900 milioni di euro con il Conto Termico: ecco come funzionano i nuovi incentivi

700 milioni di euro per gli interventi realizzati dai privati e 200 milioni di euro destinati alle pubbliche amministrazioni.

conto termicoDopo l’indiscutibile successo del Conto Energia, che ha decretato l’affermazione del solare fotovoltaico tra le fonti di produzione di energia più diffuse del nostro Paese, parte un analogo sistema di incentivazione per interventi di piccole dimensioni per l’incremento dell’efficienza energetica e per la produzione di energia termica da fonti rinnovabili. Varato lo scorso 28 dicembre 2012, il decreto sul Conto Termico è stato pubblicato il 2 gennaio sulla Gazzetta Ufficiale ed è quindi operativo.

Gli interventi incentivabili si riferiscono sia all’efficientamento dell’involucro di edifici esistenti (coibentazione pareti e coperture, sostituzione serramenti e installazione schermature solari) sia alla sostituzione di impianti esistenti per la climatizzazione invernale con impianti a più alta efficienza (caldaie a condensazione) sia alla sostituzione o, in alcuni casi, alla nuova installazione di impianti alimentati a fonti rinnovabili (pompe di calore, caldaie, stufe e camini a biomassa, impianti solari termici anche abbinati a tecnologia solar cooling per la produzione di freddo). Il decreto introduce anche incentivi specifici per la Diagnosi energetica e la Certificazione energetica, se abbinate, a certe condizioni, agli interventi sopra citati.

Possono accedere agli incentivi le amministrazioni pubbliche e i privati (persone fisiche, condomini, titolari di reddito di impresa o di reddito agrario) ma, a seconda dei soggetti, cambiano gli interventi incentivabili, suddivisi in 2 categorie:
A) interventi di incremento dell’efficienza energetica;
B) interventi di piccole dimensioni relativi a impianti per la produzione di energia termica da fonti rinnovabili e sistemi ad alta efficienza.

Mentre le amministrazioni pubbliche possono richiedere l’incentivo per entrambe le categorie di interventi (A e B), i soggetti privati possono accedere agli incentivi solo per gli interventi della categoria B.

I privati devono presentare richiesta al Gse compilando la scheda-domanda sul portale internet dedicato, entro 60 giorni dalla fine dei lavori. Leggermente differente la procedura per le amministrazioni pubbliche che, in alternativa all’accesso diretto agli incentivi, potranno anche presentare la domanda al Gse attraverso una scheda-domanda a preventivo.

I contributi saranno elargiti dal Gse in rate annuali dello stesso importo, per un periodo che va da 2 a 5 anni in base al tipo di intervento, che coprirà circa il 40% delle spese sostenute.

È possibile avere ulteriori INFORMAZIONI cliccando qui.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.