Fusioni di Comuni, un nuovo sito dedicato ai cittadini

Promosso dall’Assemblea legislativa, contiene tutto quello che c’è da sapere in materia.

RER__fusione di ComuniDa qualche giorno è online una nuova sezione del portale dell’Assemblea legislativa dedicata ai temi della fusione dei Comuni e del riordino territoriale.

Un vero e proprio vademecum, dove amministratori e cittadini potranno trovare tutte le informazioni su come attivare i procedimenti di fusione, sull’utilizzo degli strumenti di partecipazione e sugli incentivi legati a questo tipo di scelta reperibile. Per consultarlo basta andare all’indirizzo www.assemblea.emr.it/fusione-di-comuni.

Dal 1° gennaio 2014, partirà infatti l’attuazione della riforma che prevede, anche in Emilia-Romagna, la gestione in forma associata di importanti funzioni e servizi: dal sociale alla polizia municipale, dalla pianificazione territoriale alla protezione civile. Ciò potrà avvenire tramite le Unioni di Comuni o con convenzioni o associazioni intercomunali.

Un’ulteriore scelta può essere quella della fusione, strada che alcuni Comuni hanno già intrapreso (i cinque della Valsamoggia, in provincia di Bologna) e che altri si accingono a prendere.

Imminente potrebbe essere quella tra i Comuni Savignano sul Rubicone e San Mauro Pascoli, in provincia di Forlì-Cesena, dove si attende l’esito del referendum, già convocato per il 9 giugno. “Una fusione – spiega il Consigliere regionale Damiano Zoffoli – che auspico fortemente e che permetterà di razionalizzare le spese, ridurre i costi degli organismi rappresentativi e che garantirà, per diversi anni, finanziamenti da parte dello Stato e della Regione al nuovo Comune unico”.

La Carta costituzionale demanda alla Regione la titolarità dell’iniziativa, “sentite le popolazioni interessate”; si è quindi reso obbligatorio il referendum consultivo, che consente la partecipazione democratica di tutti i cittadini alla decisione.

“La possibilità di accorpare, sopprimendoli, più Comuni esistenti, istituendone uno unico è un’opportunità importante, su cui è bene che i cittadini possano reperire facilmente informazioni e risposta ad eventuali quesiti. Questo nuovo strumento – conclude Zoffoli – testimonia l’impegno che stiamo mettendo per favorire l’informazione istituzionale e la partecipazione, affinché le scelte dei cittadini siano il più possibile consapevoli”.

È possibile consultare il SITO INTERNET cliccando qui.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.