Vincere, governare, cambiare

Alle elezioni politiche vota Partito Democratico!

milano2013Domenica 24 e lunedì 25 febbraio ci attende un appuntamento elettorale decisivo. Le elezioni politiche per il rinnovo della Camera e del Senato tracceranno la rotta dell’Italia per i prossimi 5 anni. Per questo è importante recarsi alle urne, non lasciando ad altri il compito di decidere anche per noi.

A rappresentare il territorio di Forlì e Cesena in Parlamento saranno due giovani candidati del Pd: Enzo Lattuca e Marco Di Maio, usciti vincitori dalle consultazioni primarie.

Due ragazzi che indicano il rinnovamento della politica, un cambiamento che non è solo anagrafico ma va ben al di là, in un orizzonte di ricostruzione di un Paese, il nostro, prostrato da anni di malgoverno e false promesse.

Il Partito Democratico è nato a fine 2007 proprio con il compito di essere forza di governo e di cambiamento. Ad oggi è l’unico partito con una proposta organica per il Paese, proposta portata avanti da candidati consapevoli del fatto che l’Italia non ha bisogno di slogan (che all’opposto si può permettere chi sa di non avere domani alcuna responsabilità di governo) ma di persone competenti e che conoscono i problemi quotidiani della gente, autori cioè di quella buona politica che sola può ridare speranza in un’Italia più giusta.

Cambiare l’Italia vuol dire prima di tutto garantire il lavoro a chi non ce l’ha, ridurre le disuguaglianze, investire sull’innovazione, la scuola e la cultura, liberare le imprese riducendo la burocrazia. Una visione di società che riconosce il ruolo insostituibile del terzo settore e delle famiglie, che anche in questa crisi hanno costituito una delle travi portanti del welfare nazionale.

Il Partito Democratico, inoltre, è chiaramente europeista. Il nostro orizzonte deve essere quello degli Stati uniti d’Europa, sapendo che il nostro destino e i nostri problemi non possono trovare soluzione negli angusti confini nazionali.

È possibile scaricare i FAC-SIMILE delle SCHEDE ELETTORALI cliccando qui.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:

10 comments to Vincere, governare, cambiare

  • Fringui

    Il rinnovamento per il Pd era uno come Renzi non certo uno come Lattuca.

  • anna pieri

    Renzi ha dimostrato di essere coerente con quello che diceva durante le primarie e quindi ha fatto la campagna elettorale con il suo segretario e lo ha molto aiutato, ma perché denigrare Enzo Lattuca? è un ragazzo preparato che sa parlare e relazionarsi con la gente e ha le idee chiare. perché non dare spazio a dei giovani come lui?
    Anna di Cesena

  • amedeo

    http://www.italiaoggi.it/giornali/dettaglio_giornali.asp?preview=false&accessMode=FA&id=1805359&codiciTestate=1

    A Cesena plebiscitato un 25enne per il quale il 25 aprile è il Natale
    Nel Pd ci sono giovani vecchi
    Parla felpato come se fosse stato alle Frattocchie

    di Goffredo Pistelli

    Donne e giovani: è il mantra che da Largo Nazareno a Roma, sede del Pd, ha accompagnato il risultato delle primarie parlamentari. A vincerle sono stati le donne e i giovani, emblema del profondo rinnovamento bersaniano. Ma quando La Stampa ha intervistato Enzo Lattuca, 24enne segretario di Cesena, di stretta obbedienza bersaniana, stravincitore delle primarie nelle sua provincia con quasi 4mila voti personali su 6mila, si è capito che il rinnovamento era un fatto anagrafico. «Mai chiesto a qualcuno di farsi da parte per ragioni d’età», ha spiegato al cronista che gli chiedeva un parere su Matteo Renzi. E del sindaco di Firenze oggi «percepisce un isolamento, come di altri rottamatori che hanno avuto il grande limite di giocare partite individuali». E alla domanda se avrebbe candidato Massimo D’Alema o Walter Veltroni, Lattuca ha sfoderato il nazarenese migliore: «Si sono fatti carico dell’esigenza di rinnovamento». D’altra parte, lui, «figlio di insegnanti di sinistra», educato «con la Costituzione in mano», cresciuto leggendo «le lettere dei partigiani perché qui il 25 aprile è come il Natale», è un tipo precoce. Nel 1991, guardava in tv i bombardamenti della guerra del Golfo e chiedeva: «Papà chi sono i buoni?». A 18 guidava la sinistra giovanile e a 20 entrava in consiglio comunale, nel frattempo laureandosi con 110 e lode in legge. L’anno prossimo siederà a Montecitorio e sarà il più giovane parlamentare piddino d’Italia. Eppure aveva perso le primarie di coalizione: a Cesena, al primo turno, Renzi aveva spazzolato il segretario, con un inaspettato 8.439 contro 8.107 che qualcuno aveva letto anche come giudizio sulla segreteria Lattuca. Lui non aveva fatto una piega e s’era candidato alle primarie parlamentari, eletto dai bersaniani. Quelli del nuovo corso vorranno mica sottostare alle logiche vecchie per cui se uno perde si dimette? Nelle stesse ore in cui Lattuca cercava i voti per Roma, ad Assisi (Perugia), un suo coetaneo, Timoteo Carpita, che aveva condotto Renzi a vincere nella città di San Francesco alle primarie, si dimetteva da membro della segreteria del Pd. Stessa età, altro modo di pensare la politica. E di rinnovarla.
    © Riproduzione riservata

