Patto di stabilità territoriale: sbloccati altri 62 milioni di euro per gli Enti locali dell’Emilia-Romagna

Comuni e Province interessate ad accedere al riparto dovranno presentare domanda entro il 30 aprile.

pallottoliereOltre 62 milioni di potenzialità di spesa sbloccati grazie al lavoro della Regione Emilia-Romagna, di cui 47 milioni ai Comuni e 15 milioni alle Province.

La Giunta regionale ha approvato oggi i criteri con cui, grazie alla legge regionale in materia, si libereranno quote di potenzialità di spesa del patto di stabilità, mettendo gli Enti in condizione di usare le risorse che hanno in cassa per pagare fornitori e aziende che hanno già fatto opere sul territorio.

La distribuzione delle disponibilità tra i diversi Enti locali avverrà sulla base di necessità certe di bilancio e con un’attenzione particolare ai Comuni con meno di 5.000 abitanti, che per la prima volta devono rispettare le regole del patto di stabilità interno.

Entro il 30 aprile gli Enti interessati ad accedere al riparto potranno presentare le domande, mentre la Giunta regionale dovrà deliberare entro il 31 maggio.

“La nostra Regione – spiega il Consigliere regionale Damiano Zoffoli – fin dal 2010 si è mossa per cercare di alleviare i Comuni e le Province dai vincoli del patto di stupidità: grazie alla legge regionale appositamente approvata, solo nell’ultimo biennio, abbiamo sbloccato risorse pari a 300 milioni di euro. La delibera di oggi si inserisce pienamente in questo percorso, ma non basta. Speriamo che l’Esecutivo nazionale, come annunciato venerdì al termine della manifestazione dei Sindaci organizzata dall’Anci, sblocchi al più presto i 40 miliardi di euro promessi per i pagamenti alle imprese e, soprattutto, il prossimo Governo riveda il Patto di stabilità, eliminando dal saldo gli investimenti, come avviene nel resto d’Europa”.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.