Rottamazione, è il turno delle barche

2 milioni di euro per la rottamazione delle imbarcazioni per la pesca a strascico.

Lignano Sabbiadoro - Pesca Sotto CostaIl decreto del Ministero delle Politiche agricole e alimentari del 27 dicembre scorso (pubblicato il 28 marzo sulla Gazzetta Ufficiale) prevede la possibilità di rottamare e demolire le imbarcazioni per la pesca a strascico di lunghezza pari o inferiore a 15 metri e che abbiano più di 10 anni di servizio sulle spalle. I pescatori avranno dunque 60 giorni di tempo (a partire dal 29 marzo) per richiedere il premio d’arresto definitivo e per presentare domanda al Compartimento marittimo presso il quale è iscritta la propria imbarcazione da rottamare.

La Regione ha destinato 2 milioni di euro all’indennizzo dei pescatori che volontariamente demoliranno l’imbarcazione di proprietà – spiega l’Assessore regionale alla pesca Tiberio Rabboni – si tratta di risorse del Fondo europeo dedicate all’adeguamento della flotta da pesca comunitaria, che l’Emilia-Romagna ha espressamente finalizzato alle piccole imbarcazioni da strascico, mentre fino ad ora nella programmazione ministeriale si erano privilegiati i natanti di stazza superiore. In Emilia-Romagna prevediamo la demolizione di circa venti imbarcazioni”.

“Dopo l’introduzione delle limitazioni alla pesca – afferma Damiano Zoffoli – dovute alle nuove norme europee del settore, molti pescatori professionisti si sono trovati nell’impossibilità di proseguire il proprio lavoro sottocosta. Con questo provvedimento gli diamo la possibilità di riconvertire la loro attività e ripartire in totale sicurezza, con mezzi nuovi ed adeguati”.

I requisiti necessari per avere accesso alla misura sono l’iscrizione al Registro Comunitario e in uno dei Compartimenti marittimi della Regione, aver effettuato almeno 75 giorni di pesca in ciascuno dei due anni precedenti, possedere una imbarcazione di 10 o più anni ed essere in possesso del titolo abilitativo all’esercizio dell’attività di pesca in corso di validità.

La domanda di ammissione al premio di arresto definitivo deve essere presentata all’Ufficio marittimo di iscrizione della nave entro il 27 maggio 2013.

Al termine della fase istruttoria il Ministero redigerà una graduatoria. La Regione predisporrà il relativo decreto di concessione agli aventi diritto e l’Ufficio marittimo darà notifica al richiedente. La selezione delle richieste di arresto definitivo tiene conto di due parametri: l’età dell’imbarcazione (5 punti per ogni anno superiore a quello minimo richiesto) e la stazza espressa in GT (1 punto per ogni GT).

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:

4 comments to Rottamazione, è il turno delle barche

  • Mi sembra un provvedimento folle.
    Se esiste un reale e concreto problema di sfruttamento ittico, cosa facciamo, incentiviamo i pescatori a dotarsi di strumenti sempre più grandi, in maniera da aumentare l’efficienza nel loro lavoro per prosciugare il mare ? Gli incentivi alla rottamazione vanno dati SOLO se si rinuncia all’attivita nella pesca e si passa a fare altro.

    Con ottimismo, verso il disastro, così il picco del pesce sarà davvero irreversibile:
    http://petrolio.blogosfere.it/2012/11/risorse-il-picco-del-pesce-siamo-in-discesa-rapida.html

    Paolo Marani, M5S

    • Caro Paolo,
      ti ringrazio per l’osservazione che mi permette di intervenire per precisare meglio il contenuto del provvedimento.
      Il contributo viene assegnato alla rottamazione e demolizione dell’imbarcazione e, per ottenerlo, non è necessario comprare una nuova imbarcazione per la pesca a strascico.
      Anzi, lo scopo dichiarato del decreto, come specificato nel mio post, è proprio la riconversione dell’attività (anche a seguito delle difficoltà degli operatori, viste le nuove e più limitative norme europee sulla pesca) a fronte della demolizione della vecchia imbarcazione.
      Assieme all’imbarcazione, ovviamente, va riconsegnato anche il titolo abilitativo all’esercizio dell’attività di pesca dell’imbarcazione stessa.
      A questo link (http://www.damianozoffoli.com/wp-content/uploads/2013/04/decreto-rottamazione-barche-strascico.pdf) è possibile scaricare il decreto, per chi volesse approfondire ulteriormente l’argomento.
      Un caro saluto,
      Damiano Zoffoli

  • Grazie del chiarimento, ci tenevo però a sottolineare che il tuo articolo, ed altri che ho reperito in rete, parla esplicitamente di:
    >>> “Con questo provvedimento diamo la possibilità di riconvertire la loro attività e ripartire in totale sicurezza, con mezzi nuovi ed adeguati”.

    Ho inteso, se l’italiano mi è di aiuto, che si tratti di un contributo rottamazione per dotarsi di nuovi mezzi più grandi ed efficienti.

    però hai scritto anche
    >>> “La domanda di ammissione al premio di arresto definitivo deve essere presentata all’Ufficio marittimo…”
    Lasciando intendere che esiste anche un premio per l’arresto definitivo, ma senza citare se questa è l’unica opzione possibile.

    Cordiali saluti,
    Paolo Marani

  • […] Per questo post si ringrazia: rottamazione – Google Blog Search e vi invitiamo a continuare la lettura su: Rottamazione, è il turno delle barche di Damiano Zoffoli […]