Cambiare. Per vincere e governare

“Il centrosinistra per ricominciare non deve guardare agli altri, non deve guardare indietro. E neppure avanti. Deve guardarsi dentro” (Ilvo Diamanti).

changeI numeri

Il Partito Democratico, rispetto al 2008, ha perso 3,5 milioni di voti, in percentuale è calato di quasi otto punti, passando dal 33,17 al 25,42: è il risultato di gran lunga più basso nella lunga storia della seconda repubblica, dalle alleanze PDS/Popolari/Margherita, all’Ulivo, al PD.

La coalizione di centrosinistra ha ottenuto il 29,5% dei consensi, che diventa il 22,1% tra gli studenti e il 26,8% tra i disoccupati. All’opposto, i consensi ottenuti dal Movimento 5 Stelle (25,6%) salgono a 51,8% tra gli studenti e al 41,1% tra i disoccupati.

Anche se si da un’occhiata al voto per classi d’età le cose non vanno meglio: tra gli under 30 la coalizione di Bersani rimane ferma al 26,3%, mentre il consenso sale al 30,4% tra gli over 60. Tendenza inversa per gli elettori di Grillo, che tra gli under 30 sale al 37,9% (e arrivia addirittura a superare il 47% tra i giovani dai 18 ai 24 anni), mentre scende al 16,2% tra gli over 60 (fonte Tecnè).

Guardare in faccia alla realtà, per quanto amara, è condizione necessaria per poter ripartire.

Emerge una difficoltà strutturale per il PD

E la realtà, cioè i numeri, ci parlano di una sconfitta dovuta ad una difficoltà strutturale per il Partito Democratico, uscito perdente nonostante il fallimento di un ventennale ciclo di governo del centrodestra e delle promesse della Lega, la drammatica crisi economica che tradizionalmente dovrebbe premiare un orientamento a sinistra, e pur avendo fatto un percorso di partecipazione democratica (che ha portato al rinnovamento dei 2/3 della rappresentanza parlamentare, con il 40% di donne).

La “colpa” non è però da attribuirsi solo al sostegno al Governo Monti (altrimenti non si spiegherebbe il deludente risultato della sinistra radicale, da Vendola ad Ingroia) o agli italiani che “non ci hanno capiti e si sono fatti abbindolare” (come ha detto qualche “solone” dei nostri in tv, nelle ore della débâcle); né alla debole campagna elettorale e ad una comunicazione sbagliata, come si sente dire in questi giorni.

La campagna del PD è stata oggettivamente fiacca, nonostante la generosità con cui Bersani e i nostri candidati si sono spesi nel territorio: sembra quasi che lo sforzo dei mesi precedenti abbia finito per assorbire l’energia e la creatività del gruppo dirigente, come se fossero più importanti le Primarie (la sfida per governare la Ditta) delle elezioni (la sfida per cambiare il Paese).

“Nessuno aveva ufficialmente il ruolo di coordinatore della comunicazione per la campagna elettorale del PD”, ha ammesso Tommaso Giuntella; “le campagne elettorali non spostano un voto”, è arrivato addirittura a teorizzare Stefano Fassina.

Sono affermazioni incredibili, ma non è questo il vero punto: perché dietro allo stile della comunicazione ci sono sempre un disegno organizzativo, una linea politica e una leadership.

La sconfitta di un’idea di partito

Il PD ha scelto di abbandonare il rischio di un’impresa innovativa che aveva caratterizzato la sua nascita: un linguaggio nuovo, un modello di partito più leggero ed aperto, l’ambizione di una ridefinizione culturale del fronte riformista, che aveva permesso di raggiungere punte di consenso oggi impensabili (il 33,2% di Veltroni, con oltre 12 milioni di voti).

Si è scelto di privilegiare il sicuro rispetto all’insicuro, il certo rispetto all’incerto (a partire da quando, alle primarie, ci siamo messi a chiedere la tessera elettorale, l’iscrizione all’albo degli elettori e la giustificazione per chi voleva venire a votare). Il germe della sconfitta si è, a mio avviso, annidato nella mancanza di slancio e di coraggio.

