della nostra Regione ed essere più forti sul piano commerciale, ma anche per migliorare la qualità dei prodotti”.

Il bando si inserisce nell’ambito della Misura 123 del PSR e prevede come termine ultimo per la presentazione delle domande il 5 aprile prossimo. Oltre ad operare sul territorio regionale, le imprese interessate devono essere inserite in una filiera agricola e dunque avere rapporti stabili e formalizzati con i produttori agricoli. Lattiero caseario, carne (bovina, suina, avicola), uova, ortofrutta, cereali, oleoproteaginose e foraggere, sementi, bieticolo saccarifero, miele ed olio d’oliva, i settori interessati.

I contributi saranno erogati in conto capitale, e saranno compresi tra il 20 e il 40% dell’intervento, a seconda delle dimensioni dell’impresa richiedente e del settore. Gli investimenti dovranno avere valori compresi tra un minimo di 250 mila euro ed un massimo di 3 milioni di euro per le imprese di maggiori dimensioni, con deroga a 50 mila euro per iniziative rivolte esclusivamente alla commercializzazione diretta dei prodotti di qualità.

Le domande ed i relativi progetti devono essere presentati direttamente alla Regione Emilia-Romagna, Servizio Aiuti alle imprese, utilizzando il Sistema Operativo Pratiche (SOP).

Nella predisposizione delle graduatorie valutati parametri quali l’ubicazione, la concreta ricaduta per i produttori agricoli di base, i vantaggi per l’occupazione, le produzioni a marchio (DOP, IGT, Qualità controllata, biologico).

È possibile scaricare il testo del BANDO cliccando qui.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.