L’assalto finale al digital divide

Nuovo accordo tra il Ministero dello Sviluppo economico e la Regione Emilia-Romagna: 46 milioni di euro per garantire banda larga a tutti gli emiliani e i romagnoli entro la fine del 2013

Fiber OpticalL’obiettivo è confermato: banda larga in tutta l’Emilia-Romagna entro la fine del 2013. Era stato deciso tre anni fa, ora la Regione ha rinnovato il suo impegno in questo senso. Non tutti navigheranno su linea Adsl: in certe zone, quelle più difficili da raggiungere o con minore densità di popolazione, la connessione a banda larga sarà fornita in modalità wireless, per mezzo di speciali ponti radio. Ma a tutti sarà garantita una velocità di navigazione minima di 2 megabit per secondo, il minimo richiesto dall’Unione europea per definire una connessione Internet “di banda larga”.

L’ultima tappa di questo percorso è di pochi giorni fa, con la firma di un accordo di programma tra la Regione e il Ministero dello Sviluppo economico da 46 milioni di euro, 21 milioni dei quali da fondi regionali. Nel documento la Regione e lo Stato avviano un percorso per dividersi i lavori da portare a termine in questa fase finale, con la posa di nuova fibra ottica e il completamento della “dorsale radio sud” in Appennino.

I nuovi cantieri partiranno entro tre mesi. Gli interventi saranno a cura di Infratel e Lepida, la società pubblico-privata della Regione che da anni lavora per abbattere il divario digitale, in collaborazione con 411 enti locali.

“L’intervento pubblico in questo settore è decisivo – commenta il consigliere regionale Damiano Zoffoli – dato che ci sono aree non ritenute appetibili, a livello di mercato, dagli operatori telefonici. Ma avere accesso a Internet con una connessione decente è da tempo una necessità inderogabile per i cittadini. Per lavorare, comunicare, informarsi, accedere ai servizi pubblici, la Rete è divenuta nel tempo un pilastro della società globale e l’accesso ad essa un diritto fondamentale del cittadino. Per questo la Regione ha il dovere di continuare a investire sulla banda larga, per fare in modo che tutti possano godere appieno di questo diritto”.

Dal 2009 ad oggi Lepida ha realizzato opere per 27,6 milioni di euro: 5 milioni in fibra ottica finanziata dalla Regione, 15 milioni in fibra ottica finanziata dallo Stato, 7,6 milioni in infrastrutture radio (finanziate da Regione, enti locali e multiservizi).

Ad oggi il 97 per cento degli emiliani e dei romagnoli risulta raggiunto dalla banda larga. Negli ultimi tre anni 110 centrali telefoniche sono state allacciate alla fibra ottica, mentre altre 34 lo saranno entro il 2014. A queste vanno aggiunte 370 aree di centrale equivalenti, da allacciare in fibra ottica o coprire via radio (come nel caso della Dorsale Radio Sud) con fondi statali o regionali, raggiungendo la bellezza di 265mila persone circa.

La Regione, inoltre, fornirà contributi a progetti di operatori pubblici di telecomunicazioni per abilitare la diffusione di servizi a banda larga per 10 milioni di euro, pari ad altre 173 aree di centrali equivalenti con 84.000 utenti serviti.

Gli interventi realizzati dal Ministero e dalla Regione insieme superano, dunque, le 500 aree di centrali equivalenti e si stima possano arrivare a coinvolgere quasi 350mila utenti in Emilia e in Romagna.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.