Bersani ha offerto affidabilità e rassicurazione (il famoso “usato sicuro”) ad un elettorato che chiedeva, prima di tutto, un’altra cosa: un rinnovamento radicale della politica.

Di fronte alle difficoltà, troppo spesso abbiamo scelto la strada di difendere ciò che c’era e di parlare alla parte più tradizionale del nostro consenso, piuttosto che aprire strade nuove. In questo modo, chi resta nel partito si sente più attratto dalle parole d’ordine del passato e chiede quel “menù”, progressivamente si perde contatto con parti di società e si ritorna all’insediamento tradizionale di una sinistra che è minoritaria nel Paese.

E questo vale anche per la tradizionale distinzione sinistra/destra. Che non ritengo sia “scomparsa”: c’è un sistema di valori e di giudizi sulla società che conservano in molti campi una profonda differenza. Ma il nuovo spartiacque da considerare è quello tra innovazione e conservatorismo, e la sinistra, soprattutto nei nostri territori, dove governa da tanti anni, rischia di essere percepita come un sistema di conservazione del potere.

Del resto, balzano agli occhi i consensi ottenuti dai 5 Stelle tra gli elettori più giovani e tra i disoccupati: dalle urne è uscito l’urlo di una generazione cui sono state sottratte la speranza e il futuro.

Non è stato solo un voto di protesta, ma molto di più. Il voto si dà nella speranza che cambi qualcosa. Qual è stata la promessa del Pd agli italiani? Qual è stata la proposta che abbiamo messo in campo per i nostri giovani? Non si è capito. Forse perché era davvero poco chiara: un po’ di lavoro, un po’ di rigore, un po’ di welfare e la garanzia che i diritti acquisiti sarebbero rimasti tali.

Siamo poi di nuovo caduti nell’errore di dividere il campo in due. Da una parte gli onesti, l’“Italia giusta”, quella che paga le tasse e vuole smacchiare il giaguaro; dall’altra i disonesti, gli evasori, quelli disposti a farsi abbindolare dalle promesse di Berlusconi, gli amici del giaguaro. È ora di finirla con le divisioni antropologiche! Se si vuole vincere bisogna essere capaci di parlare a tutti. Mentre il Partito Democratico, come già avevano fatto i DS e il PDS, ha scelto la solita scorciatoia del recinto, dei “nostri”, dei “giusti”, e così ha snobbato il grosso del branco, i delusi del centrodestra, che da quel recinto era fuori. Altro che ricerca del “voto umile”…

Inoltre il PD di D’Alema ha pensato, come sempre, ad occupare il maggior spazio possibile a sinistra, rinunciando a capire le ragioni dei moderati e lasciando ad altri il compito di rappresentarli (a partire da Tabacci con il suo zero virgola), per poi fare un accordo dopo il voto.

È altresì chiaro che la sfida del cambiamento, che abbiamo davanti, non riguarda solo il Partito Democratico, ma interpella anche il mondo organizzato della rappresentanza sindacale ed associativa e dello stesso terzo settore, che dovrebbero essere i nostri veri alleati, perché l’idea che Grillo ha della democrazia (una proposta top down che tende ad azzerare gli organismi intermedi di ascolto e di canalizzazione del consenso) lascia davvero poco spazio per la ricchezza di idee e di realizzazioni della cosiddetta società di mezzo.

Cosa fare

Solo la fecondità e la creatività attraggono interesse e partecipazione. Bisogna che la Ditta, se non vuole fallire e uscire definitivamente dal mercato, pensi a produrre idee nuove investendo nella ricerca e nel merito. In altre parole, nelle persone, che si mettono liberamente in gioco, senza confondere la giusta battaglia per ridurre le disuguaglianze, con la mancata valorizzazione delle diversità, che sono un valore aggiunto. Se non la smettiamo di guardare con sospetto chi porta idee nuove e diverse, ci condanniamo alla sconfitta perenne.

Dopo le elezioni qualcuno ha pensato che, per cavarsela, bastasse semplicemente offrire a Grillo la presidenza del Senato. È sbagliato e dannoso inseguire Beppe Grillo sul suo terreno, quello delle dichiarazioni ad effetto. Grillo non va né rincorso goffamente, né corteggiato: va sfidato.

