Animali avvelenati, rivalutare le linee guida regionali

The Dog That Lived, 2 of 3 “L’uccisione di animali mediante l’utilizzo di esche o bocconi avvelenati è una pratica crudele diffusa sul territorio; il fenomeno rappresenta, inoltre, un serio rischio non solo per la fauna selvatica e domestica, ma anche per la popolazione umana, in particolare per i bambini”.

Muove da queste affermazioni l’interrogazione presentata dal Consigliere regionale Damiano Zoffoli, del gruppo Partito democratico, che richiama la delibera 520/2007 con la quale è stata istituita la commissione regionale per la lotta agli avvelenamenti.

Il Consigliere Zoffoli ricorda che nel 2009 la Regione ha approvato linee guida per la lotta agli avvelenamenti da animali e che i risultati ottenuti nei primi anni di applicazione di queste linee guida evidenziano “una grande attenzione e una partecipazione attiva della popolazione al contrasto del fenomeno”.

Le linee guida prevedevano la divulgazione dei risultati ottenuti attraverso periodici comunicati stampa o interviste, e una valutazione sulla loro efficacia dopo i primi tre anni di applicazione.

Perciò Zoffoli chiede alla Giunta regionale i dati più aggiornati sul fenomeno e quale sia l’intenzione in merito al “riesame della proposta”, come previsto dopo i primi anni di applicazione delle linee guida.

È possibile scaricare il testo dell’INTERROGAZIONE cliccando qui.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:

3 comments to Animali avvelenati, rivalutare le linee guida regionali

  • Fringui

    Bravo Damiano! A quando una proposta di legge contro la caccia? 😉

  • Giancarlo

    ESCHE AVVELENATE PER ANIMALI.
    COME CONTRASTARE IL FENOMENO.

    Avvelenare animali è un gesto crudele senza dubbio.
    Come contrastarlo ?
    1) Capire o scoprire il movente che spinge a tale azione.
    2) Dare risposta soddisfacente al movente per annullarlo per quanto possibile
    3) Azione di repressione dell’atto crudele.

    E’ necessario un’azione di propaganda volta all’educazione di quelle persone che non fanno differenza fra l’essere uomo e l’essere animale-.
    La televisione è un potente mezzo a questo fine. Lo sa molto bene Berlusconi. Con la TV si ottengono risultati,i più straordinari , sia in bene che in male.
    Non è forse vero che la protezione degli animali, tanto propagandata, non risponde alla necessità di far nascere uno “ stato” di equilibrio fra l’essere uomo e l’essere animale ma ad un progetto volto al consumo di alimenti per animali e relativo cospicuo giro di affari ?
    E mai possibile che di fronte all’assalto di un grosso cane verso un altro cagnolino tenuto in braccio da una signora con la conseguente caduta della signora, non si capisca che l’animale va bastonato di santa ragione e non semplicemente sgridato come se si trattasse di una essere umano?
    E’ mai possibile che si spendano milioni ( ?!) per mantenere il canile comunale quando langue, per esempio, il servizio agli anziani non autosufficienti ? oppure vengono semi trascurati altri interventi volti al miglioramento della società civile ?
    Potrei continuare con altro.
    Perché allora meravigliarsi se alcuni i cittadini reagiscono in un modo che è certamente incivile ?
    Perché meravigliarsi se alcuni cittadini reagiscono così malamente di fronte alla prepotenza, e mancanza di rispetto delle sensibilità e degli altrui diritti di tranquillità, silenzio e di igiene da parte di coloro che si definiscono amici degli animali ?

    Io, per non essere frainteso, vi assicuro e dichiaro di essere un amante della natura i tutte le sue manifestazioni. Rimango sempre meravigliato difronte al mistero che presiede i fenomeni del mondo animale e del mondo vegetale sia macro che microscopico. Un senso di rispetto mi prende; tuttavia non esito a uccidere o a tagliare o distruggere se è strettamente necessario o indispensabile.
    Questo “equilibrio” a mio parere è inversamente proporzionale alla intensità del fenomeno degli avvelenamenti. Dunque , a mio parere, l’educazione e la repressione debbono procedere di pari passo e con la medesima intensità.
    Una domanda: la “commissione” ha dei costi supplementari ? Se è così è meglio lasciar perdere. Meglio dedicarsi a risolvere il problema dei futuri poveri pensionati.

  • Fringui

    @Giancarlo

    Complimenti per le tante sciocchezze che è riuscito a infilare in così poco spazio. Se i Comuni (e non tutti putroppo lo fanno, vedi quelli del Sud Italia) non spendessero milioni per mantenere i canili (a Cesena sono poco più di 200mila euro all’anno), i cani vagherebbero randagi sul territorio creando pericoli per gli esseri umani (vedi episodi di attacchi di randagi semmpre nel Sud Italia … ne ha mai sentito parlare?).
    Putroppo questa contrapposizione tra lo spendere soldi per le persone e gli animali è frutto dell’ignoranza: il nostro benessere è dipenso anche dall’ambiente che ci circonda, dove gli animali – volenti o nolenti – ne sono parte integrante.