Rifiuti, al via il percorso per l’approvazione del Piano regionale di gestione

plastica differenziataNo alla costruzione di nuovi impianti di smaltimento (dagli inceneritori alle discariche); riduzione del 25% della produzione a monte di rifiuti; 70% di raccolta differenziata e 60% di spazzatura riutilizzata, recuperando così le materie scartate per ottenere energia pulita puntando sulla “green economy” e garantire, oltre allo sviluppo di tecnologie a impatto zero, la creazione di nuove opportunità occupazionali.

Sono questi i principali obiettivi del Documento preliminare al nuovo Piano regionale dei rifiuti e che la Regione si prefigge di raggiungere da qui al 2020, illustrato oggi in Commissione dall’Assessore all’ambiente Sabrina Freda.

Il Documento, che è il primo passo per l’approvazione del Piano regionale di gestione dei rifiuti, sarà portato martedì prossimo in Aula (i Consiglieri si esprimeranno in merito con l’approvazione di un ordine del giorno) e verrà poi trasmesso alle Province, ai Comuni, alle Comunità montane e alle associazioni economiche e sociali per eventuali valutazioni e proposte, da esprimere entro sessanta giorni.

Solo allora la Giunta regionale, tenuto conto dei contributi raccolti, elaborerà una proposta di quello che è il Piano rifiuti vero e proprio, che verrà depositato per altri sessanta giorni per consentire la formulazione delle osservazioni.

Infine, nei successivi novanta giorni, spetterà all’Assemblea legislativa decidere sulle osservazioni ed approvare il Piano, entro il 12 dicembre 2013.

Un percorso lungo e articolato, che punta ad un ampio coinvolgimento dell’intera società regionale (cittadini, associazioni, istituzioni e categorie economiche), per dare la concreta possibilità a tutti i soggetti interessati di esprimersi nel merito del Piano e costruire assieme una società improntata al riutilizzo dei materiali, che finalmente veda il rifiuto come risorsa.

Qui di seguito è possibile scaricare tutta la DOCUMENTAZIONE:

Documento preliminare al Piano regionale di gestione dei rifiuti

Quadro conoscitivo

Rapporto ambientale preliminare

Analisi preliminare finalizzata allo studio di incidenza

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:

2 comments to Rifiuti, al via il percorso per l’approvazione del Piano regionale di gestione

  • giancarlo romanini

    “60% di spazzatura riutilizzata, recuperando così le materie scartate per ottenere energia pulita”?
    idee un po’ confuse sia sui contenuti dei documenti preliminari che sul riciclo

    • Gentile Giancarlo,

      penso di avere idee abbastanza chiare sia sul riciclo, che sui documenti preliminari al Piano di gestione dei rifiuti.

      Forse l’estrema sintesi del post (e l’uso del generico termine “spazzatura”) può aver generato una qualche confusione, quindi la ringrazio per questa sua annotazione, che mi consente di meglio precisare quelli che sono gli obiettivi del Piano in termini di prevenzione, recupero di materia, recupero energetico e smaltimento, proprio con questa gerarchia che, come saprà, l’Europa ci chiede.

      Prevenzione:
      – riduzione della produzione di rifiuti urbani pro capite e dei rifiuti speciali;
      – riduzione della pericolosità dei rifiuti speciali.
      Recupero di materia:
      – raggiungimento di almeno il 70% di raccolta differenziata al 2020;
      – incremento della qualità della raccolta differenziata che porti al riciclaggio di carta, metalli, plastica, legno, vetro e organico per almeno il 60% in termini di peso al 2020;
      – sviluppo delle filiere del recupero (green economy);
      – incremento del recupero della frazione organica per la produzione di compost di qualità.
      Recupero energetico e smaltimento:– minimizzazione dello smaltimento a partire dal conferimento in discarica;
      – autosufficienza per lo smaltimento nell’ambito regionale, mediante l’utilizzo ottimale degli impianti esistenti;
      – recupero energetico delle frazioni di rifiuto per le quali non è possibile alcun recupero di materia;
      – equa distribuzione territoriale dei carichi ambientali derivanti dalla gestione dei rifiuti.

      A disposizione per eventuali ulteriori approfondimenti.

      Un caro saluto,
      Damiano Zoffoli