A partire dalle proposte, molto chiare, che Renzi aveva messo in campo durante le primarie: abolire il finanziamento pubblico ai partiti, dimezzare il numero dei parlamentari, abolire le province, rinunciare ai vitalizi, ridurre gli emolumenti dei parlamentari e dei consiglieri regionali (con riferimento al trattamento economico dei sindaci), fare uscire i partiti dalla RAI, così come dalle Asl e dalle banche.

Adesso non abbiamo più il copyright su queste proposte. Ma dovrebbe essere il Partito Democratico a rilanciarle: non per raccogliere il voto di qualche parlamentare grillino, ma per recuperare un rapporto con il Paese, con gli italiani. La priorità infatti è rimettersi in sintonia con gli italiani, non giocare al compro baratto e vendo dei seggi grillini.

Togliere il finanziamento pubblico ai partiti, subito, come primo atto del nuovo Parlamento, con efficacia immediata sarebbe come dire ai cittadini: ok, abbiamo capito la lezione. Adesso scriviamo una pagina di storia nuova!

Conclusioni

Prima delle elezioni pensavamo che la sfida fosse vincere/governare/cambiare.

Ora che politicamente abbiamo perso e siamo per giunta chiamati, per responsabilità, a concorrere alla governabilità, è sempre più chiaro che occorre capovolgere la triade: la priorità assoluta sta nel cambiamento, a partire da noi stessi. O il Pd cambia, o non possiamo vincere e governare l’Italia.

Damiano Zoffoli

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:

15 comments to Cambiare. Per vincere e governare

  • giandomenico magalotti

    questa volta sono d’accordo!

  • Primo Casadei

    Le considerazioni di Damiano Zoffoli sono tutte sottoscrivibili e le condivido.

  • Paolo

    Sono in sintonia con quanto scritto, anche se non è una novità del dopo voto; le premesse erano già state tutte evidenziate con le primarie e con la stessa impostazione della campagna elettorale: una vera volontà di cambiamento nel PD (almeno ai piani alti) ancora non c’è.

  • Roberto Bernabini

    Condivido in tutto il pensiero di Damiano. Chi ha il timore del cambiamento e delle nuove idee è condannato a morire di se stesso. Ma questo non sembra ancora essere stato compreso dai vertici del PD e i fatti lo dimostrano.

  • Giancarlo

    Ho sostenuto Renzi alle primarie e poi ho votato Monti. Perché? Mi è sembrata l’unica persona seria e autorevole. Bersani è apparso, non solo a me ma a molti, serio ma non autorevole.
    Renzi a queste caratteristiche aggiunge quella della gioventù, e la rappresenta.
    D’accordo che il PD deve essere rinnovato, ma siamo in forte ritardo come la nostra economia lo è rispetto a quella della Germania.
    Io che conosco bene i personaggi del PCI per l’età che ho, riconosco che al 90% i vecchi vizi sono rimasti nei personaggi come D’Alema, Bersani e altri vecchi della storia che ancora contano nel PD.
    Il lupo perde il pelo…
    Rinnovare il Pd è fondamentale.
    Suggerisco, per quel che può valere, scuola seria di politica nel partito, ricambio nelle persone con responsabilità, massima trasparenza e maggiore Democrazia all’interno del partito con vari controlli incrociati.
    Ardisco, con molta umiltà e molte scuse, di suggerire di leggere “Partiti politici: una via per la credibilità” in Aggiornamenti Sociali n. 6 del 2012 (pagine 461-468) per altri input sull’argomento.

  • antonioli fantini fiorenzo

    questo è un partito che ha paura di cambiare, di aprirsi alla società civile.
    è come se i vertici del partito avessero paura che qualcuno di diverso che entra da fuori possa rompere quella rete di connessione col mondo degli affari che si sono consolidati nei lunghi anni nei vari gradi di amminisrazione.
    serve più trasparenza e più democrazia nelle regole che determinano la vita del partito, dobbiamo ripartire
    dal basso, ascoltare i problemi della gente e cercare di dare risposte certe.
    questa classe dirigente è lontana dai problemi dei cittadini ed è moralmente inadatta, per questo ci dobbiamo stringere attorno a Renzi per dare una svolta radicale di cambiamento dentro al partito.

