Servizio civile regionale: confermati fondi e impegno

La Regione Emilia-Romagna continua a seminare risorse nel terreno del Servizio civile regionale, un campo in grado di generare solidarietà, coesione sociale, cittadini più attivi e consapevoli. Per il 2013 sono stati stanziati gli stessi fondi dell’anno precedente: 508mila euro.

Nel 2012, comunque, la Regione oltre al bando ordinario (per 140 giovani) aveva indetto anche una selezione straordinaria per 100 cittadini stranieri da inviare nelle zone terremotate, in affiancamento ai volontari del Servizio civile nazionale.

“Negli anni – commenta il Consigliere regionale Damiano Zoffoli – abbiamo assistito a un continuo calo delle risorse assegnate dallo Stato al Servizio civile nazionale, tanto che i volontari lo scorso anno erano 20mila circa in tutta Italia, appena un terzo di quelli reclutati pochi anni prima e con un taglio di risorse pari al 76 per cento in cinque anni. Così il Servizio civile regionale, pensato inizialmente dall’Emilia-Romagna come un’opportunità in più per i giovani stranieri, si è ritrovato negli anni a svolgere un ruolo non più integrativo, ma quasi sostitutivo rispetto al Servizio nazionale. E questo, purtroppo, è solo uno dei tanti settori dove la Regione è chiamata a supplire ai tagli e al disinteresse dello Stato centrale. Ma su valori come quelli portati avanti dal Servizio civile vale decisamente la pena di investire. Perché ogni euro investito su questi giovani migliora la società, non solo grazie all’operato immediato dei volontari, ma soprattutto per il carico di ideali solidali che riesce a diffondere in un mondo sempre più dominato dall’individualismo”.

La settimana scorsa la commissione Politiche per la salute e politiche sociali dell’Assemblea legislativa ha dato il via libera, con un voto di maggioranza e l’astensione delle opposizioni, alle modalità di presentazione dei progetti per il 2013.

Le domande per i progetti dovranno pervenire alla Regione entro il prossimo 3 aprile da parte degli enti, con sede in Emilia-Romagna, iscritti all’albo regionale del servizio civile. Potranno prendere parte ai progetti cittadini comunitari e stranieri tra i 18 e i 28 anni (compiuti) residenti o domiciliati in Italia.

L’importo dell’assegno di servizio civile a favore dei giovani è di 360 euro mensili per un impegno di 25 ore settimanali (per 10 o 11 mesi) e di 288 euro per un impegno di 20 ore settimanali (per 10 o 11 mesi).

È possibile scaricare il testo del BANDO cliccando qui.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.