Quel Pd è morto. Viva il Pd!

Senza titoloMeno 3,5 milioni di voti in Italia.

Meno 300mila voti in Emilia-Romagna: più di un elettore su cinque, fra coloro che avevano scelto il Pd alle elezioni politiche del 2008, non è andato a votare o ha scelto diversamente.

È mancato il voto dei giovani, dei disoccupati, delle partite iva e dei ceti produttivi.

Grande mobilità dell’elettorato italiano: 1 elettore ogni 2, rispetto alle precedenti elezioni, ha cambiato preferenza, superando il voto di appartenenza. Purtroppo il Partito democratico non è stato capace di intercettare questa grande novità, chiuso nella sua vecchia missione di “organizzare il campo dei progressisti”.

Allo stesso tempo il Movimento 5 Stelle, l’unico vincitore politico delle elezioni, ha dimostrato di essere una forza politica nazionale (quella distribuita in modo più omogeneo su tutto il territorio della penisola) ed interclassista. In Emilia-Romagna raggiunge il 24,6%: un elettore su quattro, anche nella nostra Regione, ha cioè scelto un voto di rottura rispetto ai partiti tradizionali; è il movimento di Grillo è primo in 51 Comuni su 348 (pari al 15%).

Nel comprensorio Cesenate, la nostra federazione, il Pd ottiene il 34,5% dei consensi e il M5S arriva quasi al 28% (oltre ad essere primo in 6 Comuni su 15).

Ecco, io penso che se vogliamo fare una riflessione seria, sul difficile momento che stiamo vivendo (dal flop dell’elezione del Presidente della Repubblica, fino al Governissimo), non possiamo che ripartire da qui, dai dati delle elezioni del febbraio scorso.

E il Partito democratico quelle elezioni non le ha vinte, ottenendo il 25,3% dei voti: il peggior risultato della lunga storia della seconda repubblica, fin dall’alleanza dell’Ulivo.

Il Segretario Bersani ha sì vinto le primarie, ma la sua linea politica è stata duramente sconfitta alle urne.

In questa situazione, il Partito democratico del dopo elezioni ha, di fatto, inseguito Beppe Grillo, invece che sfidarlo sul terreno della proposta politica.

Un film già visto, ripetendo una serie di errori già fatti a suo tempo con la Lega Nord.

Prima c’è stata distrazione: non si è visto, o non si è voluto vedere, il fenomeno (che pure aveva iniziato a manifestarsi proprio in Emilia-Romagna, alle comunali di Bologna e alle regionali del 2010); poi c’è stata irrisione del Movimento; infine è stato fatto un tentativo di accordo vecchia maniera (“questi sono dei nostri”, si illudevano), naturalmente andato a vuoto.

Dopo aver sottovalutato, per anni, quelle che erano le richieste che arrivavano dalla gente, che chiedeva discontinuità e gesti di buon senso e buon esempio, si è pensato di risolvere la situazione in una settimana, con gli 8 punti e il governo del cambiamento di minoranza.

Risultato: l’umiliante chiacchierata in streaming tra Bersani e la coppia Lombardi/Crimi e l’infelice auspicio che la Lega uscisse dall’Aula del Senato (a seguito di un accordo non detto con il Pdl) al momento buono, per far passare il Governo.

Ma all’antipolitica si risponde con dei fatti concreti, portando a termine quelle riforme di cui da anni si parla, senza mai riuscire a concretizzarle, e su cui Grillo ha costruito la sua fortuna.

Realizzando tutti quei provvedimenti (riforma della legge elettorale, eliminazione del bicameralismo perfetto, dimezzamento dei parlamentari, riduzione dei costi della politica) assolutamente necessari per restituire dignità e credibilità alla politica.

Un esempio per tutti: l’abolizione del finanziamento pubblico ai partiti, che qualcuno aveva già suggerito durante le primarie, non doveva essere una proposta da portare avanti per raccogliere il voto di qualche parlamentare grillino, ma per recuperare un rapporto con il Paese e riappacificarsi con gli italiani.

Ora, con il Governo Letta in campo, non dobbiamo commettere l’ultimo errore (anche questo già fatto a suo tempo per rincorrere la Lega): approvare delle riforme pasticciate, a metà, come è stato con il federalismo, che alla fine ha duplicato i costi e moltiplicato i livelli di responsabilità, aumentando i contenziosi tra Stato, Regioni e Autonomie locali.

A mio avviso, prendendo atto dell’immobilismo della politica e dei partiti, è stato per l’ennesima volta il Presidente Napolitano, cui va un sincero grazie per la generosità con cui si è nuovamente reso disponibile a servire le Istituzioni, a salvare l’Italia.

E, allo stesso tempo, a dare al Pd un’ulteriore possibilità, forse l’ultima, per rigenerarsi.