  • piero

    Damiamo tutte condivisibili le proposte di Renzi, ma non bastano, gli elettori vogliono vogliono speranze e protezione: ripristino dell’articolo 18; scuola pubblica; il salario garantito per chi perde il lavoro e qualcosa è bene pensare per gli studenti laureati in attesa di occupazione.
    abbiamo perso il nostro elettorato (operai, giovani disoccupati) non li abbiamo protetti.
    poi, credimi, queste proposte dovevamo proporle tanto tempo prima non dovevamo lasciarle a Grillo.
    l’errore di fare le primarie con un governo che si reggeva con una maggioranza talmente anomala che ad ogni provvedimento legislativo poteva non avere la maggioranza, e quindi andare alle elezioni, proprio come è successo.
    ci siamo presentati con un candidato legittimato dalle primarie, ma stanco e ferito da soldati del suo stesso esercito: gli elettori che alle primarie hanno votato Renzi, e alle politiche non rispettando l’impegno preso con la firma hanno votato per un altro partito, io li definirei disonesti, ti dirò che mi considero preso in giro.
    ora però dobbiamo più che mai essere uniti e se si dovesse votare di nuovo, basta lotte interne, tornare ad essere un riferimento per gli operai, e una speranza per i giovani.
    sicurezze che il nostro partito, nella sua lunga storia, ha sempre dato.

  • Giovanni

    Mi sento di condividere molte delle cose dette.
    Molti, come si può notare dagli scritti precedenti, hanno preso impegni poi hanno votato per altri partiti molto scic!!!
    Ma sono le cose che ancora Tu confermi con il tuo scritto, e cioè “approffitto finchè si può”, non è molto corretto.
    Siccome condivido alcune cose che Tu dici, non condivido l’idea di partito che Tu come altri professate. Spiegami cosa vuol dire “partito leggero” per poi lamentarti che non si è fra la gente.
    Non è che ti fa comodo visto che Tu e quelli che si dicono tuoi dal 31 dicembre, finite le primarie, siete scomparsi. Dove avete fatto campagna elettorale?
    In quali banchetti avete invitato le persona ad una scelta politica per il PD? Vi ho ammirato per la campagna elettorale che avete fatto per Renzi, non accetto personalismi non è nella cultura di un partito che si definisce plurale e democratico.
    Oggi, cari signori, non esistono, o non dovrebbero esistere, renziani e gli altri.
    Pertanto finitela di fare riunioni carbonare e dite finalmente una parola chiara “NOI SIAMO PER UN PD UNITO ANCHE SE A VOLTE LE NOSTRE IDEE NON SONO CONDIVISE”.
    Fare i sapientini dopo, e non aver fatto niente, mi sembra una posizione molto di comodo.
    Giovanni Sasselli

  • Paolo Zammarchi

    Caro Damiano, condivido pienamente la tua analisi, puntuale e lungimirante, sull’esito delle elezioni e sulle prospettive politiche.
    O il PD, tutto il il PD, capisce la lezione e punta al cambiamento o è destinato al definitivo declino.
    Adesso tocca a Bersani l’onere di affrontare la difficile contingenza e deve avere il nostro leale sostegno. Ma sarebbe davvero miope continuare sulla vecchia strada dell’autoreferenzialità e della convinzione che “noi siamo sempre i migliori”, orgogliosamente sbandierata dai vecchi nostalgici della sinistra “pura e dura”.
    Questo è il momento del coraggio e della capacità/volontà di prospettare una visione nuova della politica in una società fortemente cambiata ed in continua evoluzione. E’ quello che Renzi, prima di tutti gli altri, ha saputo cogliere e dimostrare: occorre l’onestà di riconoscerlo e di considerare il Sindaco di Firenze non un “problema” ma una preziosa risorsa per il PD e per l’Italia che verrà.
    Paolo Zammarchi

