Destra e sinistra perdono il proprio popolo. M5S come la vecchia Dc: interclassista

Mappe. Il voto ha segnato una svolta violenta, che modifica profondamente i confini fra politica, società e territorio. Con Grillo operai e lavoratori autonomi, addio legami di territorio. Il Pdl aveva il consenso delle piccole imprese, Bersani quello delle tutte blu. Entrambi lo hanno smarrito.

il voto 2013 per categoria socio-professionaleRiporto, qui di seguito, un interessante articolo di Ilvo Diamanti, pubblicato oggi su Repubblica.
Il retroterra delle tradizionali forze politiche, dopo una lunga erosione, è franato. Le stesse fratture politiche che hanno improntato la seconda Repubblica oggi non riescono più a “dividere” e ad “aggregare” gli elettori. Siamo entrati in un’altra Storia. I partiti “tradizionali”, per affrontare la sfida del M5S, non possono inseguirlo sul suo terreno. Blandirlo. Sperare di integrarlo. Scommettere sulla sua dis-integrazione. Al Pd, per primo. Non basta rinnovarsi, ringiovanire. Il Pd. Deve cambiare”.
Ilvo Diamanti ha ragione in pieno.
Attenzione a non ripetere l’errore (per altro ingigantito, visti i numeri) già fatto con la Lega Nord.
Damiano Zoffoli

NON è una scossa isolata e occasionale. Le recenti elezioni segnano, invece, una svolta violenta. Che modifica profondamente i confini fra politica, società e territorio. Segno del cambiamento è, soprattutto, il voto al M5S. Il quale ha canalizzato gli effetti di due crisi, enfatizzate, a loro volta, dalla crisi economica.

La prima – a cui abbiamo già dedicato attenzione – colpisce il legame con il territorio. È resa evidente dallo “sradicamento” dei partiti principali nello loro zone “tradizionali”. Il Pd: in alcune province storicamente di sinistra. Nelle Marche e in Toscana, soprattutto. La Lega: nel Nordest, nella pedemontana lombarda e piemontese. Nelle province “forza-leghiste”, un tempo “bianche”. Democristiane. Infine, il PdL, che ha perduto, in misura superiore alla media, nelle Isole. Sicilia e Sardegna. Dove è forte, fin dalle origini.

Una geografia politica di lunga durata è mutata bruscamente e in modo profondo. Almeno quanto la struttura sociale ed economica del voto. È qui la seconda “crisi”, esplosa alle recenti elezioni, dopo una lunga incubazione. Centrosinistra e centrodestra hanno perduto la loro base sociale di riferimento. Il centrodestra, in particolare, aveva conquistato il consenso dei ceti produttivi privati. Gli imprenditori, ma anche gli operai delle piccole e medie imprese private. E gli stessi in-occupati. Aveva, inoltre, ereditato, dai partiti di governo della prima Repubblica, il consenso delle aree del Mezzogiorno maggiormente “protette” dallo Stato.

Il Centrosinistra e soprattutto il Pd si erano, invece, caratterizzati per il consenso elettorale garantito dai ceti medi tecnici e impiegatizi. I vent’anni della seconda Repubblica, in fondo, si riassumono in questa frattura sociale e territoriale. Marcata dalla “questione settentrionale” e dai soggetti politici che, più degli altri, l’hanno interpretata. La Lega e Silvio Berlusconi. La Destra popolare opposta alla Sinistra im-popolare. Sostenuta dai professionisti, gli impiegati (soprattutto “pubblici”) e gli intellettuali.

Ebbene, oggi il marchio della seconda Repubblica appare molto sbiadito. L’identità sociale – per non dire di “classe” – delle principali forze politiche risulta sensibilmente ridimensionata.

Il centrodestra “popolare” ha perduto il suo “popolo” (lo ha rilevato anche Luca Comodo, sul Sole 24 Ore). Il suo peso, tra gli imprenditori e i lavoratori autonomi, rispetto alle elezioni del 2008, è pressoché dimezzato: dal 68 al 35%. Lo stesso tra gli operai: dal 53 al 26%. Mentre, fra i disoccupati, gli elettori di centrodestra sono calati dal 47 al 24% (indagini di Demos-LaPolis, gennaio-febbraio 2013).

Anche il centrosinistra e la sinistra si sono “perduti” alla base. Hanno, infatti, intercettato il voto del 35%, tra le figure “intellettuali”, il personale tecnico e impiegatizio: 12 meno del 2008. Del 32% dei liberi professionisti: 10 meno delle precedenti elezioni.

