Rubicone, al via il referendum sulla fusione dei Comuni

L’Assemblea legislativa ha dato il via libera alla consultazione popolare per l’unificazione di Savignano sul Rubicone e San Mauro Pascoli.

Piazza BorghesiI cittadini di San Mauro Pascoli e Savignano sul Rubicone saranno chiamati, con un referendum consultivo, a dire la loro sulla nascita di un nuovo comune.

La decisione d’indire la consultazione, che era stata preceduta dalle votazioni a maggioranza qualificata nei comuni coinvolti a favore dell’unificazione, è stata formalizzata dall’Assemblea legislativa con una delibera specifica nella seduta odierna. Di conseguenza, la legge regionale, necessaria per formalizzare la fusione dei comuni, è stata tecnicamente sospesa in attesa venga espletato il referendum.

Due i quesiti su cui saranno interpellati i residenti dei comuni interessati: ”Volete voi che i comuni di Savignano sul Rubicone e San Mauro Pascoli nella provincia di Forlì-Cesena siano unificati in un unico Comune mediante fusione?” è il testo del primo; mentre l’altro riguarda la scelta del nome tra Rubicone Pascoli, Pascoli Rubicone, Rubiconia Pascoli, Rubicone pascoliano e Pascoli Valle Rubicone.

Secondo quanto prevede la proposta normativa il nuovo comune, con una popolazione complessiva di 29.348 abitanti ed un’estensione di 40 chilometri quadrati (e, di conseguenza, una densità abitativa molto alta), avrà decorrenza a partire dal primo gennaio 2014 e potrà contare su ingenti finanziamenti statali per circa una decina di milioni di euro, oltre a quelli regionali. Su questo punto, in particolare, il progetto di legge prevede la concessione di contributi dalla Regione pari a 450 mila euro all’anno per il primo decennio e di 135 mila per ulteriori 5 anni. Previsto anche un contributo straordinario regionale, in conto capitale, di 150 mila euro all’anno per i primi tre anni.

“La decisione di indire il referendum – spiega il Consigliere regionale Damiano Zoffoli – si inserisce a pieno titolo nel percorso, avviato dai Comuni e accompagnato dalla nostra Regione, di migliorare i servizi per i cittadini, mantenendone la quantità e la qualità nonostante le ridotte disponibilità delle risorse pubbliche. Non c’è obbligo di legge, né emergenza, nel farlo. Lo studio di fattibilità ha infatti evidenziato che si tratta di comuni virtuosi, ovvero che su base aggregata spendono meno della media degli altri comuni regionali comparabili per dimensione. Ma l’immobilismo, così come l’improvvisazione, sono due cancri della politica. Ecco perché la scelta di procedere, con coraggio, alla fusione è una precisa assunzione di responsabilità verso il cambiamento, che non può più essere rimandato”.

È possibile scaricare la RELAZIONE (illustrata in Aula dal relatore Antonio Mumolo) e il TESTO del PROGETTO DI LEGGE cliccando qui.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:

1 comment to Rubicone, al via il referendum sulla fusione dei Comuni

  • elio capacci

    Riguardo alla fusione, che spero sia a caldo perchè riesce meglio, non posso che dire: era ora!!!!!!!
    I primi convegni sulla questione fatti dalle organizzazioni imprenditoriali, artigianali e sindacali risalgono a più di vent’anni fa, quindi non è un’operazione calata dall’alto, ma una doverosa risposta che la politica dà in notevole ritardo, come la storiella di due fidanzati che dopo 20 anni la fidanzata chiede al fidanzato “cosa pensi, sarebbe ora di sposarsi se vogliamo far qualcosa di buono?” e lui le risponde “non vorrai mica farmi fretta!”. Ecco la politica rischia di far la figura del fidanzato.
    A mio avviso ogni buon politico ogni tanto dovrebbe chiedersi quale sia l’ambito ottimale di governo di un territorio per non sprecare soldi e migliorare i servizi, così facendo avremmo imboccato la strada anche per ridurre i costi della politica.
    L’altra sera ho assistito al primo dibattito sulla questione, organizzato benissimo al centro giovani di Savignano, e devo dire onestamente che quelli del Comitato del no fanno una gran fatica a giustificare la loro posizione. È come arrampicarsi sugli specchi, e le domande dei ragazzi sono state impietose nei loro confronti.
    Cosa diversa è l’atteggiamento degli Amministratori di Gatteo che, raggiunto il potere, non vogliono correre il rischio di perderlo, per cui ai loro cittadini non concedono neanche di fare il referendum; hanno veramente una gran bella idea delle Istituzioni, che non sono di nessuno, ma dovrebbero essere il centro della democrazia.
    Nessuno avrebbe impedito al Sindaco di Gatteo, se fosse entrato in questa fusione, di candidarsi alle prossime elezioni per guidare non un’utilitaria, ma un’auto buona, di media cilindrata.
    E con i tempi che corrono, credo che nessun candidato, impegnerebbe prima la sua vittoria al Monte di Pietà.
    Speriamo bene nell’interesse del Rubicone.