  • gilberto balzani

    ho sempre votato per il pd (ex margherita) ma quando un partito non ascolta più quello che chiede la gente è ovvio che il partito viene cambiato.
    e io ho votato, “e fatto votare”, m5s.
    ora vedo finalmente che anche Damiano ha capito ciò che chiedono i cittadini, Grillo non mi da certo la sicurezza di un partito in grado di governare un paese in difficoltà economiche come il nostro.
    ma sono anni che urla a tutti di cambiare il SISTEMA.
    non serviva un grillo se Bersani avesse fatto suo il programma 5stelle. Renzi lo aveva capito, ma purtroppo il partitone non ascolta e perde, perde e perderà sempre.
    tornerò a votare il pd quando vedrò che ci sarà un cambiamento effettivo nel sistema partito.
    cosa che credo impossibile in tempi brevi.

  • bruno pirini

    Concordo con l’analisi fatta da Damiano.
    Vorrei semplicemente far notare che già dalle primarie i nostri politici “navigati” avrebbero dovuto capire che gli italiani, specialmente le classi giovani, pretendevano un cambiamento chiaro nel modo di pensare la politica e una maggior trasparenza nella gestione dei rapporti tra il mondo degli affari, quello delle attività amministrative e le sfere politiche.
    Si pretendeva una dimostrazione di coraggio nel rompere con l’attaccamento al potere di quei personaggi politici il cui impegno maggiore era quello di garantirsi un “posto sicuro” per il loro futuro, inventandosi magari qualche nuova presidenza come premio per aver servito bene il partito, pittosto che un impegno evidente a fronte delle problematiche giovanili, del lavoro, dell’economia, dello sviluppo, della scuola, della ricerca, ecc.
    Ha prevalso, nei vertici del partito, la linea di continuare nelle “certezze” consolidate nel tempo, specialmente per quanti provenivano dal vecchio e potente PCI!, ma con questo modo di ragionare bisogna rompere e sperare in una politica nuova che parta anche dalla formazione delle nuove classi, per non ritrovarci con futuri politici allo sbaraglio.
    Quindi il lavoro da fare è tanto, per cui è arrivato il momento per ogni persona che abbia un minimo di buona volontà e senso civico di rimboccarsi le maniche e siccome ho avuto sempre fiducia in Damiano gli chiedo di tener duro.
    Grazie.

  • giorgio

    Caro Damiano e commentatori vari, dovete cessare di criticare i vertici del partito per la sconfitta elettorale, dovreste invece, oltre ad affermare che dovete ridurre i costi della politica in varie forme che io ritengo necessarie come esempio da dare ai cittadini, fare delle proposte analitiche e non generiche, per uscire dalla crisi, dalla disoccupazione, dal debito pubblico pur pagando i debiti, come modificare la struttura ingessata dell’Europa, come risolvere il problemi della conservazione del territorio e dell’ambiente, come liberarci dai rifiuti di qualsiasi tipo senza trasferire altrove il problema a costi spaventosi, ecc.
    Già ci sono altri che vorrebbero uscire dall’Europa, non pagare il debito pubblico, tornare alla lira e tante altre sciocchezze apprezzate dagli stolti. Spiegate bene ai cittadini nelle forme che ritenete più congegnali quali rischi si corrono facendo scelte populiste.
    Egregi politici ai vari livelli di responsabilità, siete stati eletti per questo, non per farvi la guerra corrodendo le basi del partito. Le primarie sono state una grande idea, ma nessuno ha accettato di essere perdente, ed è iniziata una faida interna di risentimento che ha dimostrato che nè il partito nè l’Italia è democratica a sufficienza per un tale passo di democrazia.
    Molti simpatizzanti che hanno votato alle primarie hanno poi votato per il Movimento Cinque Stelle.
    Il partito non deve chedere il consenso sulla base della simpatia del leader, ma sulla base di ciò che il gruppo dirigente esprime dopo aver fatto la sintesi.
    Damiano ti sono grato per i contatti che mantieni con gli internauti, ma occorrono anche altre occasioni di rapporto con i cittadini, ma con delle idee valide da esprimere.
    Vero è che hai organizzato anche dei convegni su varie tematiche a cui anch’io ho partecipato, ma erano per addetti ai lavori e mai si è giunti ad una conclusione definitiva.
    Poi per concludere, anche se bene abbiamo fatto a livello di Consiglio regionale a ridurre gli emolumenti, mi sembra che i provvedimenti si riferiscono ai nuovi eletti, per il passato valgono i diritti acquisiti, ma in Italia molti diritti raggiungono la categoria dei privilegi e non solo per i politici.
    Spero di non essere stato offensivo per nessuno, e se possibile attenderei una risposta nello spirito democratico, per ricaricarmi nel sostegno attivo del Partito democratico.

