A fianco dei Sindaci, contro il patto di stupidità

Il debito della Pubblica Amministrazione nei confronti delle imprese ammonta a 71 miliardi di euro. L’ANCI oggi a Roma per ottenere lo sblocco dei pagamenti.

sindaco in cateneLa protesta dei Sindaci, organizzata oggi a Roma dall’ANCI, è giusta e doverosa: il patto di stabilità, che il Sindaco di Firenze aveva giustamente ribattezzato “patto di stupidità”, sta infatti diventando un’insopportabile zavorra per gli Enti locali che, pur avendo i soldi in cassa, non possono usarli per pagare i fornitori e le imprese.

Nato nel 1999 per garantire il contenimento della spesa pubblica nell’ottica dei parametri di Maastricht, nel corso degli anni il patto di stabilità ha visto cambiare la sua applicazione, diventata sempre più restrittiva: il Governo ha infatti scaricato tutti i vincoli più odiosi e limitativi su Regioni, Comuni e Province, nonostante il 93% del debito pubblico sia prodotto dallo Stato centrale e solo il 7% dagli Enti locali.

Tra l’altro il Patto grava indistintamente su tutti i Comuni, quelli virtuosi con i bilanci in ordine, e quelli in dissesto finanziario, senza alcun criterio di merito, in nome del rigore ad ogni costo.

L’obiettivo della protesta di oggi, è ottenere un decreto che sblocchi subito i 9 miliardi di euro custoditi nelle casse dei Comuni italiani, da impegnare per spese in investimenti e opere, per far partire 20mila cantieri in tutta Italia.

Per fare un esempio, solo il Comune di Cesena, come ha spiegato nei giorni scorsi il Sindaco Lucchi, ha in cassa 40,5 milioni di euro e sarebbe in grado di liquidare gli impegni attualmente in essere, che ammontano a circa 21 milioni. Eppure non può farlo, a causa del tetto di spesa per investimenti imposto dal Patto. Per lo stesso motivo rischiano di restare al palo 12 milioni di lavori pronti da appaltare, già coperti da finanziamento.

Ecco perché nel dicembre 2010 la Regione Emilia-Romagna, prima in Italia, ha approvato una legge per dotarsi di un “patto di stabilità territoriale”, che ha reso possibile, negli ultimi due anni, lo sblocco di 300 milioni di euro nella nostra Regione (36 milioni dei quali in Provincia di Forlì-Cesena): un provvedimento che ha dato un po’ di fiato ai Comuni, consentendogli di pagare in parte i fornitori e le imprese che avevano svolto lavori pubblici (come opere di manutenzione stradale, di ristrutturazione o realizzazione di nuovi edifici pubblici, di cura dell’arredo e del verde urbano). L’arrivo dei pagamenti ha anche permesso alle imprese di avere a disposizione liquidità fresca, un fatto importante soprattutto in questo periodo di difficoltà di accesso al credito.

Ma, tutto questo, non basta.

È importante che il Governo allenti, da subito, il patto di stabilità, come pare sia intenzionato a fare. Come ha detto il Presidente dell’ANCI Graziano Delrio: “Non c’è bisogno di alcuna autorizzazione da Bruxelles, il Governo faccia un decreto che autorizzi i pagamenti alle imprese e non troverà di certo alcuna opposizione in Parlamento. A noi pare che l’austerità sia diventata mortale, chiediamo una sobrietà intelligente”.

È infatti oramai chiaro a tutti che il rigore dei conti, da solo, porta unicamente ad appesantire la recessione già in atto e alla paralisi della Pubblica Amministrazione.

Speriamo che l’iniziativa di oggi, a cui aderisco con convinzione, serva a raggiungere l’obiettivo: sbloccare i pagamenti alle imprese, far ripartire gli investimenti e i cantieri. Per dare respiro all’economia dei nostri territori e una speranza ai lavoratori e alle famiglie.

Damiano Zoffoli

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.