Contro il dissesto idrogeologico

Servono subito più investimenti nella manutenzione ordinaria del territorio e una strategia nazionale complessiva.

Frana #1Manutenzione, recupero e presidio del territorio quali strumenti necessari di prevenzione del dissesto idrogeologico e strategie nazionali integrate per garantire le risorse necessarie a tutelare, proteggere e conservare il territorio italiano, a partire dalla ordinaria manutenzione.

Sono queste le principali richieste contenute nella risoluzione approvata ieri a maggioranza dall’Assemblea legislativa regionale, dopo un ampio dibattito, concluso dal presidente della Giunta Vasco Errani, sulle conseguenze del maltempo di queste settimane (frane, strade chiuse, frazioni evacuate) e sull’assetto idrogeologico regionale.

Dopo una prima stima di 63 milioni di euro, solo per far fronte ai primi danni causati dall’eccezionale ondata di piogge che da mesi imperversa sulla regione, unita agli effetti del disgelo, per cui è già stato chiesto al Governo il riconoscimento dello stato di emergenza, “risulta evidente – si legge nel documento – il bisogno di interventi e risorse per la manutenzione ordinaria e continuativa del territorio”.

L’Emilia-Romagna ha stanziato 183 milioni di euro per il triennio 2011-2013 per scongiurare il dissesto idrogeologico, “ma tali risorse – lamentano i Consiglieri firmatari della risoluzione – si stanno mostrando insufficienti perché prive di un contesto nazionale capace di offrire risorse adeguate e costanti ed una programmazione integrata di più ampio respiro”.

La risoluzione è anche l’occasione per “esprimere il proprio ringraziamento alle istituzioni, alle forze dell’ordine, alle forze di volontariato, ai servizi tecnici e a tutti coloro che si sono prodigati e tutt’ora sono impegnati nella gestione dell’emergenza”.

“La situazione di dissesto idrogeologico che ha colpito l’Appennino emiliano-romagnolo – spiega il Consigliere regionale Damiano Zoffoli – ha raggiunto livelli di gravità senza precedenti. Ogni giorno si aggiungono alla lista nuove frane e smottamenti che intaccano il territorio e procurano gravi danni alle infrastrutture, in particolar modo alla rete viaria, e in alcuni casi minacciano e coinvolgono anche le abitazioni. Tutto ciò sta generando grandi preoccupazioni e disagi tra gli abitanti delle nostre montagne e colline: in alcune zone i Paesi stanno letteralmente crollando e i Comuni non hanno più le risorse necessarie per garantire ai cittadini sicurezza e risarcimento dei danni. Le abbondanti precipitazioni che hanno caratterizzato l’inverno, ancor oggi persistenti, sono solo una delle cause: occorre riflettere sull’azione positiva della manutenzione ordinaria che previene il dissesto e che, da tempo, non viene più fatta. La Regione Emilia-Romagna è impegnata ad arginare gli effetti dei tagli centrali attraverso risorse proprie ed europee, e ha tentato di evitare lo spopolamento di queste zone attraverso il Piano di sviluppo rurale ma, in assenza di una visione strategica complessiva a livello nazionale, è difficile intervenire in maniera puntuale per la messa in sicurezza del territorio. Quello che chiediamo al Governo è una programmazione di lungo respiro, non solo un tamponamento dei danni”.

È possibile scaricare il REPORT DISSESTI IDROGEOLOGICI E IDRAULICI cliccando qui.

RER__quadro dissesto idrogeologico

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:

2 comments to Contro il dissesto idrogeologico

  • luigi

    Oltre alla programmazione di lungo respiro, ai grandi progetti, alle grandi cose, penso sia fondamentale riscoprire le cose semplici che hanno in passato permesso di evitare calamità come quelle degli ultimi decenni e precisamente: pulire i fossi e i fiumi, tagliare la vegetazione, fare i fossi dove servono, fare le briglie dove servono, fare dove serve… cioè tutti quei piccoli, puntuali, ordinari interventi che i pochissimi abitanti rimasti nelle campagne della ns. montagna farebbero se non dovessero rispettare Leggi e Regolamenti vari che ne impediscono l’esecuzione; alcuni dei lavori sopra esposti potrebbero essere eseguiti dai cassaintegrati oppure dai carcerati senza nessuna spesa aggiuntiva per lo stato.
    Con il passare del tempo, la situazione peggiorerà in maniera esponenziale perchè l’uomo abbandona continuamente le zone montane per mancanza di servizi (scuole, ospedali, strade, ecc) e di lavoro; senza l’uomo l’ambiente abbandonato a se stesso provoca catastrofi di dimensioni sempre maggiori e gli amministratori sono attenti solo nei giorni dei disastri.

    • Caro Luigi,
      hai perfettamente ragione.
      La manutenzione quotidiana, che in maggior parte viene e può venir fatta in maniera volontaria, è di grande aiuto per la salvaguardia delle nostre colline e montagne, oltre a costituire un risparmio per i Comuni costretti, in questi tempi, a fare i conti con la difficoltà di chiudere i bilanci.
      Anche per questo, nel 2011, la Regione Emilia-Romagna ha approvato una delibera che rende possibile, ai privati cittadini (anche non frontisti), il taglio selettivo di arbusti e legna lungo i corsi d’acqua, senza dove versare alcun canone, previa autorizzazione.
      È un piccolo provvedimento, ma che va proprio nella direzione da te auspicata.
      Trovi maggiori dettagli a questo link: http://www.damianozoffoli.com/2011/04/07/tagliare-arbusti-lungo-fiumi-senza-canone/.
      Un caro saluto e a presto,
      Damiano Zoffoli