  • Giuliano Romanelli

    Caro Damiano,
    sono perfettamente d’accordo con la tua analisi puntuale e precisa. Ti dico subito che ho votato PD turandomi il naso nella sola considerazione che non avevo altro partito da votare, che ho sempre creduto nella politica come partecipazione e che sempre mi sono opposto al qualunquismo di chi non va avotare.
    Il centro sinistra aveva un candidato naturale che sicuramente avrebbe vinto, ma soprattutto avrebbe ridato speranza a una stragrande maggioranza di italiani delusi da una politica vecchia, capace di parlare solo a se stessa e che avrebbe comunque sicuramente sconvolto un asfittico quadro politico (ci sarebbe stata una riorganizzazione al centro con il taglio delle ali estreme, Monti non sarebbe salito, forse Berlusconi non sarebbe sceso per l’ennesima volta e Grillo non avrebbe avuto l’enorme successo che purtroppo ha avuto).
    Invece, per la protervia del soliti noti (leggi D’Alema, lucida mente politica di operazioni fallimentari che sono costate al centro sinistra anni di Berlusconi), ci troviamo oggi in una innaturale alleanza con Vendola che nulla ha di diverso, se non la reiterata richiesta del matrimonio per i gay, di quella tristemente nota con Bertinotti grazie alla quale ci siamo dovuti subire anni e anni di Berlusconi.
    Le grandi menti politiche pensavano di poter stravincere con una gioiosa macchina da guerra lanciata contro nessuno.
    Ma le cose ai grandi strateghi, come sempre, si sono complicate.
    Con la candidatura di Bersani il presepe che si erano prefigurati è completamente cambiato: le statuine che così diligentemente avevano messo ai loro posti si sono incasinate. Passami questa metafora un po’ irriverente: il bue è salito a fare la madonnina, l’asino a fare S. Giuseppe, i re magi che non ci dovevano essere sono arrivati anzitempo. Fuor di metafora: Monti è stato costretto dai poteri forti, dall’Europa e dall’America, dal Vaticano a presentarsi, Berlusconi non ci ha visto di meglio che riprovarci per la gioia di Grillo.
    Il centro sinistra si trova oggi in una umiliante rincorsa a Grillo, ma soprattutto sicuramente condannato ancora una volta ad una impossibilità a governare. Le premesse c’erano comunque tutte per la mancata vittoria considerando che nell’ultimo scorcio di campagna elettorale aveva messo in mezzo tutto l’armamentario utile in questi casi: comici, guitti “littizzosi”, San Remo, giornalisti faziosi ancorché rancorosi, ma soprattutto un programma non chiaro rappresentato da un Bersani un giorno ironico, l’altro incazzato con chi capiva il grande regalo che gli faceva portandogli Vendola, l’altro ancora irritato, ma comunque sempre accigliato e con la sufficienza di chi la sa lunga e se non la sa la chiede a D’Alema. Senza considerare la solita operazione di finto rinnovamento messo insieme cooptando dei giovani che sono già vecchi decrepiti per come ragionano e per come intendono la loro militanza politica. Patetici poi, per non dire ridicoli, sono apparsi gli appelli di Bersani al voto utile: appelli che non erano sicuramente necessari se fosse stato candidato Renzi. Mi ricordavano quel tale che, accusato di aver ucciso il padre e la madre, invoca la clemenza dei giudici perché lui è orfano.
    Questo è a mio avviso il risultato politico di quelle grandi menti pensanti della sinistra.
    Ti confesso poi che mi fa indignare da matti vedere i nostri amici Letta, Rosy Bindi, Franceschini difendere in televisione le porcate (leggi Penati, MPS, ecc.) fatte da coloro che si ritengono ontologicamente i migliori. Solo chi non ha memoria ha potuto dimenticare con quanta cattiveria hanno infierito su quelle, che pure noi consideravamo porcate, della DC.
    Stiamo però attenti, caro Damiano, perchè sono convinto che ancora una volta persevereranno nell’errore di escludere chi non appartiene allo stretto recinto di partito andando alla affannosa e ridicola ricerca di personaggi che comunque avvallino scelte autoreferenziali del tutto estranee al comune sentire del ceto medio moderato o di chi è di sinistra senza essere stato comunista.
    Ma sarebbe comunque la fine definitiva di quel partito che andrebbe a rinchiudersi in una sorta di riserva dove i duri, i puri, i giusti, i migliori sarebbero costretti ad un ruolo di minoranza elitaria.
    Con la stima di sempre.

