Gioco di squadra per scardinare la diabolica mentalità dell’azzardo

Una sintesi della serata del 7 maggio sul gioco d’azzardo patologico. Tanta partecipazione e interesse su di un tema drammaticamente attuale e sulla proposta di legge regionale che mira a contrastare il fenomeno.

"IL GIOCO D'AZZARDO: PREVENIRE E CONTRASTARE"Un faro puntato su di una malattia che cresce nell’ombra: il gioco d’azzardo patologico. Il convegno tenutosi martedì sera, 7 aprile, al Pd di Cesena ha voluto richiamare l’attenzione sul dramma di tante persone divenute schiave del demone del gioco. Una malattia, ormai riconosciuta come tale, dalle tremende ricadute sociali ed economiche, oltre che personali.

L’affluenza di pubblico, le numerose domande e l’attenzione ai relatori sono stati tutti indicatori chiari di come il problema cominci ad essere avvertito come tale dall’opinione pubblica. Dalla società sale insistente la richiesta di un intervento della politica.

Ed è quello che la politica sta cercando di fare, pur con tutti i limiti imposti dalle leggi nazionali attuali. Nel corso della serata, infatti, il consigliere regionale reggiano Beppe Pagani (Pd) ha presentato la proposta di legge “Norme per il contrasto, la prevenzione, la riduzione del rischio della dipendenza dal gioco d’azzardo patologico, nonché delle problematiche e delle patologie correlate”, di cui è primo firmatario.

“In questa proposta – ha spiegato – sono previste una serie di azioni, alcune delle quali forse a rischio di venire cassate dai tribunali, come è già avvenuto per certe ordinanze comunali. Ma non possiamo stare con le mani in mano di fronte a questo dramma. Nel peggiore dei casi, stimoleremmo comunque il Parlamento a intervenire in merito, magari riprendendo l’ottima proposta di legge presentata dal Pd la scorsa legislatura”.

Tra i provvedimenti contenuti nella proposta di legge regionale (la seconda in Italia dopo quella della Liguria) c’è la distanza minima di 500 metri della sale da gioco dai luoghi “sensibili” (come le scuole) e l’obbligatorietà per tutti gli esercenti (gestori di bar inclusi nel caso abbiano installato macchinette slot o simili) di seguire corsi appositi presso i Sert delle Ausl.

“Senza aspettare oltre – ha proseguito Pagani – dobbiamo, come regione Emilia-Romagna, scardinare la logica che tiene legata politica e gioco d’azzardo, superando la mentalità diabolica che esiste in questo paese, la nazione dove si gioca di più in Europa nonché al terzo posto nel mondo in questa poco invidiabile classifica”.

Eppure dal nuovo Governo non arrivano segnali confortanti, tanto che il nuovo sottosegretario di Stato all’Economia, Alberto Giorgetti (Pdl), si è espresso a favore del gioco d’azzardo, a suo dire vittima negli ultimi mesi di una campagna denigratoria.

Vero è che per lo Stato i giochi rappresentano una gallina dalle uova d’oro se si pensa che, nonostante la contrazione dei consumi, nel 2012 la spesa in gioco d’azzardo ha superato i 100 miliardi di euro. Ma queste “uova d’oro” non solo sembrano sempre più dei frutti avvelenati, ma stanno pure perdendo di valore per le casse dell’erario. Lo Stato, infatti, incassa sempre meno dai proventi dei giochi: se 10 anni fa era al 29 per cento, nel 2011 questo valore è sceso all’11 per cento.

In questo contesto gli enti locali, da soli, possono poco. L’assessore alle politiche per il benessere dei cittadini del Comune di Cesena Simona Benedetti ha illustrato l’impegno dell’Amministrazione per aumentare tra i cittadini la consapevolezza dei rischi del gioco, facendo prevenzione ad ampio raggio. Unico fronte possibile questo, al momento, dopo le bocciature da parte dei Tar di ordinanze comunali restrittive messe in opera da altri Comuni.

I problemi legati al gioco compulsivo sono stati affrontati nel corso della serata anche dalla psicologa Chiara Pracucci, autrice del libro “All in – Il gioco d’azzardo patologico” (Alimat edizioni): “In Italia giocano 30 milioni di persone. Di questi, 2 milioni sono giocatori problematici e 800mila giocatori patologici. E si tratta di dati sottostimati. Il giocatore d’azzardo compromette il proprio patrimonio, la propria attività lavorativa, la propria sfera sociale e familiare”.

Il direttore del servizio dipendenze patologiche dell’Ausl di Cesena, Michele Sanza, ha tracciato un identikit dei giocatori patologici in cura presso il Sert: giovani maschi alle prese con slot macchine e donne più mature schiave del gratta e vinci. Con numeri da brivido: “In cinque anni i casi di giocatori patologici curati dalla nostra Ausl sono passati da 6 a 63. Il gioco d’azzardo è una malattia che dipende tantissimo dall’ambiente, l’esposizione allo stimolo è micidiale. Allo stesso tempo, è importantissima l’aiuto delle famiglie e degli altri ex giocatori.  Se è vero che per guarire è necessario il consenso dell’assistito, la collaborazione della famiglia e il mutuo-aiuto delle associazioni giocatori anonimi agiscono profondamente a livello della motivazione, con un lavoro prezioso, sinergico e parallelo al nostro”.

Nel territorio emiliano e romagnolo sono attive 7 associazioni di giocatori anonimi e 4 gruppi di familiari dei giocatori. Alcuni esponenti dell’Associazione “Giocatori Anonimi Italia” erano presenti al convegno per portare una propria testimonianza: “A noi giocatori compulsivi non interessa vincere o perdere, quello che importa è il gusto del gioco e della sfida. Si smette di pagare le bollette, o il bollo della macchina, pur di giocare. E non si dorme alla notte pensando a dove trovare i soldi per giocare il giorno successivo. Pur di giocare le studiavo tutte: facevo bancomat alle 23:55 e poi di nuovo alle 00:05. E, nel frattempo, mentre facevo bancomat, mettevo il cartello “rotto” alla slot machine per non farmela “rubare” da altri giocatori”.

L’aiuto di altri ex giocatori e della famiglia può fare la differenza: “Grazie al Sert sono guarito. Ho imparato a fare, anche per 20 euro, un dettagliato bilancio familiare assieme a mia moglie. E appena ho soldi in tasca li spendo subito per pagare le bollette o pagare la cena a mia moglie. E dire che prima mi arrabbiavo con lei quando spendeva 10 euro mentre io ne spendevo 1000 alle slot”.

Un sostegno che non deve mai venire meno: “Si rimane giocatori tutta la vita, non si guarisce, ma ogni mattino, quando ci si sveglia, si può decidere di non giocare”.

Il consigliere regionale Damiano Zoffoli, promotore della serata, al termine della discussione ha invitato tutti i presenti a non far mancare il proprio contributo nelle settimane a venire: “Siamo solo all’inizio, un percorso si apre di fronte a noi. Per questo vi esorto a presentare, voi o per vostro tramite, osservazioni e suggerimenti per rendere più efficace questa proposta di legge”.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.