Cinque proposte concrete per sostenere l’edilizia

Building CranesLe imprese edili si trovano in una situazione finanziaria sempre più critica, in ragione del calo della domanda, dei crediti difficilmente esigibili e della diminuzione significativa dell’offerta di credito.

Nella nostra Regione, prima della crisi, la filiera dell’abitare e delle costruzioni occupava circa 380mila addetti e rappresentava una quota significativa del prodotto interno lordo dell’Emilia-Romagna.

Questa filiera, da sempre trainante per lo sviluppo economico del paese, è oggi travolta da una crisi sistemica e strutturale, che colpisce sia le imprese maggiori (ripercuotendosi sulla catena dei fornitori e subfornitori), che buona parte del tessuto di piccole e medie imprese del territorio: solo nel settore costruzioni, nell’arco di 4 anni, sono andati perduti circa 30mila posti di lavoro.

Una crisi di cui ancora non si intravede la fine, che ha effetti dirompenti anche sul sistema economico e sociale.

È quindi strategico, pena la perdita di una solida base produttiva, un intervento che agisca sia sulla domanda, sia sui fattori di competitività e sulle caratteristiche di offerta, oltre che sugli ambiti più squisitamente finanziari.

Ecco perché il “Tavolo dell’edilizia e delle costruzioni”, insediato in Regione nel febbraio scorso, che riunisce tutte le forze sociali ed economiche del settore, ha inviato al Governo un documento per chiedere una serie di interventi in grado di fermare e invertire il declino.

Cinque proposte concrete per sostenere il comparto dell’edilizia: l’attivazione di strumenti finanziari (un fondo per la crescita delle imprese e la qualificazione del territorio e un fondo di partecipazione per le ristrutturazioni); la definizione di due progetti strategici (uno per la messa in sicurezza e la qualificazione dell’edilizia e della rigenerazione delle aree urbane, e uno per la qualificazione del territorio e del patrimonio pubblico) e, infine, il rafforzamento della filiera dell’abitare e delle costruzioni (attraverso, ad esempio, il superamento del massimo ribasso e ad una strategia di alleanze per favorire la partecipazione aggregata alle gare delle piccole e medie imprese e una maggiore attenzione ai programmi di ricerca, innovazione e internazionalizzazione).

“L’obiettivo di queste proposte – spiega il Consigliere regionale Damiano Zoffoli – non è semplicemente quello di rilanciare la domanda, ma darsi una strategia articolata di innovazione e qualificazione, sia della domanda che dell’offerta, assegnando la priorità degli investimenti alla sicurezza del territorio e degli edifici, al recupero e alla rigenerazione edilizia e urbanistica, alla riqualificazione energetica. Per rispondere alla crisi serve un nuovo modello di sviluppo, che passa anche dal rilancio e dalla riorganizzazione di questo settore”.

È possibile scaricare le PROPOSTE inviate al Governo cliccando qui.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:

2 comments to Cinque proposte concrete per sostenere l’edilizia

  • Finalmente, si è capito che il rilancio di un settore così sviluppato come quello edile passa attraverso politiche di ristrutturazione del costruito e tutela attiva del territorio. Spero che si diventi ora conseguenti, fermando le operazioni di mera speculazione edilizia sui nuovi insediamenti, camuffate da rilancio del settore.

  • giorgio

    Molto bene adottare iniziative per la ristrutturazione sismica, energetica, statica del costruito, attività peraltro che richiedono maggiori professionalità del costruire ex novo.
    Evitare l’incentivo di nuove costruzioni che, oltre all’intento speculativo, sottraggono risorse alle attività manufatturiere e dei servizi, oltre a sottrarre terreno alle attività agricole.
    L’elevatissimo numero di appartamenti inutilizzati e di capannoni industriali vuoti stanno a significare principalmente la vocazione degli investitori a sotterrare denaro in beni rifugio, mattone o cemento armato che sia, tale pratica dovrebbe essere ostacolata o quanto meno disincentivata con la tassazione IMU che dovrebbe essere adeguatamente ridotta per i fabbricati utilizzati a titolo abitativo e produttivo, tassati adeguatamente se tenuti inutilizzati.