  • elio capacci

    Come dicevo agli amici Savignanesi, per una corretta informazione, non è che abbiamo perso, ma abbiamo vinto molto male.
    Ora però vorrei chiedere cortesemente a chi mi ha preceduto nei commenti, chi se la sentiva di non votare il governo Monti per andare subito alle elezioni con il PD sicuro vincitore, sempre che nel frattempo il paese fosse rimasto in piedi finanziariamente???
    Se il Pd avesse governato avrebbe potuto mettere in atto azioni riformatrici con riduzioni dei costi della politica per incentivare la ripresa, e sarebbe già stato fatto il congresso per rinnovare la classe dirigente del partito, con beneficio anche per l’azione governativa.
    La nostra responsabilità di appoggiare il governo Monti fu allora apprezzata da tutti, ma poi noi tutti abbiamo la memoria corta e soprattutto quando era arrivato il momento per il governo Monti di passare alla fase due con riduzione dei costi della politica (vedi Province) per finanziare la ripresa, il solito furbetto di paese dopo aver fatto i danni, non solo non pagava i cocci, ma staccava la spina al governo per paura di qualche riforma ed inviava agli italiani la lettera di rimborso dell’IMU.
    È chiaro che il nostro credito si era svalutato perchè impossibilitati a mettere in campo qualsiasi azione riformatrice vicina alle nostre idee e che, aldilà delle parole, desse esempi concreti a tutti; ma allora, Vi vorrei chiedere, perchè il capo dello stato ha voluto un governo tecnico non volendo sciogliere assolutamente le camere??? c’era qualche grave pericolo per il paese???
    Certamente per la prossima volta dovremo tenere conto anche del proverbio che dice “dimmi con chi vai e ti dirò chi sei” per cui anche in politica bisognerà stare attenti nella scelta degli amici di viaggio.
    Ora si faccia un dibattito senza rancore, sereno, senza dividerci per bande.
    Anche se non vincere dispiace a tutti, pure a Damiano, che essendo interista ultimamente è abituato a perdere. Cordiali saluti a tutti.

  • Carissimi,

    vi ringrazio, innanzitutto, per queste vostre considerazioni e provo a rispondere, con un unico commento, ad alcune delle vostre sollecitazioni

    Non penso che le Primarie abbiano contribuito a “stancare e ferire” Bersani, come ha scritto Piero.
    Anzi, sono state un momento di grande entusiasmo e partecipazione, di riscoperta della politica, tra la gente. Questo si respirava nei Comitati, che hanno avuto il merito di riavvicinare alla politica e ai partiti tante persone che da un po’ di tempo ci stavano alla larga, e tanti giovani che hanno iniziato ad interessarsi in prima persona del loro futuro, senza delegare ad altri.