Il Partito democratico era nato ad ottobre 2007, mentre si manifestavano i primi sintomi della crisi economica, proprio per dare risposte nuove a sfide nuove, e per cambiare l’Italia.

Invece è nel pieno, esso stesso, di una profonda crisi, manifestatasi apertamente nei giorni scorsi con il voto dei 101 che nel segreto, hanno impallinato il fondatore dell’Ulivo, Romano Prodi.

Quando in una famiglia si uccide il padre, non ci possono più essere serenità e futuro. Quel Pd è morto. Anzi per qualcuno, addirittura, non era mai nato, come quello stesso voto ha reso evidente.

Mentre, nei prossimi mesi, il Governo guidato da Enrico Letta (il migliore possibile, nelle condizioni date) dovrà fare con urgenza alcuni provvedimenti non più rimandabili (rifinanziare gli ammortizzatori sociali in deroga; trovare una risposta per la salvaguardia degli esodati; revisionare il patto di stabilità degli enti locali; sbloccare i pagamenti alle imprese che vantano un credito, nei confronti dello Stato, di oltre 90 miliardi di euro; rinviare, modificandola, l’entrata in vigore della Tares, evitando così ulteriori costi per famiglie e imprese; evitare il già programmato aumento dell’IVA di un ulteriore 1%; solo per citarne alcuni), spetta a noi tentare di ricostruire il Partito democratico.

Davanti abbiamo due strade: quella europea, tradizionale, della socialdemocrazia alla tedesca/francese o quella americana, il Partito democratico di Obama.

Credo che stavolta il dibattito vada fatto senza infingimenti, con grande chiarezza.

Fino ad ora l’antiberlusconismo è stato l’unico vero collante della nostra azione politica perché abbiamo sempre evitato di fare, fino in fondo, sintesi dei contenuti.

Non dobbiamo avere paura di un confronto sano, aperto, vero.

Il bene della ditta (o meglio della nostra comunità, come a me piace chiamarla) si fa rivoltando la ditta, come un calzino.

D’altronde non si risponde alla paura, che è il sentimento prevalente nelle nostre case, con la rassicurazione. Alla paura si risponde col coraggio.

E nel coraggio ci sta anche la dimensione del rischio che nei nostri territori, dove siamo abituati a governare da lungo tempo, abbiamo spesso smarrito.

L’atteggiamento prevalente è quello di resistere alla domanda di cambiamento, privilegiando il sicuro rispetto all’insicuro, il certo rispetto all’incerto, senza mai mettere in discussione presunti diritti acquisiti, incapaci così di dare risposte ai nostri giovani, cui sono state sottratte la speranza ed il futuro.

Anche in campagna elettorale, nei pochi momenti in cui non era impegnato a smacchiare giaguaro, il Partito democratico ha offerto rassicurazione (il famoso “usato sicuro”) ad un elettorato che chiedeva, prima di tutto, un’altra cosa: un rinnovamento radicale della politica.

Per vincere questa sfida dobbiamo anche riaprire un tema che, dentro al Pd, è sempre stato vissuto con grande difficoltà: il tema della leadership.

Non abbiamo bisogno (e non li vogliamo!) di capi, ma a questo partito servono guide autorevoli, che dicano chiaramente come la pensano e provino ad aggregare consenso sulla base di idee capaci di mobilitare energie e passioni.

L’invocazione di Bersani sulla mancanza di un principio d’ordine (“impossibile governare un partito così fatto”) non si risolve solo con i regolamenti e i richiami alla disciplina, pure necessari.

La si risolve con l’autorevolezza e con la leadership, cui non si può e non si deve rinunciare, se vogliamo che la politica torni ad essere capace di costruire speranza, evitando che esplodano la rabbia e la protesta (come è successo, brutalmente, negli spari di domenica mattina).

È la “politica come speranza per le cose possibili”, come ci aveva insegnato Zaccagnini.

Quella che stiamo vivendo è l’ultima pagina di un vecchio libro. Noi oggi dobbiamo scrivere la prima pagina del libro nuovo.

Del resto è quello che, pur in un momento molto difficile per il nostro Partito (e, nel caso del Friuli, malgrado il pessimo spettacolo dato dal Pd a Roma, proprio in quelle ore), hanno fatto Nicola Zingaretti e Debora Serracchiani.

La loro vittoria è la dimostrazione che, se rappresentato da qualcuno di autorevole e credibile, dopotutto, il PD non è perduto.

Il cammino è complicato, ma vale la pena riprovarci, a partire dai territori. Non ci sono alternative!

L’imminente congresso dirà chi ci sta a fare sul serio, evitando sia nostalgici ritorni ad passato che non ritorna, sia un approccio da sinistra salottiera e borghese, da sempre minoritaria nel nostro Paese.

