La Regione intervenga sul progetto autostradale della E55, bloccato dal Cipe

“Una storia lunga 10 anni, è ora di passare ai fatti”.

E45L’autostrada E55 Orte-Mestre è un’infrastruttura che “i cittadini della Provincia di Forlì-Cesena e della Romagna attendono da tempo” e alla cui realizzazione “sono legate importanti opportunità per il territorio e la soluzione dell’annoso problema della E45, che si trova in uno stato di sempre maggior degrado e con una manutenzione assolutamente inadeguata”. È quanto afferma il Consigliere regionale Damiano Zoffoli che, preoccupato dall’ennesimo stop all’opera, ha presentato un’interrogazione alla Giunta regionale.

“Il mancato via libera da parte del Comitato interministeriale per la programmazione economica (Cipe) – si legge nel testo – rischia di far perdere altro tempo, aggiungendo l’ennesimo ritardo al travagliato e già troppo lungo percorso (durato oltre un decennio) di realizzazione di quest’opera. In questa difficilissima fase della vita del nostro Paese, l’ulteriore rinvio di questo progetto comporta l’allontanarsi delle possibilità di ripresa economica (in termini di lavoro, crescita, valorizzazione dei territori) ad esso legate, sulle quali il territorio romagnolo contava”.

Ecco perché il Consigliere Zoffoli ha chiesto alla Giunta di sapere “come intenda attivarsi per stigmatizzare, nei confronti del Ministero e del CIPE, questo inaccettabile ulteriore ritardo nella realizzazione di un’opera che, dopo dieci anni di progetti, dibattiti e confronti, non può più attendere; e quali azioni intenda mettere in campo per far sì che si giunga al più presto alla costruzione della Nuova Romea Cesena-Mestre e alla riqualificazione della E45, fondamentali per tutto il territorio dell’Emilia-Romagna e vitali per il collegamento nord-sud del Paese”.

È possibile scaricare il testo dell’INTERROGAZIONE cliccando qui.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:

3 comments to La Regione intervenga sul progetto autostradale della E55, bloccato dal Cipe

  • Se proprio una infrastuttura dovesse essere bocciata è proprio la E55, della quale ben pochi sentono il bisogno, figuriamoci se ci sono imprese che la attendono “da tempo”.
    Quello che invece viene chiesto da tempo, essendo stata l’infrastruttura ben ampiamente ammortizzata nel corso degli anni, è che sia finalmente soggetta a una manutenzione DECENTE, con interventi strutturali durevoli nel tempo, capaci di garantirne la fruibilità, la sicurezza, per gli anni a venire. L’ennesima battaglia di un PD perdente, quella delle grandi opere infrastrutturali inutili, mentre le reali necessità sono ben altre, in particolare un PIANO DI MANUTENZIONE degno di questo nome. Vorremmo che si interrompesse questa ricerca all’aggettivo più virtuoso… opera fondamentale, opera vitale, opera necessaria, e ci si renda conto che le priorità sono altre, pensare al bene comune, non ad arricchire chi vive di progetti, e che con i ritardi ha convissuto fino ad ora benissimo.

  • Assessore LLPP Bagno di Romagna

    Caro Damiano,
    come accennato telefonicamente poc’anzi, mi sento stimolato dalla tua interrogazione sulla autostrada E/55 a scriverti le seguenti considerazioni:
    -Punto primo: credo valga la pena insistervi (a questo punto avendo necessariamente come interlocutore il nuovo governo), quindi è bene farlo – come fai tu – anche attraverso questa interrogazione alla nostra Giunta regionale (cofirmataria con le altre vicine dell’accordo di programma per la realizzazione del tragitto autostradale Mestre-Civitavecchia); ciò se non altro in funzione della sua riconosciuta strategicità, in quanto complementare alla A1, notoriamente e da tempo incasinata e insufficiente.
    -Punto secondo: riguardo al post di Paolo Marani, apparso ad immediato commento della tua iniziativa, mi appare niente affatto appropriato perché, come fa lui, mettere in contrapposizione una “decente” manutenzione dell’attuale E/45 con il progetto più completo della Mestre-Civitavecchia mi appare controproducente; ciò proprio ai fini di vedere realizzato in tempi accettabili il completo restyling della Orte/Ravenna (necessario come il pane), ma che ANAS da sola non credo proprio abbia i mezzi sufficienti per fare coi canoni di scorrevolezza e sicurezza che si impongono oggi ad una S.G.C. come comunque la E/45 è!
    -Perché quindi non approfittare di un progetto strategico come quello da (tanto) tempo in studio, e i cui costi sarebbero accollati prevalentemente alla finanza privata, per risistemare a dovere una tratta di quel percorso superstradale (da Orte a Ravenna) già in esercizio da decenni e già parecchio usurato dal tempo e dalla mole di traffico che quotidianamente sostiene? In un caso e nell’altro una decisione definitiva (a Governo fatto e sperabilmente a presto) credo si imponga, per chiarezza sul futuro delle zone, come la mia, da questa viabilità massimamente interessate.
    Cordiali saluti,
    Giona

  • Rispondo cordialmente all’assessore LLPP bagno di romagna.
    Ammiro la sua convinzione per la quale il rifacimento totale (perchè è di questo che si parla) di un asse viario, con allargamento di carreggiata e adeguamento di TUTTI i viadotti, sia più economico, più veloce, più efficace, di una sua semplice messa in sicurezza. Sarebbe come se anzichè pulire il bagno, si scegliesse di radere al suolo l’intero appartamento, per ricostruirlo su basi più moderne e facili da pulire.

    Inequivocabilmente, qualsiasi persona dotata di senso logico e attenzione al bene comune, qualificherebbe questa idea come SPRECO DI FONDI PUBBLICI.

    Se questa crisi è destinata a durare, e io sono convinto che lo sia, almeno una cosa deve suggerire, che è opportuno più che mai non cercare di combatterla con la stessa ricetta che l’ha causata, quella di inseguire la chimera di una crescita basata sulla infrastutturazione del territorio. Che serva una nuova infrastruttura, anzichè un semplice adeguamento dell’esistente, è cosa DA DIMOSTRARE. Pensiamo davvero a un incremento futuro delle merci trasportate su quella direttrice ? Certo che no!

    Che l’ANAS non abbia risorse sufficienti per l’adeguamento, e debba ricorrere al project financing privato per affrontare un opera che costerà se va bene QUATTRO VOLTE le risorse necessarie per un semplice ammodernamento (amentenendola come superstrata), è principio di per sè grottesco. Cosa servono i soldi pubblici se non proprio per affrontare questi tipi di interventi ??

    Non è la mole di traffico che spaventa, ma il fatto di essere stata progettata in maniera inadeguata. Oggi è necessario il rifacimento totale delle solette, l’asfaltatura non regge anche a causa della scarsa cura con cui è stato costruito il letto di fondo, ogni dilatazione termica comporta delle crepe. Già curarne le magagne avrà un costo enorme, potete solo immaginare rifarla completamente quanto potrebbe costare ??? E poi parliamo di debito pubblico ??

    Ragazzi, svegliatevi… l’ ha detto anche il CIPE… NON-CI-SONO-I-SOLDI-NEMMENO-SE-IN-PARTE-CE-LI-METTE-IL-PRIVATO

    Prima ve ne fate una ragione, e smettete di utilizzare questi ignobili aggettivi autoindotti (opera prioritaria, indispensabile, strategica…) meglio sarà per il bene comune e in definitiva per tutti.