Bici sui treni? Bisogna arrivare al 100 per cento dei regionali

Treno Roma-Pisa, vagone biciUn’aria più pulita passa anche per l’alleanza tra ferrovia e ciclisti, con la possibilità di salire e scendere in modo semplice e veloce dai treni con la propria bici. Un patto che fa bene anche al portafoglio.

Lo si sa da tempo e l’Assemblea regionale ha sempre spinto su questo tasto, mentre Trenitalia (a differenza di Fer) ha fatto spesso orecchie da mercante. O addirittura delle vere e proprie retromarce, dato che la quota di corse locali attrezzate per il trasporto bici è crollata dall’85 per cento del 2011 al 45 per cento del 2012.

Il dato è contenuto in un’interrogazione scritta presentata dai consiglieri regionali Damiano Zoffoli, Thomas Casadei e Giuseppe Paruolo all’assessore ai Trasporti Alfredo Peri. Nel documento i consiglieri Pd chiedono lumi sulle sorti del trasporto combinato treno-bici e un impegno ulteriore.

Dall’assessorato sono giunte notizie rassicuranti: “Il problema si è affrontato ponendo a Trenitalia il compito di attrezzare i materiali rotabili nella sua disponibilità per i servizi in Emilia-Romagna, con modifiche agli allestimenti interni. Per il 2014 la situazione sarà di assoluto incremento delle corse con servizio bici con avanzamenti che saranno percepibili anche nel corso dell’anno corrente”.

Qualche miglioramento subito, dunque, e un deciso passo avanti dal prossimo anno, con un orizzonte ambizioso per il futuro: “Quanto agli anni successivi, regolati con un contratto di capitolato in fase di definizione, la quota dei treni attrezzati sarà portata al 100 per cento – continua nella risposta all’interrogazione l’assessore regionale Peri – e le corse escluse dal servizio bici saranno solo quelle che per motivi di elevata affluenza nelle ore di punta renderanno inopportuna la presenza della bici al seguito: una bici occupa più spazio di un viaggiatore seduto”.

Per quanto riguarda le tariffe, sono bloccate da molti anni e fissate a 3,5 euro per 24 ore. Mentre l’abbonamento annuale, spiega l’assessore: “E’ stata un’iniziativa unilaterale di Trenitalia, in accordo con le associazioni ciclistiche, di cui al momento non è evidente la persistenza”.

“Ringraziamo l’Assessore Peri per la puntuale risposta – replicano i consiglieri regionali interpellanti – Trasporti e mobilità sono un elemento cruciale della pianificazione strategica regionale e le considerazioni di sostenibilità ambientale e sociale sollevate nella nostra interrogazione vanno nella direzione comunitaria e nazionale dell’utilizzo del mezzo pubblico rispetto a quello privato e del trasporto ferroviario rispetto a quello stradale. Auspichiamo però uno sforzo in più per quanto riguarda l’abbonamento annuale per i pendolari che trasportano bici, perché meritano un’adeguata attenzione da parte della Regione, magari inserendolo nel progetto di integrazione tariffaria MiMuovo”.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.