Buoni nido: funzionano e aiutano le famiglie, ma possono migliorare

“In provincia di Forlì-Cesena sono quasi 200 i bambini beneficiari dei voucher”.

La Regione conferma i buoni nido, ma chiede qualche correzione per il futuro. Si tratta di voucher, erogati dai Comuni, destinati a famiglie con entrambi i genitori impegnati a livello lavorativo e con bambini in strutture private autorizzate come nidi, micro-nidi, sezioni primavera, nidi part time, nidi aziendali, piccoli gruppi educativi o educatrici domiciliari.

I fondi arrivano da Bruxelles (tre milioni dal Fondo sociale europeo, vincolati a questo uso specifico, per un massimo di 250 euro a famiglia) ma ogni Comune può aggiungere fondi propri: “Si tratta di una buona forma di collaborazione tra privato e pubblico – commenta il consigliere regionale Damiano Zoffolisecondo il principio di sussidiarietà”.

Dal 2009 ad oggi i voucher hanno riscosso un successo crescente. Dai 47 comuni emiliani e romagnoli aderenti in un primo tempo (500 famiglie beneficiarie), si è passati ai 59 comuni del 2011/2012 (con 948 famiglie beneficiarie).

Quest’anno in Provincia di Forlì-Cesena sono 194 i bambini e le bambine beneficiari dei buoni, nei comuni di Cesena, Savignano sul Rubicone, Gatteo, San Mauro Pascoli e Forlì. Questi enti hanno ricevuto dalla Regione un finanziamento complessivo di 501mila euro.

Eppure ampliare la platea dei Comuni coinvolti è importante per ridurre ulteriormente le liste d’attesa dei nidi. Per questo la Regione, nell’autunno scorso, ha messo in campo una “missione valutativa” sulle difficoltà legate all’utilizzo dei voucher. Sulla base dei risultati di questa indagine, la commissione Scuola e formazione dell’Assemblea legislativa regionale ha preparato il testo di una risoluzione, che sarà discussa in Aula, per impegnare la Giunta a fare qualche modifica al sistema dei buoni.

“Tra le modifiche richieste – spiega il consigliere regionale Damiano Zoffoli – c’è quella, dato il periodo di crisi economica, di un superamento del vincolo che vuole entrambi i genitori occupati. Le famiglie dovrebbero essere in grado, poi, di accedere con facilità ai buoni anche ad anno scolastico già avviato e, soprattutto, poter riscuotere in modo più rapido il contributo. L’ultima richiesta della risoluzione è quella di promuovere la gestione associata dei buoni nido a livello di distretto, con una collaborazione sovracomunale. E’ importante che i Comuni si attivino però da subito per i voucher, presentando la propria candidatura al progetto entro e non oltre il 10 aprile”.

E’ possibile scaricare la DELIBERA di Giunta con l’avviso agli Enti pubblici per la presentazione delle candidature al progetto per il prossimo anno scolastico QUI.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.