Centrodestra e centrosinistra, soprattutto, hanno smesso di costituire i poli alternativi per i lavoratori dipendenti e indipendenti, occupati e disoccupati. Perché, in queste elezioni, non hanno, semplicemente, cambiato profilo socioeconomico. Ma sono rimasti senza profilo. Cioè, senza identità. La base perduta da una delle due coalizioni principali della seconda Repubblica, infatti, non si è rivolta all’altra. Gli operai – e i disoccupati – non si sono spostati a sinistra. Tanto meno – figurarsi – gli imprenditori e i lavoratori autonomi. I professionisti, gli impiegati e i tecnici, a loro volta, non si sono orientati a destra. I lavoratori “in fuga” si sono rivolti altrove. Hanno scelto il M5S. Per insoddisfazione – spesso: rabbia – verso le “alternative” tradizionali. Hanno votato per il soggetto politico guidato da Grillo.

Così, oggi, in Italia si assiste a una competizione politica singolare, rispetto a quel che avviene in Europa. Dove l’alternativa avviene – prevalentemente – fra Liberisti e Laburisti, Popolari e Socialdemocratici. Centrodestra e Centrosinistra. Che rappresentano, storicamente, lavoratori indipendenti e dipendenti. Imprenditori e operai oppure impiegati. Mentre oggi in Italia i due principali partiti, PdL e Pd, prevalgono, in particolare, tra le componenti “esterne” al mercato del lavoro. Il PdL: fra le casalinghe (36%). Il Pd: fra i pensionati (37%). Quelli che guardano la tivù…

Il M5S, invece, ha assunto una struttura sociale interclassista. Da partito di massa all’italiana. Come la Dc e il Pci della Prima Repubblica. Primo fra gli imprenditori e i lavoratori autonomi, fra gli operai (40%), ma anche fra i disoccupati (43%). Fra i “liberi professionisti” (31%) e fra gli studenti (29%) – dunque fra i giovani.

In più, ha un impianto territoriale “nazionale”. Distribuito in tutto il territorio.

Ciò induce a usare prudenza nel considerare il voto delle recenti elezioni come un evento violento, ma transitorio. Che è possibile riassorbire con strategie tradizionali. Attraverso grandi alleanze, tra vecchi e nuovi soggetti. Oppure integrando nell’area di governo gli “ultimi arrivati”. Non è così. Perché il retroterra stesso delle tradizionali forze politiche, dopo una lunga erosione, è franato. Le stesse fratture politiche che hanno improntato la seconda – ma anche la prima – Repubblica oggi non riescono più a “dividere” e ad “aggregare” gli elettori. Siamo entrati in un’altra Storia. I partiti “tradizionali”, per affrontare la sfida del M5S, non possono inseguirlo sul suo terreno. Blandirlo. Sperare di integrarlo. Scommettere sulla sua dis-integrazione. Al Pd, per primo. Non basta rinnovarsi, ringiovanire. Il Pd. Deve cambiare.

È possibile consultare le MAPPE (ELEZIONI POLITICHE 2013: COM’È CAMBIATA LA COMPOSIZIONE SOCIALE DEL VOTO) cliccando qui.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:

5 comments to Destra e sinistra perdono il proprio popolo. M5S come la vecchia Dc: interclassista

  • Marco

    Questo articolo dimostra abbondantemente che le persone non votano per adesione ideologica, ma per necessità di soddisfacimento dei propri bisogni. Con il rischio di votare imbonitori televisivi o neo populisti, ma in questa era conta molto la pancia e non sempre è un errore (qualcuno ricorda la piramide di Maslow?). Aspettando un partito che dia risposte alla pancia con un pò di testa.
    Marco Amadori

  • Davide Fagioli

    “M5S come la vecchia DC”. Non condivido questo giudizio del Consigliere regionale.
    Il PD non ha preso sul serio il Movimento prima delle elezioni; ad elezioni avvenute capisce che 5 Stelle è nato e ha avuto voti grazie all’incapacità e alla corruzione di una classe politica non più in grado di guardarsi dentro e intorno, PD compreso.
    Movimento 5 Stelle come la vecchia DC?! A mio modo di vedere, è il PD che, se non cambia registro, a piccoli passi si sta abbassando e traslando al livello della vecchia DC. Capisco la delusione per i risultati di queste elezioni, ma il paragone suona denigratorio: M5S sarà anche interclassista, ma non è il solo mi pare, e il paragone con un partito per nostra fortuna ormai passato alla storia è un “di più” non necessario, stonato.
    Il PD è il primo partito in Italia, non è più un “partito classista”: si è rifatto il trucco, ma rispetto al “vecchio” PCI ha perso mordente e, soprattutto, sta perdendo la fiducia di molti elettori che votano PD “turandosi il naso”. Che tristezza.
    “Il PD deve cambiare”: giusto, buon lavoro.
    Cordialmente,
    Davide Fagioli

    • Gentile Davide,

      prima di risponderle nel merito, una precisazione: “M5S come la vecchia Dc: interclassista” è il titolo dell’articolo di Ilvo Diamanti su Repubblica (che ho riportato integralmente qui sopra, usando anche un diverso colore, per provare a tenere distinte le due cose), non una mia affermazione.

