Sulla sicurezza stradale si può fare di più

Bene gli interventi regionali, ma per ridurre incidenti, feriti e decessi serve uno sforzo maggiore.

Car crashLe azioni messe in campo dalla Regione per migliorare la sicurezza stradale sono state “strutturali, quindi efficaci”, ma i dati Istat dicono che negli ultimi tre anni “non ci sono stati significativi cali né nel numero degli incidenti, né nel numero dei feriti, né in quello dei morti”. È quanto rileva il Consigliere regionale Damiano Zoffoli, in una interrogazione alla Giunta.

Nel 2011, in Emilia-Romagna, si sono registrati 20.415 incidenti, con 400 morti e 27.989 feriti. Nel giro di 10 anni il miglioramento è stato evidente: i morti si sono dimezzati (nel 2001 furono 813), centrando l’obiettivo fissato. Ma l’Emilia-Romagna è ancora al primo posto per numero di morti da incidente stradale ogni 100mila abitanti, con oltre il doppio dei decessi rispetto alla media europea, secondo i dati Istat.

Inoltre, dato preoccupante, negli ultimi tre anni di rilevamento il calo nel numero dei morti su strada è rimasto pressoché stabile (422, 401, 400): “Le politiche del passato hanno funzionato in modo strutturale – commenta Zoffoli – ma è tempo di nuove azioni e di un nuovo slancio su questo fronte”.

Considerato che la Regione ha dato il via all’adozione del Piano regionale integrato dei trasporti, che “recepisce l’obiettivo europeo di dimezzare il numero delle vittime della strada entro il 2020”, Zoffoli interroga l’esecutivo regionale per sapere “quali sono i nuovi obiettivi in termini di moderazione del traffico veicolare nelle aree urbane, messa in sicurezza della mobilità pedonale e ciclabile, miglioramento dell’accesso al trasporto pubblico e dell’intermobilità, riduzione della velocità di percorrenza veicolare e riqualificazione degli spazi pubblici funzionali alla mobilità sicura e sostenibile”.

È possibile scaricare il testo dell’INTERROGAZIONE cliccando qui.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:

1 comment to Sulla sicurezza stradale si può fare di più

  • Salvatore

    Carissimo,
    questo è un ennesimo tuo intervento che vede la mia condivisione al 1000 per 1000.
    Come credo quella di tutte le persone responsabili.
    Morire o subire gravi menomazioni per incidenti stradali è da stupidi o da folli.
    Non sapevo che i dati erano così sfavorevoli (o negativi) nella nostra regione.
    Spero l’amm. regionale si impegni ancora di più e severamente per ridurre gli incidenti e, per quanto possibile, spero nel tuo continuo monitoraggio di questo punto.

    salvatore