La nostra Regione è sempre stata all’avanguardia nei processi politici: qui è nato l’Ulivo. Ora, col fallimento della proposta di Bersani, è nel cuore della crisi. A noi è richiesto un di più di responsabilità, coraggio, speranza e lungimiranza, per evitare che “tutto cambi affinché nulla abbia a cambiare”.

Damiano Zoffoli

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:

7 comments to Quel Pd è morto. Viva il Pd!

  • Roberto Rosolani

    Condivido ogni passaggio. Grazie Damiano

  • Fabrizio Ricci

    Eh sì, occorre ri – fondare il PD.

  • Teresa Marzocchi

    Sì, se c’è una speranza è questa, in ogni caso rifondare.

  • milco montalti

    Non condivido quasi nulla di ciò che hai scritto, anzi sembri tipo: tiro la zanzariera a fine gennaio!
    Ma io mangio un casino di pesce azzurro che possiede un casino di fosforo… molto utile per la memoria!
    Tu hai mandato tonnellate di mail prima durante e dopo la campagna elettorale… possibile che in nessuna di queste mail ci fossero riferimenti a quello che scrivi oggi?
    Capriola, e adesso fai il critico?
    Ma per favore!
    Anzi, sei proprio l’esempio del politico da salotto… e togliti quella scarpa col buco che fai ridere…
    E cancellami dalla lista mail!

    • Caro Milco,

      è più che legittimo scrivere che non condividi quasi nulla di quello che ho scritto.
      Questo certamente mi dispiace ma, anche solo per il mio carattere, non ho mai pensato che tutti la debbano pensare come me.

      Ma affermare che nelle mie precedenti email mai ci fossero riferimenti a quello che scrivo oggi, questo no, non è vero.
      E, passami il termine, non lo accetto.
      Del resto, è sufficiente scorrere all’indietro i post del mio sito (richiamati settimanalmente nella newsletter), per verificarlo.

      Partendo un po’ da lontano e ne richiamo qui alcuni, riportando in virgolettato alcuni passaggi (anche se non mi piace citarmi, lo faccio per mettere in luce la coerenza di un pensiero).

      Già alle primarie del 2009, quando decisi di sostenere Dario Franceschini, intervenni nel dibattito in corso cercando di spiegare che, a mio avviso, “al Pd serviva più coraggio: dovevamo cambiare in profondità, battendoci anche all’interno del centrosinistra italiano perché le giuste riforme venissero fatte, invece di bloccarle, per non rinunciare all’idea di un PD riformista, nuovo, plurale, aperto, inclusivo, moderno, post-ideologico, di centrosinistra. Un partito che, anche di fronte alle difficoltà dell’oggi, rinuncia alla tentazione di tornare ad un più tranquillizzante passato, quando tutto era apparentemente più chiaro e noi eravamo noi e basta” (La riflessione completa la trovi qui: “Al Pd serve più coraggio. Le ragioni di una scelta” – http://www.damianozoffoli.com/2009/08/26/al-pd-serve-piu-coraggio-le-ragioni-di-una-scelta/).

      Come immagino saprai, nei mesi scorsi ho sostenuto con convinzione la proposta politica di Matteo Renzi. Dopo il ballottaggio del 2 dicembre, e la sconfitta di Renzi, sono intervenuto dicendo che “il consenso raccolto da Renzi offre a Bersani la straordinaria opportunità di cambiare e innovare, non soltanto la classe dirigente, ma anche il metodo con cui affrontare, e provare a risolvere, i problemi inediti che questo tempo di crisi ci consegna. Prendendo di petto le questioni, e decidendo di riformare i meccanismi esecutivi dello Stato. La buona politica è questo. Molto probabilmente la sinistra potrebbe vincere le elezioni, semplicemente restando ferma, grazie al fallimento di una destra che ha illuso con le promesse di un facile cambiamento, senza mai realizzarlo. Ma non basta vincere! Per convincere e governare il Paese, bisogna cambiare davvero! Il percorso è cominciato, e soprattutto, è obbligatorio” (“Non basta vincere, Adesso! bisogna cambiare” – http://www.damianozoffoli.com/2012/12/06/non-basta-vincere-adesso-bisogna-cambiare/).

      Aldilà delle mie preferenze, le primarie le aveva vinte Bersani e ritengo che, in campagna elettorale, sia corretto mettere da parte le battaglie (senza rinunciare alle idee) e le contrapposizioni, per fare squadra insieme, su un obiettivo comune: vincere le elezioni. Ed è quello che ho fatto.
      Non penso fosse opportuno, ad esempio, esternare pubblicamente le mie perplessità su come è stata gestita la campagna elettorale (abbiamo proposto l’“usato sicuro” ad un elettorato che, invece, chiedeva prima di tutto un radicale cambiamento).