    Così come non mi sembra vero che, come afferma Giovanni, chi aveva sostenuto Renzi alle primarie, a partire da Renzi stesso, sia sparito durante la campagna elettorale per le “secondarie”. Matteo ha fornito a noi tutti un raro esempio di onestà e lealtà, facendo una campagna elettorale al fianco di Bersani, pur senza “finti unanimismi” (a questo link c’è una sua bella intervista al Messaggero, in cui spiega bene il concetto: http://www.ilmessaggero.it/primopiano/politica/renzi_io_in_campo_per_bersani_ma_senza_finti_unanimismi/notizie/245550.shtml).
    Ad esempio, alcuni degli aderenti ai Comitati Renzi del Cesenate e del Forlivese hanno responsabilità nel PD e nelle Amministrazioni e mi risulta che si siano impegnati in prima persona neòla campagna elettorale del Partito Democratico, organizzando attività di vario tipo, sui territori.
    Certo ci sono i banchetti nei periodi elettorali, che sono un modo per incontrare le persone e comunicare le nostre proposte; ma ci sono anche altri strumenti (dal web ai social network, fino agli stessi Comitati) a cui un partito nuovo dovrebbe aprirsi, tutti i giorni dell’anno, per attrezzarsi nella maniera più capace di raccogliere la maggioranza dei voti degli italiani.

    Qui non si tratta di “farvi la guerra corrodendo le basi del partito”, come dice Giorgio. Questo mio post è semplicemente un contributo ad una riflessione che il nostro Partito sta facendo, a partire dalla Direzione territoriale, ma non solo (va in questo senso l’iniziativa pubblica “Quali prospettive per il futuro?” di venerdì 22 marzo con l’Istituto Cattaneo sull’analisi del voto, di cui trovate maggiori dettagli a questo link: http://www.damianozoffoli.com/2013/03/15/quali-prospettive-per-il-futuro/).
    Ed è lo stesso spirito con cui, ad esempio, nei mesi passati abbiamo organizzato le iniziative de “La Buona Politica”, che non volevano essere “per addetti ai lavori” (dopo una relazione del relatore abbiamo sempre dato la possibilità e lo spazio a tutti per intervenire, sollecitare, criticare e proporre). Iniziative che non presupponevano una “conclusione definitiva”, ma volevano sollecitare un dibattito su temi e proposte per affrontare la crisi (non solo economica) e rilanciare l’economia a partire dai nostri territori, aprire un confronto sulle buone pratiche, per poi esportarle anche nelle nostre Amministrazioni (dove già non accade).
    Oggi mancano soprattutto idee forti e un pensiero nuovo, che non sono frutto dell’improvvisazione, ma di una riflessione comune, da fare assieme, su come cambia la società e su quale nuova proposta di centrosinistra riformista dobbiamo offrire al Paese.

    Infine, come richiesto, una precisazione sui costi della politica e su quanto fatto in Emilia-Romagna. I provvedimenti di riduzione dei costi (taglio delle indennità e dei budget dei Gruppi assembleari, eliminazione delle spese di rappresentanza, solo per citarne alcuni) che abbiamo votato in questi anni, hanno valenza da questa Legislatura e non dalla prossima. Da subito, per capirci.
    Per quanto riguarda, invece, il tema dei vitalizi, bisogna dire due cose: dal 1 gennaio 2013 sono stati definitivamente aboliti. Coloro che entreranno in carica come Consiglieri regionali non ne avranno, quindi, più diritto. Invece, per coloro che il 1 gennaio erano in carica (come nel mio caso), o erano cessati dal mandato, continuano ad essere valide le disposizioni vigenti, ma con la possibilità di recesso. In base a questa nuova possibilità, coerentemente a quanto ho sempre sostenuto, ho personalmente scelto di rinunciare al vitalizio, mantenendo così uno degli impegni che avevo assunto anche durante la campagna elettorale per le regionali del 2010 (è tutto meglio spiegato a questo link: http://www.damianozoffoli.com/2013/01/14/dal-1-gennaio-2013-fine-del-vitalizio-in-emilia-romagna/).

    Caro Elio, da interista so bene che anche le sfide più difficili, se ben attrezzati, si possono vincere (Barcellona docet… Io mi ricordo un 3 a 1, e non contro il Milan).

    Quindi buon lavoro a noi tutti. “Cambiare. Per vincere e governare” deve essere il nostro obiettivo!
    Un caro saluto,
    Damiano Zoffoli