Libera la domenica!

Il Governo riconosca il ruolo delle Regioni nella programmazione degli orari degli esercizi commerciali.

liberaladomenicaContinua la raccolta di firmeliberaladomenica”, che ha lo scopo di proporre una legge di iniziativa popolare con la quale si chiede di far tornare in capo alle Regioni la scelta sulle aperture domenicali delle attività commerciali, limitando gli eccessi introdotti dalla liberalizzazione e garantendo la giusta concorrenza.

È possibile firmare presso gli uffici anagrafe di tutti i Comuni del cesenate, negli orari di ricevimento del pubblico. In più, nella mattinata di domenica 17 marzo saranno allestiti due tavoli di raccolta firme fuori dalle chiese del Duomo e di San Vittore di Cesena.

La campagna, che ha un sito internet dedicato (www.liberaladomenica.it), è stata avviata qualche mese fa da Confesercenti nazionale con il sostegno della Conferenza episcopale italiana e dei sindacati Filcams-Cgil, Fisascat-Cisl, Uiltucs-Uil.

L’obiettivo non è quello di vietare aperture festive e domenicali, ma di renderle compatibili con le effettive esigenze di tutti i soggetti interessati: lavoratori dipendenti, consumatori e imprese.

L’iniziativa è sostenuta anche da alcune Regioni, tra cui l’Emilia-Romagna: l’Assemblea legislativa, nei giorni scorsi, ha infatti approvato all’unanimità una risoluzione bipartisan con la quale si chiede alla Giunta regionale “di sollecitare nuovamente il Governo al fine di riconoscere il ruolo delle Regioni e degli enti locali nella programmazione commerciale e nella organizzazione degli orari”, per trovare soluzioni condivise.

“L’art. 31 del DL n. 201/2011 (cosiddetto decreto Salva Italia) – si legge nel testo della risoluzione – dal 1° gennaio 2012 ha definitivamente liberalizzato il regime degli orari degli esercizi commerciali (negozi – appartenenti al settore alimentare e non – di ogni dimensione, piccoli esercizi di vicinato, esercizi della media e grande distribuzione) e di somministrazione di alimenti e bevande (bar, ristoranti). In precedenza, gli orari dei negozi e dei pubblici esercizi erano disciplinati da norme che consentivano a tutti i Comuni di individuare i giorni e le zone del territorio nei quali gli esercenti potessero scegliere se derogare o meno all’obbligo di chiusura domenicale e festiva e permettevano ai titolari degli esercizi aventi sede nei Comuni ad economia prevalentemente turistica e nelle città d’arte (o in alcune zone dei medesimi) di determinare liberamente, nei periodi dell’anno appositamente individuati, gli orari di apertura e di chiusura e derogare dall’obbligo di chiusura domenicale e festiva”.

“I dati forniti dall’Istat hanno evidenziato che le aperture domenicali non servono per aumentare i consumi. – commenta il Consigliere regionale Damiano Zoffoli – Questa iniziativa, non solo mette a rischio la sopravvivenza dei negozi al dettaglio, che rischiano di scomparire, ma soprattutto priva i lavoratori del diritto a godersi la domenica come giornata di riposo e di festa e le famiglie della possibilità di partecipare più pienamente alla vita delle nostre comunità. Ecco perché chiediamo il ripristino di una disciplina più equilibrata e rispondente alle realtà territoriali: l’apertura domenicale sia l’eccezione, non la regola”.

È possibile scaricare il testo della RISOLUZIONE cliccando qui.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.