Per un’energia pulita davvero pulita

Il parere della Regione sul “Pacchetto energia pulita per i trasporti” dell’UE: il fabbisogno delle colonnine di ricarica per auto elettriche deve essere coperto da fonti rinnovabili.

Electric car chargingEnergia pulita e combustibili alternativi nel settore trasporti: fare come dice l’Europa o elaborare un’alternativa? La settimana scorsa due commissioni dell’Assemblea legislativa regionale hanno approfondito il tema decidendo, all’unanimità, di mettere un paletto alle richieste di Bruxelles, pur condividendo l’obiettivo finale.

Il “Pacchetto energia pulita per i trasporti” dell’Unione europea, del gennaio scorso, chiede all’Italia di installare 1,26 milioni di punti di ricarica per i veicoli elettrici (il 10 per cento dei quali accessibili a tutti) nel giro di 7 anni. Un impegno giudicato troppo gravoso dai consiglieri regionali, che temono sanzioni europee nel caso non si riescano a raggiungere completamente gli obiettivi richiesti entro il dicembre 2020. Con le finanze pubbliche senza prospettive floride per i prossimi anni, e l’incertezza sui finanziamenti europei, la scelta è stata quella di non legarsi mani e piedi ad obiettivi nobili ma rischiosi.

Il parere consultivo delle commissioni, votato all’unanimità, sarà inviato al Governo come contributo per definire la posizione italiana sul tema nel corso dei negoziati in sede europea.

“Non si tratta di un rallentamento sulla strada dell’energia pulita – spiega il Consigliere regionale Damiano Zoffoli – dato che l’obiettivo di superare i combustibili fossili resta ed è condiviso. Semplicemente, numeri alla mano, abbiamo ritenuto che la formula matematica usata dalla Ue per calcolare la dotazione minima di colonnine elettriche portasse a un risultato sovrastimato nel caso italiano. Un altro punto poi ci ha lasciato perplessi in commissione, ossia la volontà dell’Europa di spingere sui carburanti alternativi quando, prima di tutto, bisognerebbe ripensare la mobilità nel suo complesso, aumentando i numeri del trasporto pubblico e riducendo la domanda di energia dei mezzi di trasporto”.

“Quando si parla di energia elettrica poi – aggiunge Zoffoli – bisogna chiedersi come questa viene prodotta. Abbracciare carburanti alternativi è giusto, ma solo se questi sono legati a energie rinnovabili e non rubano terreno all’agricoltura ad uso alimentare, come nel caso dell’etanolo e del biodiesel. Per questo la commissione, nel suo parere, ha ritenuto fondamentale chiedere all’Unione europea, per mezzo del Governo, di introdurre nella direttiva l’obbligo di copertura del fabbisogno energetico attraverso la produzione di energia da fonti rinnovabili”.

Per non cadere in contraddizione: è assurdo diffondere la mobilità sostenibile e i mezzi elettrici che si alimentano con colonnine di ricarica che, a loro volta, funzionano grazie al petrolio.

È possibile scaricare il testo del PARERE cliccando qui.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:

2 comments to Per un’energia pulita davvero pulita

  • Beh, questo da un punto di vista strettamente scientifico non è esattamente vero.
    Le stufe a petrolio che siamo abituati a guidare, hanno un rendimento che quando va bene (piccoli motori diesel turbocompressi e condizioni ottimali di funzionamento) arriva a malapena al 30%, significa che il resto va praticamente tutto in calore, quindi sprecato.
    Una autovettura elettrica, anche considerando tutta la catena di rendimenti della conversione, dalla fonte alle ruote, può raggiungere comodamente un rendimento dell’50%, fino al 60% per le tecnologie più evolute (un impianto turbogas ad esempio può avere un rendimento di oltre il 60%).
    Significa che, seppur vero che alimentare la mobilità elettrica con fonti non rinnovabili comunque non diminuisce la dipendenza dal petrolio, in primo luogo sposta l’inquinamento alla fonte, in secondo luogo DIMEZZA I CONSUMI, grazie al migliore rendimento di motori che non funzionano grazie alla combustione interna. Inoltre, la mobilità elettrica può fungere da ottimo compensatore della intermittenza tipica delle fonti rinnovabili, consentendone l’introduzione in quote sempre maggiori all’interno della rete elettrica nazionale.

    • Caro Paolo,
      hai ragione nel dire che il rendimento termico di una vettura elettrica è più elevato di una a combustione.

      Il ragionamento che abbiamo fatto in commissione, però, è questo: nel momento in cui si deve pianificare la nascita sul territorio di una rete capillare di colonnine di ricarica, meglio farlo con un orizzonte lungimirante.

      Vogliamo mettere in atto un piano credibile (per questo abbiamo chiesto di limitare il numero di colonnine rispetto alle richieste spropositate di Bruxelles) ed evitare soluzioni pasticciate, evitando di spostare alla fonte, come sottolinei, l’inquinamento.

      Avere qualche colonnina in meno, ma con la garanzia che eroghi energia davvero pulita (ed “etica”, rifiutando quindi i biocombustibili), è sembrato a tutti i consiglieri il modo migliore di partire con il piede giusto.

      Damiano Zoffoli