Dati liberi: un volano per economia e cittadinanza

L’Assemblea legislativa ha approvato una risoluzione per spingere sulle politiche di Open Data. Si tratta di azioni utili per formare cittadini consapevoli e stimolare l’economia.

Open-course/Open-sourceDati liberi, benzina per le idee. Il fatto che tutti i dati in possesso delle pubbliche amministrazioni debbano essere liberi, ossia non solo accessibili e consultabili, ma utilizzabili da tutti per i propri progetti, con libertà di rielaborazione, rappresenta una rivoluzione nei confronti delle tradizionali burocrazie di stampo ottocentesco.

Questa settimana l’Assemblea legislativa dell’Emilia-Romagna ha approvato una risoluzione, presentata dai consiglieri del Partito democratico, che impegna la Giunta regionale a promuovere azioni per l’adozione di una strategia di Open Data per l’Emilia-Romagna.

La filosofia dei “dati aperti”, in realtà, è già stata abbracciata dalla Regione. Un paio d’anni fa tutta la cartografia regionale è stata messa a disposizione di progetti come Openstreetmap (una specie di Wikipedia cartografica) e simili, mentre nel luglio scorso il diritto di libero accesso ai dati era stato inserito nel Piano telematico triennale. Ed è già disponibile, da più di un anno, un portale dedicato: www.dati.emilia-romagna.it.

Quelle che ancora mancano all’appello sono delle Linee guida in materia di Open Data, linee che definiscano criteri e regole che dovranno essere seguiti dai diversi settori della Regione, per diventare poi punto di riferimento per gli enti locali sul territorio. Ed è su questo punto che la risoluzione approvata incalza la Giunta, così come sulla rimozione degli ostacoli normativi che potrebbero rallentare la diffusione dei dati.

Sul territorio della Regione esistono già realtà locali impegnate sul fronte dei dati aperti. È il caso, ad esempio, di Cesena o di Faenza che, partita nell’estate 2011, ha riscontrato un alto indice di interesse per i suoi dati, tanto da organizzare un convegno sul tema nell’autunno scorso.

“Con questa risoluzione – commenta il Consigliere regionale Damiano Zoffoli – intendiamo ribadire che la mole di dati raccolta ed elaborata dall’ente pubblico non può e non deve restare confinata tra le mura delle istituzioni. Quei dati sono di tutti e, con l’eccezione di pochi documenti di sicurezza nazionale per un periodo limitato di tempo, tutti i cittadini devono essere in grado di consultarli, diffonderli, rielaborarli. Che si tratti di usarli per il sapere sociale dei cittadini, o per gli affari delle imprese, la loro circolazione deve rimanere libera. La Commissione europea, per fare un esempio, ha stimato che la liberazione dei dati pubblici nell’intero continente potrebbe dare un contributo all’economia pari a 40 miliardi di euro l’anno. È importante, però, che questi dati non vengano solo “liberati”, ma che siano diffusi seguendo soluzioni e formati standard aperti, nello spirito Open source, gli unici che possono permetterne la massima diffusione”.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.