  • Fringui

    Appunto, un “giovane vecchio” in perfetta sintonia con quella classe dirigente cui ora si attribuisce la sconfitta del Pd.

  • Luigi

    Rimango basito dalla denigrazione verso un nostro rappresentante. Sembrano commenti fatti da persone di altri schieramenti. Quando si perde noto che si ha sempre lo stesso atteggiamento, subito a dare addosso all’avversario che vediamo nel nostro stesso partito. Povero PD!
    Ps
    Come mai i candidati locali vicini a Renzi hanno perso contro Lattuca di così tanto, nonostante Renzi abbia vinto le primarie in molte circoscrizioni locali? Ecco che la colpa è sempre degli altri… Se continuiamo così ci divideremo sempre di più, sembra quasi che non abitiamo nella stessa casa. Mi auguro che l’atteggiamento cambi, soprattutto a partire da noi militanti.

  • Fringui

    @Luigi
    Qui non si tratta di denigrare nessuno: Enzo Lattuca è certamente un giovane in gamba, ma che di sicuro non rappresenta quel rinnovamento (a parte quello anagrafico… se ci si accontenta di questo!) che ormani il Pd non può più rimandare, se non vuole soccombere.

    Le faccio anch’io una domanda: come mai Bersani, che ha stravinto le primarie del Pd contro Renzi, ora non ha neanche i voti per governare ed è costretto a guardare al sindaco di Firenze come salvatore della patria?

    P.S.: per inciso, io non faccio parte di nessun schieramento e non sono un militante. Sono solo una persona che esprime in libertà le sue opinoni.

  • Luigi

    Allora smettiamo di fare le primarie e le parlamentarie… sembra che sia colpa sempre e solo “dell’alto” ma ci dimentichiamo che c’è gente che è andata a votare. E chi non c’è andato, a votare in queste occasioni, e ora si rammarica che non ci sia Renzi, allora ha perso una grande occasione di fare qualcosa per se’ e per il paese.

    Per quanto riguarda la sconfitta del PD ci sono altri modi e altre sedi e pareri e analisi molto più eloquenti e autorevoli delle mie.

  • Fringui

    @Luigi

    Quindi la classe dirigente del Pd non ha proprio nulla da rimproversi, come il fatto di aver inventato regole assurde per le primarie, vedi chiedere la “giustificazione” a coloro che volevono votare solo al secondo turno?
    Concordo con lei sul fatto che la gente che si è rammaricata di non aver potuto votare Renzi doveva svegliarsi per tempo! Persone che comunque dubito abbiano votato Pd alle elezioni dopo il trattamento (a pesci in faccia) che hanno ricevuto.

    E ora ben gli sta a Bersani di trovarsi alla mercè di Grillo. D’altronde il Pd si è sempre ben guardato, a suo tempo, dal cercare di allacciare un dialogo con i grillini, sottovalutando il Movimento 5 Stelle.

    E’ evidente (ma lo era anche il fatto che Berlusconi sarebbe “risorto” con la vittoria di Bersani alle primarie) che cittadini si sono stancati di questo Pd ammuffito che da decenni propone sempre le solite facce.

  • Luigi

    Salve. per quanto riguarda le primarie penso che Renzi dovesse contestare molto prima le regole, sin dall’inizio e a gran voce. non credo che renzi abbia perso per le regole. per quanto riguarda la classe dirigente sono d’accordo per il rinnovo, però desiderei un PD meno fatto di tifosi e che si ricompatti da questa divisione bersani/renzi. inoltre non credo affatto che berlusconi non si sarebbe ricandidato se avesse vinto renzi. ricordo anche che siamo stati l’unico partito ad aprirci alle primarie con questa forza (alle primarie dei 5 stelle hanno potuto partecipare solo 100.000 e nessuno glielo rimprovera, così come nessuno si sogna di chiedere a grillo e casaleggio di fare delle primarie), abbiamo cambiato il 70% dei parlamentari, eletto il 40% di donne. col senno di poi le analisi si sprecano ma la situazione rimane, per me, è più complessa di ciò che si può riassumere in una battuta. ringrazio per lo scambio avuto con lei e chiudo qui i miei interventi

  • Luigi

    mi scuso per la fretta e gli errori di battute..