      Sono d’accordo con lei: non abbiamo preso sul serio il M5S prima del voto, o forse l’idea di sfidare il M5S prima delle elezioni, sui contenuti, come qualcuno aveva proposto di fare alle Primarie, non è risultata maggioritaria, e questo è il risultato.
      Affermare che “il M5S ha assunto una struttura sociale interclassista. Da partito di massa all’italiana. Come la Dc e il Pci della Prima Repubblica”, come fa Diamanti, non ha nulla di denigratorio. È un dato oggettivo, da cui ripartire se vogliamo che la nostra (quella del PD tutto) proposta parli alla maggioranza degli italiani. Come avveniva con la DC, rispetto alla quale la inviterei ad un maggiore rispetto. E lo stesso ragionamento vale per il PCI.

      Infine sì, come avevo provato a dire in un post della settimana scorsa che, se vuole, trova qui (“Cambiare. Per vincere e governare” http://www.damianozoffoli.com/2013/03/06/cambiare-per-vincere-e-governare/), e che oggi ripeto, confortato o meglio supportato anche dalle mappe del sociologo Diamanti, il PD deve cambiare. La priorità assoluta, a mio avviso, sta nel cambiamento, a partire da noi stessi. O il Pd cambia, o non possiamo vincere e governare l’Italia.

      Un caro saluto,
      Damiano Zoffoli

  • flavio foietta

    Caro Damiano,
    credo che la protesta, nei vari decenni, si è aggregata in diversi modi e gruppi: dall’Uomo Qualunque, ai partiti di estrema destra come MSI, ai partiti di estrema sinistra, ai radicali, alla Lega ed ora al M5S.
    Dobbiamo prendere in considerazione i motivi che portano la gente a protestare, piuttosto di guardare CHI è a capo della protesta.
    Oggi la protesta (il movimento M5S poteva avere qualsiasi altro nome ed avere qualsiasi altro leader) nasce dalla “immoralità” politica dei partiti e dalla loro incapacità di gestire le esigenze della gente, a partire dall’economia:
    1) in un momento di grave crisi, i primi a “tagliarsi” stipendi, benefit ed onori dovrebbero essere coloro che li impongono agli altri (anche se per necessità). Ricordo che in un momento molto più difficile, Fanfani partiva da Arezzo per Roma con la sua 500 e aveva come autista il suo fattore… Oggi possiamo avere come esempio Papa Francesco…
    2) le promesse di ridurre le tasse sono una bufala: come facciamo a trovare i fondi per i servizi? Nessuno fa una proposta vera per la giustizia fiscale. Perchè sulla strada, a controllare quei “delinquenti” di automobilisti, ci sono ben 7 corpi di polizia e contro l’evasione fiscale solo la Guardia di Finanza?
    3) perchè la burocrazia (statale, regionale, …) è aumentata all’inverosimile anzichè essere ridotta? Non riusciamo ad ottenere i finanziamenti europei perchè non bastano mai i 30-60-90 giorni che i bandi europei danno per la presentazione dei progetti.
    4) perchè a tanti politici e grandi dirigenti è permesso dilapidare e rubare (non hanno controlli e comunque nessun loro superiore paga) avendo grandi paracaduti, compresa l’immunità parlamentare (stravolta nel suo significato costituzionale)?
    5) perchè mettere in croce i Comuni, specie i piccoli: 52.000 poltrone eliminate (si gloriava Calderoli) non sapendo che quelle erano le sedie di volontari della politica, con risicatissimi emolumenti (inferiori alle spese che comunque sostengono) ed amanti delle proprie comunità? Nessuno ha toccato le vere poltrone.
    … e così via….

    Quindi, non è una questione di uomini e di ideologia: primum è una questione di comportamenti e di necessità di sobrietà e di compartecipazione ai problemi della gente.
    Damiano, magari potessimo ritrovare persone come De Gasperi, Fanfani, La Pira, Moro, …!
    Ma forse m’illudo…, perchè si stanno cercando valori che sono del tutto secondari (gioventù, prestito alla politica, società civile, donne, gente comune, …) anzichè quelli veri (capacità, onestà, dedizione, sensibilità verso gli altri, …).
    Ciao, con affetto,
    Flavio

    • Caro Flavio,
      ti ringrazio per queste tue considerazioni, che in gran parte condivido.
      Del resto anche per questo ci siamo battuti alle recenti Primarie.
      Considerazioni che nascono dalla comune esperienza di Sindaci abituati a condividere successi ed insuccessi di una politica fatta di concretezza e di verità.
      Sul punto 1) ho detto più volte che la politica difficilmente potrà recuperare la sua funzione (che è quella di costruire la speranza), se prima non avrà recuperato la credibilità necessaria, a partire da gesti di buon senso e buon esempio, come penso, nel nostro piccolo, abbiamo provato a fare qui in Emilia-Romagna.
      Bisogna sempre, come ci ricordava La Pira che anche tu hai citato, “sperare contro ogni speranza” (“spes contra spem”).
      E Papa Francesco è un grande segno di speranza per tutti, credenti e non!
      Un caro saluto e a presto,
      Damiano