Urgente rifinanziare gli ammortizzatori in deroga

Approvata una risoluzione che chiede al Governo di stanziare ulteriori risorse, indispensabili per sostenere i lavoratori emiliano-romagnoli.

wag2009-8giu-mat-036È necessario che il Governo stanzi tempestivamente le risorse necessarie a garantire la copertura degli ammortizzatori sociali in deroga per tutto il 2013, onde evitare di lasciare i lavoratori meno tutelati senza reddito. A lanciare l’allarme i Consiglieri regionali Partito Democratico, con una risoluzione approvata all’unanimità, martedì in Aula.

“In questi anni, – commenta il Consigliere regionale Damiano Zoffoli – la cassa in deroga ha rappresentato uno straordinario strumento per sostenere il reddito dei lavoratori meno tutelati (con contratti atipici o appartenenti a piccole realtà imprenditoriali). Si tratta, quasi sempre, delle categorie più esposte agli effetti della lunghissima crisi che stiamo vivendo, e che spesso hanno in questo sussidio l’unica fonte di entrata certa, in un quadro di disagio economico prolungato che ormai ha assunto i contorni di una vera emergenza sociale”.

Nell’arco di 5 anni la cassa integrazione in deroga è passata dai 773 milioni di euro del 2009 ai 1.500 milioni del 2010, fino ai 1.600 milioni di euro del 2011; mentre nel 2012 si presuppone di raggiungere una spesa complessiva superiore ai 2.400 milioni di euro. Inoltre, dall’inizio del 2013, sono già stati messi in cassa integrazione 500mila lavoratori, con un aumento del 40-60% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno.

“Conseguenza immediata di questa situazione – spiega Zoffoli – è l’insufficienza dei fondi stanziati per coprire il 2013, tanto che la nostra Regione (così come Lazio, Lombardia, Marche, Piemonte e Veneto) ha già esaurito le risorse destinate a questo scopo”.

Le risorse assegnate all’Emilia-Romagna con l’ultimo accordo sugli ammortizzatori in deroga del novembre scorso, pari a 37 milioni di euro, hanno infatti permesso di coprire le domande pervenute a gennaio 2013 ed il successivo stanziamento di 18 milioni di euro consentirà la copertura di quelle arrivate nel mese di febbraio.

“Ad oggi sono state inoltrate oltre 7mila domande da aziende dell’Emilia-Romagna, che riguardano 60mila lavoratori, con una previsione di spesa di circa 243 milioni di euro. Se il Governo non provvederà al reperimento di ulteriori risorse, così come richiesto dalla Conferenza delle Regioni, si rischia di non riuscire a tutelare i lavoratori più esposti agli effetti di questa prolungata crisi. Lavoratori e imprese non possono essere lasciati soli!” conclude Zoffoli.

È possibile scaricare il testo della RISOLUZIONE cliccando qui.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.