      All’indomani delle elezioni, quando è stata aperta la riflessione sul Pd, su quello che non andava e su quello che avremmo dovuto fare, per ripartire, ho detto senza esitazioni come la pensavo. Perché è vero, Bersani aveva vinto le Primarie, ma la sua linea politica è purtroppo stata duramente sconfitta alle urne: “dopo le elezioni qualcuno ha pensato che, per cavarsela, bastasse semplicemente offrire a Grillo la presidenza del Senato. È sbagliato e dannoso inseguire Beppe Grillo sul suo terreno, quello delle dichiarazioni ad effetto. Grillo non va né rincorso goffamente, né corteggiato: va sfidato. Ora che politicamente abbiamo perso e siamo per giunta chiamati, per responsabilità, a concorrere alla governabilità, è sempre più chiaro che occorre capovolgere la triade: la priorità assoluta sta nel cambiamento, a partire da noi stessi. O il Pd cambia, o non possiamo vincere e governare l’Italia” (“Cambiare. Per vincere e governare” – http://www.damianozoffoli.com/2013/03/06/cambiare-per-vincere-e-governare/).

      È anche per questo che, all’indomani delle elezioni, come Pd del territorio Cesenate abbiamo organizzato un incontro pubblico per riflettere sul risultato elettorale, confrontarci sulle ragioni della sconfitta e ragionare insieme su “quale futuro possibile”. Iniziativa alla quale ho personalmente invitato il dott. Passarelli, ricercatore dell’Istituto Cattaneo. Qui (“La sfida del cambiamento” – http://www.damianozoffoli.com/2013/03/25/la-sfida-del-cambiamento/) trovi un post di report sull’incontro, che concludevo dicendo: “Peccato che il Partito democratico non sia stato capace di intercettare questa grande fluidità (1 elettore su 2 ha cambiato voto, rispetto al 2008). Forse incide l’essere percepiti, in Emilia-Romagna, come forza politica di conservazione, che governa da anni. Numeri e tendenze da non sottovalutare, evitando l’errore già fatto anni fa con la Lega, anche in vista delle prossime scadenze che interessano il territorio cesenate: le elezioni amministrative del 2014 e quelle di Sarsina, già tra qualche mese”.

      Ecco, qui mi fermo.
      Ho citato alcuni passaggi, e avrei potuto aggiungerne altri (ma già sono stato troppo lungo).

      Lo ripeto: si può certamente non essere d’accordo con questa mia idea di Pd e di Paese che, con umiltà e coerenza, ho cercato di portare avanti in questi anni.
      Però dire che queste cose non le ho mai dette, non è molto onesto: il post qui sopra, che tu hai commentato, è proprio una sintesi delle tante riflessioni fatte in questi mesi e anni.

      Provvedo a cancellarti dalla mailing-list della mia newsletter, anche se lo faccio con dispiacere: essa, infatti, altro non è che un piccolo strumento per ricevere spunti e sollecitazioni su quella che è la mia attività in Regione e per confrontarsi sull’attualità politica. E i commenti possono (e devono!) essere anche critici!

      Mentre sulla scarpa col buco non ti darò ascolto: non ho nessuna intenzione di toglierla. Piaccia a no, sta lì a ricordarmi quelle che sono le mie origini, che penso di non avere mai tradito: vengo dalla campagna e sono figlio di contadini, ho cercato di fare il sindaco tra la gente e provo ad essere un politico terra-terra.

      Un caro saluto,
      Damiano Zoffoli

  • Paolo Zammarchi

    Caro Damiano,
    condivido in pieno le tue riflessioni, che corrispondono alle preoccupazioni e alle speranze mie e di tante persone che conosco. Questo PD è finito, ma non è certamente scomparsa la necessità di una forza politica riformista e moderna, capace di prospettare una visione di società più giusta e solidale, in un mondo profondamente cambiato e in continua evoluzione. Insomma, “questo PD” è finito, ma non è morto perchè non è esurita la sua funzione. Occorre, a mio parere, recuperare le motivazioni originarie che portarono alla nascita del PD, per rinnovare e rilanciare questa forza politica, in modo che sappia affrontare con coraggio le nuove, difficili e inedite sfide che ci stanno dinanzi.
    Poi, se c’è qualcuno che è rimasto indietro di due rivoluzioni o ragiona con le categorie del novecento, pazienza… Non abbiamo, certo, perso la memoria del passato, anzi è proprio da una lettura onesta ed obiettiva delle esperienze politiche trascorse che possiamo e dobbiamo attingere idee ed energie per guardare al futuro, soprattutto quello delle nuove generazioni.

  • Fringui

    La risposta di Damiano a Milco Montalti (disinformato e arrogante) è una lezione di stile. Chi lo conosce, sa che è proprio così.