La sfida del cambiamento

In Emilia-Romagna il Pd ha perso quasi 300mila elettori, il Pdl ha dimezzato i suoi consensi e la Lega Nord si è quasi ridotta all’irrilevanza. A vantaggio del M5S.

“QUALI PROSPETTIVE PER IL FUTURO?”Un incontro molto partecipato quello di venerdì sera con il dott. Gianluca Passarelli, ricercatore dell’Istituto Cattaneo, organizzato dal Pd Cesenate per analizzare il voto delle politiche 2013 e riflettere sulle prospettive future.

Molti anche gli interventi dal pubblico, tutti all’insegna del bisogno e dell’urgenza di cambiamento, a partire dall’esperienza del Pd. Del resto i risultati delle elezioni non si prestano ad ambiguità.

Passarelli, con l’ausilio di grafici e dati (le slides utilizzate sono integralmente scaricabili a fondo pagina), ha proposto una riflessione sul titolo “Bipolarismo addio? Le famiglie politiche italiane negli ultimi 20 anni”, analizzando cioè i risultati elettorali sul lungo periodo e la contrazione della capacità delle due maggiori forze politiche di aggregare la maggioranza degli Italiani, da 3 punti di vista: 1. gli aggregati (cioè i grandi numeri); 2. la geografia elettorale (con un focus sulla “zona rossa”); 3. i flussi elettorali (cioè da dove vengono e dove sono andati i voti, anche se nel caso del Pd si tratta solo del secondo caso…).

Un primo elemento che emerge dall’analisi analisi è la voglia partecipazione: il 75,1% degli aventi diritto (pur in calo di 5,6% punti, rispetto alle scorse politiche) si è recato alle urne. L’astensionismo, quindi, non è il dato di queste elezioni, come si immaginava alla vigilia del voto; del resto, ha ricordato Passarelli, la voglia degli Italiani di essere protagonisti della vita del Paese era emersa chiaramente anche in occasione dei referendum sui beni comuni: il quorum era stato raggiunto anche se nessuno dei grandi partiti politici ci aveva creduto fin dall’inizio.

Tra i dati più interessanti, messi in evidenza dal ricercatore del Cattaneo, c’è quello della “nazionalità” del fenomeno Cinque Stelle: il movimento di Grillo risulta infatti essere la forza politica distribuita in modo più omogeneo su tutto il territorio nazionale. Un fatto che fa riflettere, se si considera che il M5S non ha sedi sul territorio e che la sua capacità di insediamento elettorale, fino a pochi mesi fa, appariva limitata solo ad alcune regioni del Nord.

Guardando la distribuzione, emerge che il Partito Democratico si attesta primo in 2799 città (pari al 34,9% dei Comuni italiani), tallonato a stretto giro dal M5S che ne conquista 2697 (pari al 33,6%, 1 su 3), mentre il Pdl si ferma a quota 2013 (pari al 25,1%). Il Pd è più capace di vincere nei grandi centri urbani (con oltre 75mila abitanti), dove del resto risiede il ceto impiegatizio (da sempre elettorato di riferimento per i democratici), mentre ha più difficoltà a sfondare nelle zone rurali.

Da segnalare che il M5S è primo in 7 Comuni su 30 in Provincia di Forlì-Cesena.

Venendo all’Emilia-Romagna, emerge che lo “tsunami” elettorale non ha risparmiato nemmeno la nostra Regione, dove il Partito democratico mantiene il primato con il 37% dei voti validi, ma arretra di quasi 9 punti percentuali rispetto alle politiche del 2008. In termini assoluti si tratta di quasi 300.000 elettori in meno rispetto a cinque anni fa. Tradotto: oltre un elettore su cinque, fra coloro che avevano scelto il Pd, ha cambiato preferenza, o non si è recato alle urne. È un arretramento ancora più pesante rispetto al dato nazionale (-7,8 punti percentuali), che conferma una tendenza di lungo periodo, lenta ma continua, verso una “normalizzazione” della regione rossa per eccellenza.

Male anche il Pdl che, per ogni cento elettori del 2008 ne perde ben 46, e la Lega Nord, quasi ridotta all’irrilevanza in Regione: il partito di Maroni scivola indietro al 2,6%, tornando sostanzialmente ai livelli del 2001.

Passarelli si è soffermato poco sul progetto del nuovo centro guidato da Mario Monti che, politicamente, pare fallito.

Gli arretramenti, quindi, sono vistosi per tutti i partiti tradizionali, che cedono elettori al Movimento di Grillo, segnando una svolta politica che rispecchia quella osservabile a livello nazionale. Il 24,6% che il M5S ottiene in Regione (che sale di un punto, portandosi al 25,7%, in Provincia di Forlì-Cesena) si discosta di poco dal dato nazionale (25,6%); dunque anche in Emilia-Romagna un elettore su quattro ha scelto un voto di rottura rispetto ai partiti tradizionali (i flussi elettorali hanno messo in evidenza che, ad esempio, a Bologna il 48% dei voti al M5S arrivano dal Pd).

Possiamo quindi affermare che la volatilità dell’elettorato è l’altra novità di queste elezioni. Fenomeno impensabile fino a qualche anno fa, quando il cosiddetto voto di appartenenza (“voto comunque a sinistra, indipendentemente da quali sono i candidati e i programmi”) la faceva da padrone.

Peccato che il Partito democratico non sia stato capace di intercettare questa grande fluidità (1 elettore su 2 ha cambiato voto, rispetto al 2008). Forse incide, come ha spiegato Passarelli, l’essere percepiti, in Emilia-Romagna, come forza politica di conservazione, che governa da anni.

Numeri e tendenze da non sottovalutare, evitando l’errore già fatto anni fa con la Lega, anche in vista delle prossime scadenze che interessano il territorio cesenate: le elezioni amministrative del 2014 e quelle di Sarsina, già tra qualche mese.

È possibile scaricare le SLIDES illustrate durante l’incontro cliccando qui.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.